Marco_Bernasconi

DONALD TRUMP COME ACHILLE LAURO?

SPCFD:SPX   Indice S&P 500
Vi racconto un periodo storico italiano che forse non conoscete.
Sono sicuro che troverete alcune analogie tra il modo di fare politica di Achille Lauro e questo momento storico di Donald Trump.
Achille Lauro è stato forse il primo politico delle "proposte shock": consigliere nazionale della Camera dei Fasci e delle Corporazioni, amico intimo di Galeazzo Ciano e presidente del Napoli calcio, nel secondo dopoguerra Lauro si è gettato a capofitto nel mondo della politica per risollevare le sorti di un paese, l'Italia, all'epoca povero e disgraziato sotto la minaccia comunista proveniente dall'est.
Amato e discusso, Lauro pensava che, nel bene o nel male, l'importante era far parlare di sè: attraverso il recupero dei valori che oggi definiremmo "non negoziabili" (religione, famiglia, patria), Lauro combattè lo spauracchio comunista con veemenza "nel rispetto di una tradizione cristiana, occidentale e liberale".
O' Comandante, il soprannome che Lauro si era guadagnato da armatore, faceva campagna elettorale dentro la pancia del popolo: i mitici banchetti in cui si distribuivano pacchi di pasta da 1kg sono ancora una leggenda popolare a Napoli, così come le banconote tagliate a metà e i dollari di piccolo taglio distribuiti alla cittadinanza. Achille Lauro faceva politica "con le scarpe spaiate": distribuiva ai comizi centinaia di scarpe sinistre e finiva il paio consegnando le destre solo dopo il voto.

Il decreto appena firmato da Trump di dare un sussidio "motu proprio" ai disoccupati visto che il congresso non si sta mettendo d'accordo.
MA CON LA POSTILLA che "Se vinco le elezioni, posso prolungare e terminare", ripetendo un obiettivo a lungo termine, ma rimanendo in silenzio su come finanzierà le prestazioni di assistenza sanitaria e previdenza sociale che la tassa del 7% sul reddito dei dipendenti copre. Somiglia ad una delle azioni che faceva Achille Lauro in campagna elettorale.

Ma andiamo con ordine:
Il presidente Donald Trump ha bypassato i parlamentari del congresso USA, rivendicando l'autorità di posticipare le tasse sulle retribuzioni e di sostituire il sussidio di disoccupazione scaduto con una somma di importo inferiore, dopo il fallimento delle negoziazioni del Congresso su una nuova soluzione per il sostegno ai disoccupati.

Le disposizioni di Trump di sabato hanno interferito con il controllo del Congresso sulla spesa federale e sembravano suscettibili di essere oggetto di contestazioni legali. Il presidente aveva espresso le sue intenzioni come dovute, dato che i legislatori non sono stati in grado di raggiungere un accordo al fine di immettere più soldi nell'economia in difficoltà, questo metterebbe a repentaglio la sua rielezione di novembre.

Trump ha deciso di continuare a pagare un sussidio di disoccupazione federale supplementare per milioni di americani senza lavoro durante lo scoppio dell'epidemia. Ma il suo decreto prevede pagamenti fino a 400 dollari alla settimana, un terzo in meno rispetto ai 600 dollari che le persone hanno ricevuto finora. Quante persone avrebbero ricevuto il sussidio e quanto tempo ci sarebbe voluto per arrivare sono questioni ancora in sospeso.

Il precedente sussidio di disoccupazione, scaduto il 1° agosto, era interamente finanziato da Washington, ma Trump ha chiesto agli Stati di coprire ora il 25%. Trump sta cercando di mettere da parte 44 miliardi di dollari in aiuti di emergenza precedentemente approvati per sostenere gli stati, ma ha affermato che spetterebbe agli stati stabilire la quantità, se necessario, da finanziare, in modo che i benefici possano essere ancora più piccoli.

Molti stati hanno già dovuto far fronte a carenze di bilancio a causa della pandemia di coronavirus e avrebbero difficoltà ad assumersi il nuovo obbligo.

Trump spera che i quattro ordini esecutivi che ha firmato segnalino agli americani che sta agendo dove il Congresso non intende affrontare le ricadute economiche della pandemia COVID-19, che ha sconvolto quasi tutti gli aspetti della vita americana. Non è chiaro quale sarà l'impatto economico delle sue azioni, e i suoi ordini non riguardano diverse aree che hanno fatto parte dei negoziati del Congresso, compresi i finanziamenti per le scuole e i governi statali e locali.

La Presidente della Camera Nancy Pelosi e il leader delle minoranze del Senato Chuck Schumer hanno liquidato le azioni di Trump come "scarse" di fronte alle crisi economiche e sanitarie che gli americani devono affrontare. I democratici in un primo momento hanno richiesto un pacchetto di 3,4 trilioni di dollari, ma hanno detto di aver abbassato la loro richiesta nei colloqui a 2 trilioni di dollari. I repubblicani avevano proposto un piano da 1 trilione di dollari.

L'avversario democratico di Trump nella corsa presidenziale, Joe Biden , ha definito gli ordini "una serie di misure a metà strada" e lo ha accusato di mettere a rischio la previdenza sociale, che è finanziata dalla tassa sui salari.

La scelta di Trump di adottare azioni esecutive per eludere il Congresso è in netto contrasto con le sue osservazioni sull'uso più limitato di ordini esecutivi da parte dell'ex presidente Barack Obama. Anche se Trump l'ha indicato come un passo obbligato, visto il deterioramento dei negoziati del Congresso, il presidente stesso non ha partecipato attivamente a quei colloqui.

Le ordinanze "si occuperanno più o meno di tutta questa situazione, come la conosciamo", ha detto Trump, nonostante il fatto che siano di portata molto inferiore rispetto alla legislazione del Congresso, e anche gli aiutanti del Presidente hanno riconosciuto che non soddisfano tutte le esigenze.

Oltre all'estensione di alcuni sussidi di disoccupazione, i decreti di Trump chiedono un rinvio dell'imposta sui salari e dei pagamenti dei prestiti federali per gli studenti e gli intenti di fermare gli sfratti. L'ordine esecutivo per gli sfratti obbliga il Ministero del Tesoro e i dipartimenti per lo sviluppo edilizio e urbano a individuare i fondi per fornire assistenza finanziaria a coloro che lottano per pagare l'affitto mensile.

Trump ha detto che la parte dell'imposta sui salari dei dipendenti sarà rinviata dal 1° agosto alla fine dell'anno. Il cambiamento non aiuterebbe direttamente i lavoratori disoccupati, che non pagano l'imposta quando sono disoccupati, e i dipendenti dovrebbero rimborsare il governo federale eventualmente senza un atto del Congresso.

In sostanza, il rinvio è un prestito senza interessi che dovrebbe essere rimborsato. Trump ha detto che cercherà di convincere i legislatori a prorogarlo, e la tempistica sarebbe in linea con una prosecuzione del decreto post-elettorale in cui il Congresso cercherà di far passare i progetti di legge sui finanziamenti governativi.

MUTATIS MUTANDIS... TRUMP come LAURO


Commenti