Marco_Bernasconi

SE SEI "TORO" NEL MERCATO ORA DOVRESTI COMPRARE LE BANCHE 😊

TVC:IXIC   Indice NASDAQ Composite
342 visualizzazioni
14
“If you believe in a USA recovery, then buy banks against the market.

Risulta facile essere bullish sul mercato quando lo si vede salire. A volte si finisce anche per creare delle relazioni inverse tra cause ed effetto: si finisce per diventare bullish sull’economia ed ottimisti sulla ripresa economica, perche’ gli indici salgono.. “COM”??

E allora questa mattina voglio mettere alla prova “i Bulls” e porre loro questa domanda: se siete cosi’ convinti che lo scenario prevalente sia quello (apparentemente) scontato dagli indici USA, cioe’ uno scenario a V, di ripresa certa e sicura non appena Mr Covid se ne sara’ andato, perche’ non comprate il settore bancario?

Aspettate prima di rispondere…
Guardate prima un GRAFICO CHE confronta la performance dello S&P500 con la performance degli indici bancari americani. Il primo e’ in flessione del 13% mentre gli altri due registrano perdite superiori al 45%.

Ancora convinti che i mercati azionari stiano scontando una ripresa a “V”?

Noi la pensiamo diversamente.
I mercati azionari stanno scontando un rallentamento macro, aumentando la pressione su quei settori che risentiranno maggiormente del degrado macroeconomico, del rallentamento della crescita e dell’aumento dei fallimenti societari.
I mercati azionari stanno penalizzando i titoli ciclici, quelli maggiormente esposti alla crescita e con maggiori rischi finanziari e stanno premiando i titoli con maggiore visibilita’ degli utili. Stiamo assistendo ad un mercato spaccato in due. Le vendite piovono copiose sui settori su cui c’e’ scarsa visibilita’ sugli utili a causa dell’incertezza futura legata al Covid. Al contrario, gli acquisti si concentrano su quei titoli che risultano meno affetti o che addirittura beneficiano delle misure di lock down, del cambio delle abitudini dei consumatori ( Netflix , Amazon, Roku, FB , Google , i grocery stores e pharmas). E poiche’ come abbiamo notato in precedenza, molti dei titoli acquistati pesano molto sui listini, il risultato e’ una loro salita.
Ma come spesso accade, “the devil is in the details”. E se guardiamo l’andamento del settore bancario, il mercato ci da un messaggio chiaro: “Be carefull”. STATE ATTENTI, STATE CAUTI

Il settore bancario rappresenta in modo chiaro la situazione attuale. Esso e’ penalizzato da un calo dei margini di interesse a causa delle politiche accomodanti della FED. Esso sara’ costretto a remunerare meno se non addirittura a non pagare i dividendi per salvaguardare i ratio patrimoniali, ed evitare un loro ulteriore peggioramento futuro in presenza di perdite su crediti che non tarderanno ad arrivare. In parole semplici: l’andamento delle banche e’ espressione della cruda realta’, di un’economia che sara’ in ginocchio ed in cui molte aziende faranno chapter 11, perche’ in serie difficolta’ finanziarie.

E allora vorrei lanciare questa provocazione ai “bulls”. Se siete cosi’ convinti che lo scenario prevalente sia quello di una ripresa a V dell’economia “perche’ questo e’ cio’ che scontano gli indici”, siate coraggiosi ed acquistate il settore bancario contro mercato. Attualmente c’e’ una sottoperformance da recuperare del 30%. Se avete ragione fate il trade della vita, perche’ in caso di effettiva ripresa macro, le banche risulterebbero il settore piu’ cheap, i fallimenti sarebbero inferiori delle attese e la profittabilita’ delle banche riprenderebbe a salire. In un secondo momento potrebbero tornare a salire anche i tassi, a beneficio del settore.

