Marco_Bernasconi
Long

IL RISCHIO CRASH LA FED LO HA SPAZZATO VIA (PARTE 1 CONTINUA)

DJCFD:DJI   Indice Dow Jones Industrial Average
Grazie alla Fed, il mercato e’ gia’ proiettato sul 2021.

E’ senza precedenti la serie di interventi varati dalla FED da quando e’ iniziata questa crisi. Giorno dopo giorno, con interventi mirati, la Banca Centrale USA e’ intervenuta a sostegno dell’economia con lo scopo primario di ridurre o almeno limitare shock finanziari.
La frequenza degli interventi e degli annunci e’ stata quasi giornaliera, in un escalation che ha portato la FED a diventare il vero eroe di questa crisi. E’ la FED che sta salvando il sistema USA in primis, assicurandosi al contempo che ci sia anche sufficiente liquidita’ all’estero per chi necessiti di dollari.
Ma vediamo velocemente gli interventi posti in essere:
- 3 marzo: taglio dei tassi di 50 bps .
- 15 marzo: taglio dei tassi di ulteriori 100 bps .
- 15 marzo: riduzione dell’1.5% del tasso con cui le banche si possono finanziare nella discount window ed eliminazione dei vincoli di riserva obbligatoria.
- 17 marzo: la FED annuncia di volere comprare crediti commerciali e debiti a breve a sostegno dell’operativita’ delle aziende.
- 18 marzo: altri interventi diretti a garantire la liquidita’ al sistema.
- 19 marzo: interventi diretti a garantire liquidita’ in dollari tramite currency swaps.
- 20 marzo: acquista municipal debt tramite la Fed di Boston
- 23 marzo: il QE da 700 miliardi di USD diventa sostanzialmente illimitato.
- 23 marzo: la FED annuncia un piano di finanziamento per 300 miliardi di USD alle aziende e alle famiglie.
- 6 aprile: la FED fornisce supporto al Payment Protection Program del Tesoro USA con lo scopo di ridurre il piu’ possibile i licenziamenti nel periodo del lockdown.
- 9 aprile: la FED vara un nuovo pacchetto da 2.3 trillioni di USD che prevede l’estensione di crediti alle banche per l’attuazione dei programmi di PPP di cui sopra. A questo si aggiungono acquisti per 600 miliardi di prestiti emessi dalle banche alle aziende di piccole-medie dimensioni. La FED si impegna poi ad acquistare anche bond non investment grade oltre ad un piano di acquisto di 500 miliardi di bond emessi da stati e da comuni.

Di fatto, la FED ha messo sul piatto 6 trillioni di USD. L’azione della FED ha sostanzialmente eliminato i rischi finanziari del sistema USA.

Il rischio crash e’ stato spazzato via.
Commento: L’analisi di preapertura ed i commenti che invio durante la giornata non costituiscono indicazioni di operatività . Si tratta di rumors provenienti dai miei contatti nelle trading room italiane e internazionali. E’ il pensiero degli operatori professionali, che a volte può essere completamente diverso dall’operatività indicata che è frutto dell’analisi tecnica del mio metodo per quello specifico giorno. I commenti vanno invece intesi e interpretati come “sentiment” dell’operatore professionista in una ottica temporale più ampia.

Commenti

Giusta analisi il mercato anche se lentamente e in laterale salirà fino a fine anno e poi solo quando la situazione sarà sotto controllo forse tra metà 2021 fino ai primi del 2022 la FED uscirà dai programmi di stimolo e ci potrebbe essere l'ultimo crollo stile marzo 2020 ma dilazionato in più mesi di ribasso.
Rispondi
Direi che sono d'accordo. Condivido in pieno.
Rispondi
Mha! veramente ho paura che finiscano tutte le cartucce troppo presto senza riuscire ad abbattere il mostro....
Rispondi
maDManIT Unkytrade
@Unkytrade, Cartucce? Di cartucciere ne hanno all'infinito. Basta volerlo, basta crearle. In USA ci sono stati in disavanzo, ogni anno sono sempre gli stessi, e stati in avanzo e sono sempre gli stessi. Si chiamano stati uniti d'america. Dalle nostre parti ci sono poteri molto più antichi rispetto alla stessa scoperta dell'America. Del resto là, sono andati a comandare quelli che volevano e vogliono cambiare le cosa qua... e di cose ne son cambiate dopo la seconda guerra mondiale.
Comunque il problema è che il mostro non è il virus, il virus è un'arma e il mostro ha tante teste con nomi e cognomi. Pare che oggi ci troviamo nella fase finale del film "La Guerra dei Mondi" di Steven Spielberg, finale che tanto malcontento generò negli spettatori, nei critici e pare anche in Steven Spielberg. Questa fase sarà molto lunga, anni ed anni con l'arma che va e che viene e se servirà anche con nome e caratteristiche differenti.
A mio avviso servirà il sacchetto per il vomito anche per gli stomaci più forti.
Rispondi
Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci