Marco_Bernasconi

Cosa è successo stanotte in Asia? 11/08/20

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index
Le azioni asiatiche estendono il rally; S&P 500 è ora inferiore al suo ultimo massimo record solo dell'1%.

Le azioni crescono in Asia martedì, estendendo ulteriormente un ennesimo rally che ha portato l'S&P 500 a una distanza impressionante dal suo massimo storico set di febbraio.

Il giapponese Nikkei 225 ha aggiunto l'1,6% e Hong Kong ha guadagnato più del 2% nel trading iniziale, anche se il conteggio dei nuovi casi di coronavirus confermati in tutto il mondo ha superato i 20 milioni, secondo un conteggio della Johns Hopkins University.

I guadagni hanno fatto seguito all'annuncio del presidente Donald Trump, nel fine settimana, di un piano d'emergenza per aiutare l'economia, dopo che i colloqui a Capitol Hill per un pacchetto di salvataggio di maggiori dimensioni sono falliti.

Il clima di euforia ha ricevuto una spinta in più dai segnali che i colloqui potrebbero riprendere, e dal fatto che Trump ha suggerito ai giornalisti che sta pianificando un taglio dell'imposta sulle plusvalenze e una riduzione delle tasse anche per i lavoratori a reddito medio.

L'Hang Seng di Hong Kong è salito del 2,1% a 24.877,14, mentre il Nikkei 225 è salito a 22.686,53. In Corea del Sud, il Kospi è salito dell'1,3% a 2.418,91. L'S&P/ ASX 200 di Sydney è salito dello 0,9% a 6.167,10 e l'indice Shanghai Composite è salito dello 0,7% a 3.402,44.

In una notte, l'S&P 500 è salito dello 0,3%, a 3.360,47, dopo aver oscillato tra guadagni e perdite di piccola entità. L'indice di riferimento è ora inferiore al suo ultimo massimo record solo dell'1%.

Il Dow Jones Industrial Average è salito dell'1,3% a 27.791,44. Il Nasdaq composite ha perso lo 0,4%, a 10.968,36.

Trump aveva firmato degli ordini esecutivi durante il fine settimana per estendere un sussidio scaduto per i lavoratori disoccupati. Tali ordini esecutivi si sono rivelati più limitati di quanto gli investitori si aspettassero da un disegno di legge completo di salvataggio dell'economia, ma rimane la speranza che la Casa Bianca e il Congresso raggiungano alla fine un compromesso.

Sul mercato pesano le perdite per le azioni tecnologiche, in un contesto di preoccupazioni che il peggioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina possa implicare ritorsioni contro l'industria tecnologica statunitense.

Questo settore ha vissuto in gran parte la pandemia, grazie agli strumenti per il lavoro a distanza e alla domanda relativa agli acquisti online e all'intrattenimento, per contrastare le chiusure di attività e gli avvertimenti di messa in quarantena. I critici del rialzo dei prezzi delle azioni denunciano che le quotazioni delle azioni tecnologiche sono eccessive, anche dopo aver contabilizzato i loro enormi e resilienti profitti.

Gli investitori stanno cercando a Washington una rinnovata speranza di sopravvivenza per l'economia statunitense, che è entrata in recessione quando la pandemia ha preso piede in primavera.

Oltre al numero crescente di contagi di coronavirus in tutto il mondo, l'incertezza è cresciuta con l'aumento delle ostilità tra gli Stati Uniti e la Cina , le più grandi economie del mondo. L'ultima mossa delle loro crescenti tensioni è stata l'annuncio della Cina di sanzioni non specificate contro 11 politici statunitensi e capi di organizzazioni che promuovono cause democratiche, tra cui i senatori Marco Rubio e Ted Cruz .

Le due parti hanno in programma di tenere colloqui commerciali virtuali alla fine della settimana.

Nel complesso, la valanga di spesa pubblica e di stimoli monetari, con le banche centrali che acquistano beni per mantenere il credito a basso costo, hanno mantenuto i mercati in crescita da marzo.

"Con la Fed che acquista credito e salva indirettamente le azioni statunitensi, i trader non dovrebbero aspettarsi grandi correzioni anche se la vendita di titoli tecnologici persisterà nel corso della settimana di trading", ha detto Edward Moya di Oanda in un commento.

Il rendimento del Treasury a 10 anni è stato stabile allo 0,58%.

Il petrolio greggio statunitense di riferimento per la consegna di settembre ha guadagnato 23 centesimi a 42,17 dollari al barile nel trading elettronico sul New York Mercantile Exchange. Lunedì è salito di 72 centesimi per stabilirsi a 41,94 dollari al barile. Il greggio Brent per la consegna di ottobre ha guadagnato 14 centesimi a 45,13 dollari al barile. È salito di 59 centesimi a 44,99 dollari al barile durante la notte.

Il prezzo dell'oro è sceso di 9,00 dollari a 2.030,70 dollari all'oncia.

Questo è veramente tutto per questa notte.

Commenti

Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci