ReutersReuters

Prada chiama Andrea Guerra per facilitare percorso successione - fonte

Prada 1913 si prepara ad accogliere nel gruppo l'ex AD di Luxottica Andrea Guerra per facilitare il passaggio generazionale ai vertici dell'azienda controllata dalla famiglia Bertelli.

Lo riferisce una fonte a conoscenza della situazione confermando quanto anticipato oggi da Repubblica.

Fondato a Milano nel 1913 dal nonno di Miuccia Prada come negozio di pelletteria, il gruppo quotato a Hong Kong è cresciuto fino ad avere 365 negozi diretti nel mondo a fine 2021 e ricavi annui per 3,7 miliardi di euro, di cui circa il 40% provenienti dall'area Asia-Pacifico.

Un anno fa l'AD Patrizio Bertelli, 76 anni - che con la moglie Miuccia, responsabile dell'aspetto creativo, ha trasformato Prada in un marchio globale - ha annunciato che il figlio Lorenzo gli sarebbe succeduto nell'arco di tre-quattro anni.

Il primogenito di Patrizio e Miuccia, 34 anni, è oggi responsabile del marketing e capo della Corporate social responsibility. E' entrato in Cda nel maggio del 2021 dopo un primo incarico in azienda nel 2017 per sviluppare la comunicazione digitale; ex pilota di rally, è da tutti riconosciuto come una persona che impara in fretta ma "è molto giovane e il gruppo è grande e complesso", commenta una seconda fonte.

Come non sempre accade nelle aziende familiari italiane, Prada ha affrontato in anticipo la questione della successione e sta pensando ora all'ingresso di una figura senior da affiancare a Lorenzo mentre cresce facendo esperienza sul campo, spiega la fonte.

Così il gruppo sta mettendo a punto gli ultimi dettagli per chiudere un accordo con Guerra, 57 anni, da poco uscito dal colosso del lusso francese Lvmh MC dove guidava la divisione Hospitality e i marchi Fendi e Loro Piana.

Sia Prada che Guerra non hanno voluto commentare le indiscrezioni.

"Credo che Guerra porterebbe una incalcolabile esperienza e grande spessore alla squadra manageriale di Prada", scrive Jefferies in una nota sottolineando che il mercato potrebbe apprezzare la notizia alla luce del fatto che il gruppo sta iniziando una fase di successione.

Per quanto riguarda lo stile, nel 2020 Prada ha chiamato il designer belga Raf Simons per condividere la direzione creativa con Miuccia Prada, una mossa da molti letta come un preparativo per quando la stilista, 73 anni, deciderà di ritirarsi.

Nel frattempo, a undici anni dal debutto alla borsa di Hong Kong, il gruppo del lusso ha avviato uno studio di fattibilità con alcuni adviser finanziari per valutare una doppia quotazione a Milano in modo da allargare la base degli investitori, hanno riferito altre due fonti. Si tratterebbe comunque di una 'quotazione tecnica', che punta a rendere negoziabili anche in Europa i titoli cinesi, senza procedere a una vendita di azioni e lasciando intatta la presa della famiglia sulla società, oggi pari all'80% del capitale.

Come AD di Luxottica dal 2004 al 2014, Guerra ha saputo spingere la crescita internazionale del produttore di montature facendone raddoppiare le vendite. Dal 2003 Luxottica ha la licenza per produrre e distribuire occhiali con i marchi Prada e Miu Miu.

Un altro storico manager di Luxottica, Massimo Vian, assunto nel 2005 dallo stesso Guerra e divenuto nel 2014 amministratore delegato prodotto e operations del gruppo di Agordo, è entrato in Prada a maggio 2020 come chief operating officer.

Iscriviti gratuitamente per scoprire la storia completa
News unlock banner