MIL:PST   POSTE ITALIANE
Continua la tendenza al ribasso su Poste Italiane partita dalla rottura del supporto in area 10,80€ circa.

Dopo essersi spinto fino a fare un minimo a 8,3€, il titolo, ha messo in atto un rimbalzo importante annullato dalla resistenza dinamica della media mobile a 50 periodi in area 10,73€ circa. Da li i prezzi hanno iniziato a scendere fino a dare un primo segnale interessante con la candela del 20 aprile. Purtroppo quel movimento non ha avuto quella che poteva essere una conferma di un rimbalzo ed il titolo è ritornato indietro riportandosi nuovamente al ribasso. Come possiamo notare sempre dal grafico giornaliero, il titolo attualmente si ritrova in un'area supportiva ovvero quella compresa tra i 9,7€ e i 9,6€.

L'indicatore di forza relativa sul grafico settimanale ci mostra un titolo debole rispetto al mercato anche se nell'ultima settimana il titolo si è comportato meglio. Rimane comunque una tendenza negativa.

Che tipo di scenario possiamo ipotizzare ?

Lo scenario che mi viene più probabile da ipotizzare è una continuazione della tendenza di fondo ribassista. La rottura dell’attuale supporto con anche la rottura della forza relativa dell’ultimo minimo, potrebbe spingere il titolo verso prezzi più bassi. La prima area di supporto interessante potrebbe essere quella dei 9,3€. Se anche quell'area dovesse essere rotta, la seconda area supportiva interessante potrebbe essere a 8,75€ circa.

Se la mia analisi ti è piaciuta lasciami un commento positivo con una donazione o un like come segno di ringraziamento.

** DISCLAIMER **
L'analisi è frutto di mie considerazioni personali e non è nessuna sollecitazione all'investimento! Operatività segnalate non posso sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore che agisce per libera scelta e a proprio rischio.


Danilo Ruttino
Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.