A tal proposito, vorrei richiamare la vostra attenzione su quanto detto ieri da Powell.
In primo luogo, egli ha affermato che “l’economia impieghera’ tempo per recuperare il momentum e che il trascorrere del tempo potrebbe trasformare i rischi liquidita’ in rischi di insolvenza”. Lo scenario che sposa Trump e’, a nostro avviso, lontano da quello a V e assomiglia molto di piu’ ad una U con la pancia molto arrotondata.
In secondo luogo, Powell ha scartato l’ipotesi di tassi negativi. Scartare tale ipotesi significa agire sul denominatore della formula del PV dello S&P500 . Esso tende ad abbassarsi se viene scartata la possibilita’ di fare scendere ulteriormente i tassi a breve. Gli utili futuri, fino a ieri scontati con tassi negativi sulla scadenza di gennaio, saranno scontati con tassi piu’ elevati, a detrimento del valore “fair” dell’indice.
In sostanza, dopo le parole di Powell, l’indice, ceteris paribus, risulta piu’ caro rispetto al giorno precedente. La leva tasso, per ora, non puo’ essere considerata a favore di un apprezzamento degli indici.
Ma le parole di Powell, probabilmente hanno inciso anche sugli spread sul credito. Parlando di rischio di insolvenza egli ha spostato il focus sulle difficolta’ finanziarie in cui verte il sistema, portando il mercato a prezzare un maggior rischio finanziario.
In questi termini va letto il ribasso di ieri e di oggi dei futures USA. improvvisamente l’azione della FED, considerata miracolosa fino a qualche giorno fa, agli occhi degli operatori sembra essere meno efficace. Ma ci saranno sicuramente occasioni per farli tornare nuovamente ottimisti.
Commento: leggo stamattina su BLOOMBERG, e prendo spunto per pubblicare su Trading View un’idea, le opinioni dei maggiori speculatori di Wall Street, si sono accorti che i prezzi delle azioni non sono mai state così care nella storia. Questa non è una novità per noi dal momento che con largo anticipo su tutti abbiamo venduto tutto il nostro portafoglio in UTILE.
Ci siamo posizionati SHORT LEVA 3 CON IL 20% DEL CAPITALE COME DA MIA REGOLA.
E SIAMO LIQUIDI CON IL RESTANTE 80% PRONTI A SFRUTTARE LE MIGLIORI OPPORTUNITA’ CHE ARRIVERANNO.
QUESTO E’ IL MOMENTO GIUSTO PER RILEGGERE LE MIE REGOLE CHE VI HO MANDATO E CHE VI RIPETO FINO AD ANNOIARVI SPESSO.
• DIVEVO INTRODUCENDOLE ALL’INIZIO DELLA VOSTRA ESPERIENZA CON ME CHE PER MOLTI DI VOI SARANNO SENSAZIONI MAI PROVATE PRIMA E CHE VI TOGLIERANNO MOLTA DELL’ANSIA CHE IL TRADING AZIONARIO HA INSITO IN SE E NELLO SPECIFICO.
1. NON AVERE IN PORTAFOGLIO POSIZIONI VECCHIE CON PERDITE PESANTI DA MEDIARE.
2. AVERE SEMPRE DELLA LIQUIDITA’ RESIDUA DA INVESTIRE.
3. NON TROVARSI MAI DALLA PARTE SBAGLIATA DEL MERCATO O PEGGIO NON AVERE MAI SAPUTO QUALE FOSSE LA PARTE GIUSTA .
4. OPERARE CON UNO STRUMENTO “HEDGING” A PROTEZIONE DELL’INVESTIMENTO LONG NELLA FASE SHORT DEL MERCATO.
5. OPERARE CON UN PORTAFOGLIO “DIVERSIFICATO E BILANCIATO IN MANIERA PONDERATA E DISCIPLINATA”.
COME VEDETE ALL’EPOCA QUELLA POTEVA SEMBRARE UNA BELLA TEORIA, MI COMPLIMENTO INVECE CON VOI CHE MI AVETE SEGUITO, PERCHE’ AVETE DIMOSTRATO CHE NON ERA UNA “BELLA TEORIA” SOLAMENTE, MA CHE ORA STATE VIVENDO IN TEMPO REALE ESATTAMENET QUESTA ESPERIENZA.

Commenti

Lettura sempre piacevole ma comunque io seguo te nel settore Banche e il settore aereo cosa ne facciamo ? Il colosso Boeing ? Io per passare il tempo opero solo in Intraday o quasi e con una ,due azioni da marcare stretto. Sono della opinione che il bello deve ancora arrivare. Ai posteri l'ardua sentenza.
+1 Rispondi
@ulisse010, avrei tante cose da dire.... e mi riservo di dirle tutte nel momento opportuno...👍😊
Rispondi