Marco_Bernasconi

5 BOMBE AD OROLOGERIA PRONTE AD ESPLODERE...

DJCFD:DJI   Indice Dow Jones Industrial Average
229 visualizzazioni
8
Cinque punti di infiammabilità da osservare mentre le relazioni USA-Cina peggiorano

- Dopo un breve periodo di apparente calma con la firma di un accordo commerciale a gennaio, le relazioni USA-Cina sono peggiorate drammaticamente negli ultimi mesi, con la pandemia di Covid-19 che ha aggiunto un nuovo e mortale vantaggio a un sempre più amaro e infuocato concorrenza.
 (I taiwanesi andranno alle urne sabato dopo una campagna in cui notizie false e l'ombra incombente della Cina e le sue ripetute minacce di invasione hanno avuto un ruolo di primo piano nel dare forma al dibattito. Garantire che lo stile di vita democratico del Taiwa abbia dominato un'elezione che sarà combattuto a stretto contatto tra il presidente in carica e anti-cinese Tsai Ing-wen e lo sfidante più pro-Pechino Han Kuo-yu.
Molti dei punti di interesse sono stati attivi questa settimana e gli osservatori seguiranno il parlamento annuale della settimana cinese, che inizia venerdì, per il Premier Li Keqiang e altri alti funzionari per consegnare i loro piani di difesa, diplomazia e una serie di altre questioni - comprese le relazioni con gli Stati Uniti

IL Virus fa rivivere gli scenari peggiori per le relazioni tra Stati Uniti e Cina

Ecco cinque aree principali in cui i due paesi sono in conflitto:

Commercio
La firma di un accordo sulle relazioni commerciali ed economiche a gennaio doveva essere un nuovo inizio per le due nazioni, con il presidente Donald Trump che dichiara che "il nostro rapporto con la Cina è il migliore che sia mai stato". Per attuare l'accordo, la Cina ha revocato le restrizioni su una varietà di importazioni agricole statunitensi tra cui carne bovina e pollame, ha continuato ad aprire il proprio settore finanziario e ha pubblicato una linea guida sulla protezione della proprietà intellettuale.

Il fulcro dell'accordo erano le promesse della Cina di acquistare più beni e servizi statunitensi, ma anche prima che il coronavirus colpisse gli analisti si chiedevano se quegli obiettivi fossero realistici. Ora, con la domanda cinese e la capacità produttiva e di trasporto degli Stati Uniti in calo a causa del virus - e dei prezzi in calo per energia e altri beni - quelle promesse sembrano ancora più fuori portata. La Cina è dietro dove deve essere per raggiungere gli obiettivi del 2020.

Kevin Hassett, un aiutante di Trump, ha detto a CNBC lunedì che mentre la Cina sembrava aderire all'accordo commerciale prima del virus, la pandemia ha portato un riavvio nei rapporti con gli Stati Uniti e "le tensioni sono alte con la Cina in questo momento". Se tali tensioni aumentano, un mancato raggiungimento dei termini dell'accordo potrebbe farla crollare.

Taiwan, Hong Kong
Il disaccordo di lunga data su Taiwan tra Stati Uniti e Cina si è surriscaldato nelle ultime settimane. Le due parti hanno discusso se Taiwan potesse partecipare a un recente incontro dell'Organizzazione mondiale della sanità e la Cina ha criticato il segretario di Stato americano Michael Pompeo per aver rilasciato una dichiarazione di congratulazioni al presidente taiwanese Tsai-Ing Wen mentre è stata inaugurata per un secondo mandato in carica - una pausa con le passate pratiche statunitensi. Il ministero della difesa cinese questa settimana ha denunciato l'atto di Pompeo come "sbagliato e molto pericoloso" e ha affermato che i militari "prenderebbero tutte le misure necessarie per salvaguardare saldamente" la sovranità cinese. Il ministero degli Esteri cinese ha minacciato separatamente ritorsioni. La Cina considera l'isola governata democraticamente una provincia.

All'inizio di questo mese, Pompeo ha ritardato un prossimo rapporto sull'autonomia di Hong Kong, la base per speciali privilegi commerciali che hanno contribuito a consolidare il suo status di principale centro finanziario. La città si sta preparando per un'altra potenziale estate di disordini tra proteste in ripresa che si oppongono alla crescente influenza della Cina .

Negli ultimi anni l'amministrazione statunitense ha ripetutamente sanzionato società tecnologiche cinesi come Huawei Technologies Co. e ZTE Corp. per aver infranto le sanzioni statunitensi, li ha inseriti nella lista nera e li ha accusati di essere una minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti.

Nell'ultima mossa, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha detto venerdì scorso che richiederebbe qualsiasi chipmaker straniero che utilizza la tecnologia americana per ottenere un licenza prima che possa essere venduta a società come Huawei e altre importanti aziende tecnologiche cinesi, tra cui SenseTime Group Ltd. e Megvii Technology Ltd.

A sua volta, il Ministero del Commercio cinese ha dichiarato di essere contrario alle nuove regole e adotterà tutte le misure necessarie per difendere i diritti e gli interessi delle società cinesi. Huawei ha avvertito separatamente che gli ultimi ostacoli porteranno un "prezzo terribile" all'industria tecnologica globale.

Coronavirus
Le due nazioni si sono scambiate accuse sempre più aspre per la gestione dell'epidemia di coronavirus. L'ultima salva è il puntamento di Trump al presidente cinese Xi Jinping, dopo una lettera lunedì all'Organizzazione mondiale della sanità che Trump ha accusato di essere troppo vicino alla Cina .

Trump punta il dito contro la Cina di Xi, escalating Fight Over Virus

I tweet di Trump fanno parte di una recente raffica di attacchi statunitensi, che includeva suggerimenti sul fatto che il virus fosse fuggito da un laboratorio nella città centrale di Wuhan. I diplomatici cinesi e i media statali hanno condotto la propria campagna respingendo le affermazioni secondo cui Pechino è responsabile della pandemia globale per fuorviare il mondo, tentando di sollevare dubbi sul fatto che il virus abbia prima contagiato gli umani a Wuhan e persino insinuando che l'esercito americano ha portato il virus in città.

Legami finanziari
Anche se l'accordo commerciale ha garantito un maggiore accesso alla Cina per le società americane, gli Stati Uniti stanno cercando di aumentare il controllo sui legami finanziari ed economici tra le due nazioni. Gli Stati Uniti stanno “caricando il turbo”, gli sforzi per ridurre la dipendenza delle sue catene di approvvigionamento dalla Cina , ha detto a Reuters un funzionario all'inizio del mese.

Questa settimana il Senato ha approvato in modo schiacciante la legislazione che potrebbe portare al delisting delle società cinesi che commerciano nelle borse statunitensi, e la scorsa settimana un piano di risparmio pensionistico per i lavoratori federali ha rinviato un piano per includere titoli cinesi nei suoi investimenti a causa delle pressioni dell'amministrazione Trump e alcuni legislatori al Congresso.
Commento: L’analisi ed i commenti che pubblico durante la giornata non costituiscono indicazioni di operatività daily. Si tratta di rumors provenienti dai miei contatti nelle trading room italiane e internazionali. E’ il pensiero degli operatori professionali, ed a volte può essere completamente diverso dall’operatività indicata nelle mie idee che sono invece frutto dell’analisi tecnica del mio metodo per quello specifico giorno. Questa analisi di preapertura e i commenti vanno invece intesi e interpretati come “sentiment” dell’operatore professionista in una ottica temporale più ampia.

Commenti

Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci