Marco_Bernasconi

Ennesimo nuovo record storico del Dow Jones.

NASDAQ:IXIC   Indice Nasdaq Composite
“Non c’è niente di più rischioso della percezione diffusa che non esista alcun rischio”.
Howard Marks


Nell’ultima sessione a Wall Street, l’SP 500 è salito del +0,82%. Nel momento in cui scrivo questa analisi i futures statunitensi sono positivi, i contratti del Dow Jones, del S&P 500 e del Nasdaq sono in salita del +0,15% circa.

Una giornata altalenante di trading a Wall Street si è conclusa ieri con i titoli azionari ampiamente positivi e un altro massimo storico per il Dow Jones.

I settori delle banche e dei tecnologici hanno guidato la svolta nell’ultima parte della sessione che ha spinto l’S&P 500 ad un rialzo del +0,82%, e questo ha rovesciato il bilancio settimanale invertendo dalle perdite iniziali. I rialzi della maggior parte delle società del Dow, tra cui Goldman Sachs, IBM e Cisco Systems, hanno spinto l’indice delle blue chip ad un nuovo massimo per il secondo giorno consecutivo.

Apple , Microsoft e Intel sono state le star del listino e hanno contribuito al rally dei titoli tecnologici. Questo ha sia aiutato il settore tecnologico dell’S&P 500 a interrompere una striscia di sette giorni di chiusure in rosso, ed ha invertito la perdita dell’intero Nasdaq.

Quello che aveva fatto vacillare gli indici azionari all’inizio della giornata, era stato un iniziale sell-off nei titoli farmaceutici.

La notizia del giorno prima mercoledì, con la quale la Casa Bianca sostiene la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID0-19 al fine di accelerare le vaccinazioni nei paesi più poveri ha spaventato chi deteneva i titoli dei produttori di farmaci Moderna e Pfizer , che hanno chiuso negativi.

Il focus degli investitori rimane sugli utili aziendali in attesa del rapporto chiave sui posti di lavoro previsto per oggi.

Stiamo arrivando alla fine della “reporting season” e i numeri che sono arrivati sono, come accade regolarmente a Wall Street, sopra alle aspettative. Le prospettive per il resto del 2021, come scrivo da molti giorni nelle mie analisi, mi sembrano buone. Con questa base il mercato può tendere a futuri rialzi.

Nessun settore del S&P 500 ha chiuso negativo nell’ultima sessione di borsa:
I settori del S&P 500 che sono stati maggiormente acquistati nell’ultima sessione di borsa sono stati:

  • Finanziario

  • Beni essenziali

  • Communication Services

Il valore dell’oro dal minimo di marzo di 1680$ dollari l’oncia ha guadagnato 130$ ed adesso si attesta sui $1817 dollari.

Il prezzo del greggio americano è salito di 18 centesimi chiudendo a 64,89 dollari al barile.

Il VIX S&P 500 soprannominato l’indice della paura è sceso ancora arrivando a 18,39, ricordo che il massimo delle ultime 5 settimane a 21,85 era stato raggiunto martedì.

Il minimo di oltre un anno è stato a 15,38 il 14 aprile.

  • Moderna ha perso il -1,4%. L’azienda ha riportato il suo primo profitto trimestrale, aiutato dal vaccino per il coronavirus. Il calo è stato in gran parte legato alle notizie dalla Casa Bianca,

  • Le azioni di altre società farmaceutiche sono scese, tra cui Pfizer , -1%.

  • Johnson & Johnson +0,4%. L’azienda non è stata danneggiata dalla notizia, in parte perché J&J ha altri prodotti top di vendita nei loro settori come i cerotti Band-Aids, l’antidolorifico Tylenol e la linea di prodotti per bambini.

I titoli azionari sono saliti molto nel 2021 sulle aspettative di una ripresa economica e di conseguenti forti profitti per le aziende quest’anno.

Il massiccio sostegno da parte del governo degli Stati Uniti e della Federal Reserve , e i dati economici sempre più positivi, hanno incoraggiato gli investitori e i prezzi delle azioni sono ai loro massimi storici, questo nonostante una certa preoccupazione per l’inflazione e il potenziale per un aumento dei tassi di interesse nel corso dell’anno.

Adesso il focus è sulla salute del mercato del lavoro.


Il governo presenterà i dati sulle assunzioni di aprile oggi.

La crescita del mercato del lavoro è stata una delle chiavi per un rimbalzo economico potente, al quale manca per essere completato la ripresa delle vendite al dettaglio e la fiducia dei consumatori.

Io tengo il dato sui posti di lavoro sia settimanale ma soprattutto mensile sempre al centro della mia attenzione.

I continui aumenti di posti di lavoro nel corso dell’anno sono importanti per monitorare i progressi dell’economia.

Mi aspetto che i dati sull’occupazione di aprile mostrino che le assunzioni abbiano raggiunto 975.000 lavoratori in aprile. Conseguentemente il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere al 5,8% dal 6%.

Qualche volta ascolto commenti nei quali i trader mi dicono che preferiscono stare fuori dal mercato perché prevedono un imminente ribasso.
Mi è successo diverse volte nelle ultime settimane di udire questi commenti. Questa strategia non ha pagato e coloro che hanno preferito uscire e guardare da fuori adesso non sanno cosa fare. I mercati non si affrontano così, è proprio durante la volatilità del mercato il momento in cui deve avvenire la ricostruzione del portafoglio, e che è fondamentale non sbagliare timing e comprare i titoli giusti.

La volatilità permette ai portafogli preparati di tornare liquidi ed utilizzare questa liquidità per acquistare i titoli giusti, nel momento giusto, a prezzi notevolmente più bassi.

Il trading finanziario consiste esattamente in questo.

Per verificare la qualità del mio lavoro vi consiglio di visitare la mia pagina statistiche.

A livello generale io credo che continueremo ad avere un po’ di volatilità nel mercato quest’anno, ma non vedo ipotesi catastrofiste al contrario io sono per uno scenario abbastanza roseo per i prossimi sei mesi.

I livelli dei 3 maggiori indici americani dopo l’ultima sessione di borsa sono:

  • L’S&P 500 è salito di 34,03 punti a 4.201,63 per un +0,82%. L’indice aveva raggiunto il massimo storico il 29 aprile.

  • Il Dow Jones è salito di 318,20 punti a 34.548,50 per un +0,93%. Nuovo record storico.

  • Il Nasdaq ha guadagnato 50,42 punti, o +0,37%, a 13.632,84. L’indice aveva raggiunto il massimo storico il 26 aprile.

L’indice Russell 2000 rappresentativo delle small-cap ha guadagnato il +0,10%, chiudendo a 2.241,42.


Dopo avere letto questa analisi vi invito a prendere visione dei miei 4 portafogli.

L'esecuzione di investimenti, posti in essere dovranno essere fatti sotto la supervisione di un professionista di vostra fiducia iscritto all'apposito Albo, saranno quindi a vostro completo rischio, non assumendo personalmente alcuna responsabilità al riguardo. L’operatività descritta è proposta in maniera teorica e allo scopo formativo nei mercati finanziari. L'intento di questa analisi è quindi esclusivamente divulgativo e non costituisce stimolo all'investimento e/o consulenza finanziaria.

Prova gratis il mio copy trading statistico! Testa personalmente il servizio e valuta la qualità dei segnali. https://www.marcobernasconitrading.com/it/prova-gratuita-2
Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.