MauroPucciarelli
Formazione

IL "LAVORO" DEL TRADER - II parte

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index
96 visualizzazioni
11
Girovagando per il sito in cerca di spunti operativi e visionando con attenzione ( questa è forse la peculiarità più importante che un buon trader dovrebbe possedere) le idee di colleghi per avere conferme o confutazioni alle mie tesi, mi sono imbattuto nelle considerazioni assolutamente condivisibili di @MattiaPvn che riporto integralmente in quanto completano il mio pensiero e danno ulteriori spunti di riflessione a noi tutti.


Riprendo quanto scritto:
Il virgolettato non è casuale; quel che facciamo ogni giorno è qualcosa difficile da spiegare ai non addetti.
Sarà capitato a tutti noi, presumo, che la maggior parte dei nostri interlocutori se ne esca con una espressione tipo "ho capito...SCOMMETTI in bosra" o simili che a me provoca solo un sorriso ironico con un conseguente e repentino cambio di argomento della conversazione.

Per alcuni è un vero LAVORO che comporta ore di studio preliminari, ore di continua osservazione in attesa di una decisione o di attesa del segnale per una decisione presa in precedenza, preoccupazioni e affanni e frustrazioni.
Ma al contrario di un "vero" lavoro qui manca a volte una componente peculiare: il compenso.
Per altri è una PASSIONE a cui ci si dedica con amore e costanza in quanto parte del benessere psicofisico della propria vita.
Per altri ancora può diventare una DIPENDENZA con tutte le implicazioni che questa situazione può dare.
Per altri , infine, una vera PATOLOGIA che distrugge la propria vita e rende impossibile quella di chi gli sta accanto.

Tutte le figure finora descritte sono in ogni caso figure REALI, di chi si alza al mattino e sa bene, ciascuno in base al proprio "trader-tipo" che potrà vincere o perdere, gioire o patire, ridere o piangere.

Vi è al contrario un'altra categoria di trader, ben descritta dalla letteratura di settore: il "paper trader" cioè colui che fa trading sulla carta.
Anch'egli studia e prende decisioni e, spesso - quando non si fa prima di diventare grandi e fare il trader vero - con l'aria da professorino dispensa il suo sapere agli altri .
La peculiarità del "paper trader" è però un'altra NON METTE IN GIOCO NULLA...la sua posta nel piatto MANCA.
Qualcuno potrebbe a questo punto chiedersi perché tante ore di lavoro perso, tanti affanni, decisioni da prendere, responsabilità nel dispensare consigli e nulla da mettere in saccoccia nemmeno quando hai fatto tutto alla perfezione?
Bene, la peculiarità del PAPER TRADER, al contrario di quello vero , è che IL COMPENSO c'è SEMPRE.
Come?
Semplice: il professorino saccente, sempre sereno anche quando sbaglia.... e SBAGLIA! prende certe cantonate che tramortirebbero un toro, sempre pronto a sbeffeggiare gli altri , perché lui non facendo trading reale NON perde mai , lui è depositario della verità assoluta, lui prevede il mercato e lo anticipa anche di settimane, lui si FA PAGARE.....

Nulla di male....intendiamoci.
La consulenza è un lavoro degno della massima stima ed è giusto che venga remunerato; l'ho fatta da anni e continuo a farla in altro ambito e sarei un ipocrita a sostenere il contrario...ma....!!!!!!!!!!!!


...e completo col pensiero di Mattia:
Personalmente ritengo il trading un attività adatta a poche persone rispetto ai normali lavori, questo perche oltre al dover sviluppare delle skills tecniche bisogna sviluppare delle skills mentali. In breve, bisogna cambiare e mutare le nostre convinzioni a livello psicologico.
Proprio per questo, le motivazioni per cui non dovresti fare trading sono per lo più soggettive, riguardanti la sfera comportamentale e personale.
Tuttavia ci sono anche delle motivazioni negative e più oggettive, come il rischio dell’attività in se;
Questo rischio è legato alla leva finanziaria, che rappresenta il primo punto a cui bisogna fare molta attenzione poichè se usata senza conoscenza può, appunto, diventare un vero pericolo.
Un’altra motivazione oggettiva e sempre presente, riguarda semplicemente il rischio di incappare in truffe, sia a livello di formazione che a livello trading operativo. Fortunatamente negli ultimi anni si è un pò calmata la situazione a riguardo, ma ci vuole veramente poco per imbattersi in un broker che non fà i nostri interessi e ci riempie di commissioni e costi nascosti, sopratutto se questi si pubblicizzano e sembrano essere i più “presenti” sul mercato.

L’ultimo rischio oggettivo è quello della perdita.

Così scontato Mattia? Vi assicuro che per molte persone non è ancora scontato!

Come ripetiamo sempre all’interno del percorso, nei seminari e a tutte le persone con cui parliamo, perdere è normale, non esiste trader al mondo in grado di non prendere stop, anche il migliore dei traders subisce delle perdite, l’importante è che esse siano limitate, contenute e gestite nel migliore dei modi. Inoltre questa componente è intrinsecamente presente in tutto quello che facciamo nella nostra vita, anche se nel trading non viene mai data per scontata ma anzi demonizzata, a differenza di altre attività.

Passando ora sul lato soggettivo e comportamentale, ho scritto ed elencato solo alcuni dei motivi per cui qualsiasi persona che si riconosce in questi comportamenti, NON DOVREBBE FARE TRADING:

-Persone che non hanno ancora compreso e accettato il fatto che il trading NON E’ FACILE.

-Le persone che non hanno MOTIVAZIONE, cioè uno scopo per agire, per fare quello che fanno, per iniziare appunto la loro attività di trading.

-Persone che non hanno VOGLIA DI iniziare un percorso di studio per acquisire e sviluppare competenze tecniche, unite allo sviluppo della propria personalità.

-Quelli che solitamente scaricano la colpa su gli altri o alla sfiga, persone che abitualmente non si assumono le loro responsabilità.

-Soggetti fortemente superstiziosi.

-Persone che NON amano studiare, imparare ed evolversi.

-Quelli che considerano il trading sullo stesso piano del gioco d’azzardo.

-Le persone che immaginano il trading come una scorciatoia per ottenere soldi facili.

-Quelli che “tanto l’80% dei traders è perdente”

-Le persone che pensano che il mercato si muova in maniera casuale.

-Le persone inclini all’azzardo.

-Quelli che non hanno o non vogliono sviluppare la costanza e la disciplina.

-Le persone che non hanno o non vogliono sviluppare l’arte della pazienza.


Buone riflessioni a tutti.....

Commenti

Grazie Mauro per avermi citato ed aver riportato parti del mio articolo! Portiamo più formazione sana possibile in questa piattaforma, rendiamo consapevoli più persone possibili di quello che è realmente il trading. Alla prossima!
Rispondi
@MattiaPvn, ti ringrazio io di avermi permesso di implementare le mie considerazioni col tuo pensiero
Rispondi
Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Invita un amico I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci