Marco_Bernasconi

TWITTER E FACEBOOK SOTTO LA SCURE DI TRUMP?

NASDAQ:FB   FACEBOOK INC
Trump vuole una repressione su Twitter , Facebook ma la legge li protegge.
Questa è una buona cosa?

Le società di social media dovrebbero avere la responsabilità dei contenuti che le persone pubblicano sulle loro piattaforme e dovrebbero poter correggere ciò che dicono i politici?

Il dibattito su queste domande sta raggiungendo un punto di svolta, poiché il presidente Donald Trump si vendica contro Twitter per aver verificato i suoi tweet.

Dopo aver minacciato di "regolamentare fortemente" le società di social media o di "chiuderle", Trump ha firmato giovedì un ordine esecutivo che ordina al governo federale di rivedere la propria autorità per eliminare le società di Internet della loro protezione legale dalla responsabilità per i contenuti pubblicati sulle loro piattaforme.

La protezione legale deriva da una legge del 1996 chiamata Communications Decency Act, che trattava le società di Internet come le società di telecomunicazioni, non gli editori. Proprio come le società di telecomunicazioni non possono essere ritenute responsabili di ciò che le persone dicono sulle loro linee telefoniche, le società di social media non possono essere ritenute responsabili di ciò che le persone pubblicano sulle loro piattaforme.

Tale disposizione ha permesso loro di crescere in potenze finanziarie, tecnologiche e sociali. Ma i critici dicono che è arrivato a scapito di gravi danni alla democrazia americana sotto forma di disinformazione dilagante e discorso incivile.

Trump è arrabbiato per la decisione di Twitter di pubblicare collegamenti a materiale di verifica dei fatti insieme ai suoi tweet fuorvianti sull'affidabilità del voto per corrispondenza.

Il presidente, ironia della sorte, è stato uno dei maggiori beneficiari di un sistema che ora cerca di restringere. Ha raccolto oltre 80 milioni di follower su Twitter , dove fa regolarmente esplodere i critici, fa annunci e fa ricircolare informazioni spesso inaffidabili o false. Nei recenti tweet, ha promosso, senza prove, una teoria della cospirazione riguardante l'host di MNSBC e l'ex deputato del Congresso Joe Scarborough e un'affermazione secondo cui il voto per corrispondenza porterà a una frode.

Il presidente può cambiare la legge?
A dire il vero , gli esperti affermano che Trump probabilmente non ha l'autorità per annullare le tutele legali incorporate nella legge. Per fare ciò, potrebbe essere necessario che il Congresso sostituisca la Communications Decency Act con la sostituzione della legislazione che richiederebbe la firma del presidente, oppure agenzie governative come la Federal Trade Commission dovrebbero interpretare la legge in modo molto diverso.

Ma ogni tentativo di eludere la legge attuale probabilmente si imbatterebbe in un'opposizione in tribunale federale. Secondo quanto riferito, l'amministrazione di Trump ha anche minacciato di fare causa alle società di social media, mentre ha affermato che avrebbe cercato una legislazione in aggiunta al suo ordine esecutivo.

Washington, D.C., l'avvocato David Balto, ex direttore politico della Federal Trade Commission ed ex procuratore della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia, ha affermato che l'ordine esecutivo equivarrebbe al "solito bluster del presidente" e avrebbe poco da mordere.

"Gli sforzi di Trump non andranno molto lontano nel tentativo di intraprendere azioni di controllo simili a quelle di Potemkin con queste agenzie", ha affermato Balto. "Le agenzie sono straordinariamente ben consapevoli dei limiti della legge e qualsiasi indagine o contest riceverebbe una rigida punizione da un tribunale federale".

La realtà è che le società tecnologiche hanno una grande autorità per gestire le loro piattaforme quando lo ritengono opportuno a causa del Communications Decency Act e del Primo Emendamento, ha affermato Philip Napoli, professore di politica pubblica presso la Duke University e autore di Social Media e interesse pubblico: Media Regolamento nell'era della disinformazione.

"Queste piattaforme hanno esercitato una frazione dell'autorità a cui hanno diritto", ha affermato.

il governo federale non può impedire a Twitter di aggiungere un linguaggio di verifica dei fatti accanto ai tweet del presidente.

Non è "la censura, è un contro-discorso, che è fondamentale per il funzionamento del nostro Primo Emendamento", ha detto Napoli. "Un'entità aziendale come Twitter non può violare i diritti del Primo Emendamento di nessuno - solo il governo può farlo".

In che modo questo ordine esecutivo cambia le cose?
L'azione del presidente mette in luce un crescente conflitto sul fatto che le società di social media debbano censurare determinati contenuti, in particolare post politici, foto e video di natura politica.

Pur beneficiando del fatto che la legge federale non consente loro di essere incolpati per i contenuti sulle loro piattaforme, ci si aspetta che le società di social media sostengano che hanno un diritto di primo emendamento per rimuovere i contenuti o inserire informazioni di verifica dei fatti accanto ai contenuti quando vogliono .

Ma come possono le aziende che beneficiano di una legge che non le tratta come editori anche ottenere gli stessi diritti di primo emendamento degli editori?

Per anni, l'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha affermato che la sua azienda non era un editore e quindi non si sarebbe assunta la responsabilità dei contenuti del sito , purché non
violare le leggi o qualificarsi come pericolose per qualche motivo. Dopo le elezioni del 2016, tuttavia, Facebook ha iniziato a prendere varie misure per ridurre la visibilità delle teorie del complotto e degli articoli di notizie false sulla sua piattaforma.

Ma giovedì mattina, Zuckerberg ha detto alla CNBC che non crede che le società di social media dovrebbero intervenire per impedire ai politici di esprimere le loro opinioni.

"Non credo che Facebook o piattaforme Internet in generale dovrebbero essere arbitri della verità", ha detto Zuckerberg. "Il discorso politico è una delle parti più sensibili di una democrazia e le persone dovrebbero essere in grado di vedere cosa dicono i politici".

Il CEO di Twitter , Jack Dorsey, ha dichiarato alla fine di mercoledì in un tweet che la società non è un "arbitro della verità". Ha aggiunto: "La nostra intenzione è quella di collegare i punti delle dichiarazioni contrastanti e mostrare le informazioni in conflitto in modo che le persone possano giudicare da sole. Più trasparenza da parte nostra è fondamentale in modo che la gente possa vedere chiaramente il perché dietro le nostre azioni."

I commenti di Dorsey e Zuckerberg sono arrivati ​​dopo che Trump mercoledì ha minacciato di reprimere le società di social media, accennando all'ordine esecutivo a venire.

"I repubblicani ritengono che le piattaforme dei social media facciano tacere totalmente le voci dei conservatori", ha dichiarato Trump su Twitter . "Regoleremo con forza, o li chiuderemo, prima che possiamo mai permettere che ciò accada."

Supporto bipartisan per il cambiamento
Mentre i commenti di Trump sono stati accolti dalle critiche dei suoi avversari, non è il solo ad attaccare le società di social media.

In effetti, l'effetto dei social media sulla politica ha creato una sorta di particolare alleanza tra repubblicani e democratici che hanno entrambi diretto la loro ira sulle piattaforme tecnologiche, anche se per ragioni principalmente diverse.

"Si adatta al territorio delle aziende che forniscono un servizio così prezioso al pubblico in generale che la gente li colpisce da diverse parti", ha detto Balto.

Ad esempio, la senatrice Elizabeth Warren (D-Mass.), Una feroce critica di Trump, ha ripetutamente criticato Facebook e Google e ha proposto di sciogliere le società. Ha accusato loro di avere troppo potere e di maneggiare i dati degli utenti in modo improprio.

Il rappresentante degli Stati Uniti Alexandria Ocasio-Cortez (D-N.Y.), Ha dichiarato giovedì su Twitter che Zuckerberg è "preoccupato che l'operazione di PR di Facebook stia andando in pezzi poiché è stato scoperto che la loro piattaforma si basa su suprematisti bianchi e venditori ambulanti di disinformazione per avere successo".

Che ci sia un grado comune di costernazione tra repubblicani e democratici sulle società di social media è la ragione principale per cui un accordo per regolarle rimane una possibilità.

Come funzionerebbe?
L'attuazione effettiva di un regime normativo di successo rimane piena di problemi.

Per cominciare, la regolamentazione rischia di limitare l'innovazione, che potrebbe ostacolare l'economia americana. Inoltre, regolare gli algoritmi - che decidono, ad esempio, ciò che le persone vedono nel feed delle notizie di Facebook - sarà estremamente difficile per i burocrati che si muovono a un ritmo lento rispetto alla velocità della luce della Silicon Valley.

Parte del problema è che gli algoritmi che decidono quali risultati di ricerca vengono visualizzati su Google o i tipi di post visualizzati su Facebook sono straordinariamente complessi.

"Non c'è davvero nessuno in queste aziende che abbia una comprensione completa di come funzionano queste cose", ha detto Napoli.

Napoli ha affermato che una proposta che potrebbe avere successo è una qualche forma di commissione di controllo indipendente che monitorerebbe le decisioni algoritmiche prese dalle società di social media.

"Penso che l'algoritmo sotto controllo regolamentare sia una possibilità distinta", ha affermato.

Complicanti questioni nella spinta del presidente a reprimere le società di social media è che i "conservatori tradizionali" non supporteranno una regolamentazione onerosa a causa della loro sensibilità al libero mercato, Balto ha detto.

E mentre le proposte per sciogliere le aziende tecnologiche si sono dimostrate popolari tra alcuni democratici, non è chiaro se una tale mossa possa aiutare a migliorare la concretezza dei social media o eliminare il dibattito sulla censura della piattaforma, ha detto Napoli.

“C'è qualche soluzione perfetta? Egli ha detto. "Non che io possa vedere."
Commento: L’analisi ed i commenti che pubblico durante la giornata non costituiscono indicazioni di operatività daily. Si tratta di rumors provenienti dai miei contatti nelle trading room italiane e internazionali. E’ il pensiero degli operatori professionali, ed a volte può essere completamente diverso dall’operatività indicata nelle mie idee che sono invece frutto dell’analisi tecnica del mio metodo per quello specifico giorno. Questa analisi di preapertura e i commenti vanno invece intesi e interpretati come “sentiment” dell’operatore professionista in una ottica temporale più ampia.
Visita il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCG1UFEumkuddI0CM8Il-P3w
Prova GRATIS i servizi qui: https://orsoetoro.com/prova-gratuita-dei-servizi
Guadagna con le “le azioni dimenticate” qui:
https://www.orsoetoro.com/one-shot

Commenti

Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Messaggi Privati Chat Esci