The CryptonomistThe Cryptonomist

PoR certificata per Binance: le riserve di Bitcoin sono garantite

È ufficiale: le riserve di Bitcoin di Binance sono completamente garantite, stando a quanto rivelato dalla società di revisione Mazars.

Infatti, dopo il crollo di FTX e la crescente sfiducia nei CEX, lo stesso Changpeng Zhao, CEO di Binance, si era espresso in merito al fatto che fosse necessario per tutti gli exchange crypto attuare una Prova delle Riserve certificata.

Motivo per cui CZ ha richiesto alla società Mazars di controllare prima di tutto la sua piattaforma in merito alla PoR, di cui si è avuto esito positivo nelle scorse ore. Come si legge sul profilo Twitter di CZ:

CZ Binance
@cz_binance

Audited proof of reserves. Transparency. #Binance https://t.co/IClZxTYaWp

Dic 07, 2022

“Prova certificata delle riserve. Trasparenza. Binance.”

Mazars è una delle più importanti società di revisione con sede a Parigi.

Non solo, è anche una delle più performanti società di contabilità internazionale e ha precedentemente lavorato per la società dell’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Binance a lavoro per rassicurare gli utenti: Mazars conferma l’affidabilità dell’exchange

Recentemente, la società di revisione Mazars ha pubblicato un rapporto sulle riserve di BTC di Binance. In particolare, la società di revisione è giunta alla stessa conclusione della stessa Binance.

A partire dal 22 novembre alle 23:59 UTC, Binance deteneva abbastanza Bitcoin per coprire tutti i saldi degli utenti sull’exchange.

Infatti, Binance aveva già lanciato un sito Web di prova delle riserve quasi due settimane fa per rassicurare i suoi utenti dopo il crollo di FTX . L’audit di oggi conferma solo che Binance non mente.

Tuttavia, come sempre, ci sono alcune limitazioni con questi esercizi di prova delle riserve.

La più grande fra queste è che Binance si sta concentrando solo su BTC, per ora. Se, ad esempio, si detengono altre criptovalute, non esiste ancora un sistema di prova delle riserve.

Sebbene Bitcoin sia ancora la criptovaluta più popolare, Binance ne offre centinaia di diverse. Dunque, si spera che questo sia solo un primo passo da parte di CZ.

Allo stesso modo, sia Binance che Mazars hanno esaminato le riserve di BTC il 22 novembre alle 23:59 UTC. E, sebbene sia difficile fornire un’istantanea, Binance non si è impegnata in una sequenza temporale per i suoi rapporti di prova delle riserve. Ad esempio, l’exchange di criptovalute potrebbe condividere i dati ogni settimana o ogni mese. Cosa c’è nella PoR di Binance: l’albero Merkle

Logicamente, dopo aver sentito parlare di un esito positivo per la PoR di Binance, viene spontaneo chiedersi come sia costituita e come funzioni. Nello specifico, cosa c’è nel sistema di prova delle riserve di Binance e nel rapporto di revisione di Mazars?

È importante prima di tutto sottolineare che Binance utilizza un albero Merkle per includere tutti i singoli account utente e generare un sigillo crittografico. Questo albero Merkle copre i saldi degli utenti su diversi prodotti Binance: Spot, Funding, Margin, Futures, Earn e Options Wallet.

Binance, inoltre, ha anche elencato tutti i portafogli che detengono le risorse dei clienti. Dunque, gli esploratori blockchain ti consentono di ottenere il saldo dei portafogli crittografici semplicemente guardando gli indirizzi pubblici di quei portafogli. Il rapporto della PoR tra Binance e Marzas

Binance ha scoperto che i suoi utenti detenevano collettivamente 575.742,4228 BTC ($ 9,7 miliardi al tasso di cambio odierno) e che ha abbastanza BTC e BTC avvolto per coprire il 101% di questi fondi. Ha, quindi, contattato Mazars in modo che la società di revisione potesse verificare in modo indipendente ciò che stava dicendo l’exchange di criptovalute.

Mazars ha quindi chiesto a Binance di eseguire piccole transazioni in un momento specifico per dimostrare che i portafogli erano effettivamente sotto il controllo della piattaforma. Inoltre, per alcuni portafogli ha utilizzato un metodo diverso. In quel caso, Mazars ha utilizzato Etherscan e BSCscan per verificare che i portafogli ETH e BSC appartenessero a Binance.

La società di revisione ha verificato gli script che Binance sta utilizzando per estrarre il valore totale negli account utente. Mazars ha inoltre verificato che non vi fosse alcuna duplicazione degli ID utente e ha costruito il proprio albero Merkle utilizzando questo script open source sviluppato da SilverSixpence.

Alcuni utenti, ad esempio, hanno un saldo BTC negativo perché hanno utilizzato il servizio di margine e prestito con altre criptovalute come garanzia. Infatti, Binance, nel commento al rapporto di revisione, ha affermato:

“I prodotti a margine e di prestito di Binance sono sempre sovra-collateralizzati e soggetti a ulteriori controlli del rischio (come la liquidazione automatica). Questi prodotti utilizzano SOLO i fondi dei clienti che utilizzano attivamente Binance Earn prodotti come i risparmi i cui termini lo consentono.”

Se si tiene conto di tutto, Mazars e Binance giungono alla stessa conclusione per quanto riguarda le riserve di BTC. Quindi, questo è sicuramente un buon passo in termini di trasparenza. Ora, non resta che sperare che ci siano altri annunci nelle prossime settimane. Anche se, tendenzialmente, quando si tratta di CZ difficilmente si resta delusi.