Ichimoker_Fen1x

NZD/CHF: Inversione FOTSI su H4

Short
OANDA:NZDCHF   NZD/CHF
Buongiorno a tutti. Oggi trado eccezionalmente un'inversione FOTSI su H4 anche se non è il TF che preferisco.
I livelli sono segnati sul grafico.
Il TP segue dinamicamente la EMA50 e la EMA100.

Per ulteriori informazioni controllate i link in firma.
Iscriviti al webinar su Indici e Commodities
https://bit.ly/2InWVKy

Usa MT4 come TradingView con l'EasyTradeManager:
https://t.ly/WBlp

GruppoTelegram ☑️
https://bit.ly/2UYuyF7

MyfxBook:
https://bit.ly/3m2dLNh

Commenti

Fammi capire il tuo rischio è più grande del guadagno?😳 stai giocando alle macchinette?
+3 Rispondi
@catalin99, ciao e grazie per il tuo intervento.

Capisco le tue perplessità e i tuoi dubbi, ci sono passato molto prima e la pensavo proprio come te.
Ma uno studio davvero serio ha cambiato questo mio modo di pensare.

È un luogo comune credere che uno stop più stretto sia meglio di uno largo.
Studi statistici hanno detto che è vero, ma questo vale per le strategie di tipo trendfollowing.

È sempre luogo comune dire che è meglio entrare a favore di trend perchè "trend is your friend" e quindi prediligere le strategie trendfollowing, ma non è esatto, ci sono situazioni in cui andare contro trend paga, e il FOTSI sa individuarle bene.
Ci sono dei cross in cui è addirittura sempre meglio entrare contro trend e altri dove è sempre meglio andare trendfollowing.

-Come si fa a sapere quando e su quali cross entrare trendfollowing e quando in inversione? E perchè?

La risposta a questa domanda migliora esponenzialmente i risultati e nel mio caso sono stato contentissimo di essermi liberato di questi luoghi comuni.

Nella mia firma trovi il myfxbook dove ho applicato tutti questi concetti.

Ci tengo anche a precisare che tutto ciò che ho studiato mi é stato dimostrato nero su bianco con prove evidenti.

Per ulteriori dubbi non esitare a chiedere.

-Francesco
+1 Rispondi
catalin99 Ichimoker_Fen1x
@Ichimoker_Fen1x, Grazie mille ma i miei dubbi gli ho risolti molto tempo fa, capendo che non esiste nessuna strategia, nessun indicatore che ti possa far guadagnare nel tempo costantemente. L'unica cosa di cui ha bisogno un trader e di pazienza, disciplina, perseveranza. Infine il fattore più importante che determina un trader professionista da un retail è il rischio/rendimento accompagnato dal money management. Ti faccio solo un piccolo esempio Luca fa 5 trade al giorno/settimana/mesi...lui usa il tuo stesso fattore di rischio 2:1, lui di 5 trade ne vanno in perdita 2, semplice calcolo..-2-2+1+1+1=-1% nonostante abbia conseguito 3 operazioni in profitto lui alla fine del resoconto giornaliero ecc.. è in perdita mentre Mattia che lui ha un rischio di 1:3 facendo le medesime operazioni: -1-1+3+3+3= +7%. Lo stesso vale per il money management, è una cosa matematica non servono libri,guru o altro per determinare questo fattore. È le dico che opero in trend, contro trend l'importante è come guardi il mercato da che prospettiva lo vedi da istituzioni o da retail. Le dico con gentilezza preferisco andare al casinò che operare sui mercati con un rischio di questo tipo, per essere profittevole deve conseguire solo trade di profitto altrimenti bastano 2 trade e si ritorna dove si è cominciato. Ma penso che lei sia un guru è non faccia mai perdite. Mi ricordo ancora come se fosse ieri la famosa farse" Il compito del trader non è quello di guadagnare ma di preservare il proprio capitale. " La ringrazio spero che comincerà a tagliare le perdite è aumentare i suoi guadagni. Altrimenti le dico in bocca al lupo. Salve.
Rispondi
@catalin99,
Le probabilità di raggiungere un take profit con rapporto più elevato diminuiscono in maniera inversamente proporzionale. Ciò significa che più è lontano il take profit e minori sono le possibilità di arrivarci. Questo è empirico, non serve nemmeno una ricerca per arrivarci.

Il suo esempio è una pura forzatura perchè ha applicato la stessa percentuale di operazioni vinte ad una serie di trades con rischio rendimento diverso, purtroppo la realtà non è questa.
Infatti facendo esattamente gli stessi trades e allontanando il TakeProfit, diminuiscono proporzionalmente le probabilità di successo della medesima operazione.
Il suo esempio è logicamente errato, purtroppo.
+1 Rispondi
catalin99 Ichimoker_Fen1x
@Ichimoker_Fen1x, La probabilità di raggiungere un target 1:3 è ugualemente proporzionata a raggiungere 2:1 ovviamente dipende tutto dal proprio mindset, il mio esempio non è forzatura perché anche se conseguissi 4 trade di fila in loss comunque sarei a -1% rispetto a lei che con un trade sbagliato dovrebbe farne 2+ in profit per recuperare la perdità. Lei lascia correre le perdite e taglia i profitti ciò che un trader non dovrebbe mai fare, e se mettiamo a confronto le mie performance con le sue sicuramente ci sarà un abisso di differenza, lei non opera per preservare il capitale ma per recuperarlo giusto? io di solito opero in swing è in day trading, nel day trading (1h/15m) al giorno faccio 5 operazioni se è una giornata brutta massimo 3 mi vanno in loss ma sono sempre in profit anche con 1:5/1:6 di R/R portate a take profit poi ovviamente le gestisci di conseguenza. Peccato che qui non si possono aggiungere alcune foto. Ma vedrebbe semplicemente la pura verità di un metodo con un rischio 1:3 è un metodo con 2:1 con il 75% entrambi di profitto fatto da un algoritmo. Comunque le auguro il meglio cordiali saluti se vuole cambiare, è avere ciò che vuole dal mercato le consiglio di tagliare le perdite. Salve.
Rispondi
@catalin99,
Putroppo il suo esempio non rispetta la logica nemmeno se posto al contrario.
Anche nelle operazioni perse la percentuale varia in base al Rischio Rendimento. Le operazioni andate in stop diminuiscono proporzionalmente con l'aumentare della grandezza dello stop.
Quindi su "n" trade confrontando 2 o più RR sulle stesse operazioni la risultante della equity risulta sempre prossima allo zero.

Le statiche dei miei trades sono comunque in chiaro, contenute nella mia firma di Tradingview, sono certo che tra le nostre equity ci sarà un abisso.
Rispondi
catalin99 Ichimoker_Fen1x
@Ichimoker_Fen1x, allora mettiamo tutti un stop loss sui massimi/minimi mensili e vendiamo o compriamo tutto tanto prima o poi sarò in profitto;). Certo profitti in demo con un 30% di gain magari ai neofiti riesce ad convincerli con queste cose e con l'acquisto del suo mitico FTOSI ma vorrei vederla nel arco di un anno, la sua strategia è perdere e correre per recuperare la perdita..poi fare 1000 operazioni ma se anche il 40% sono in perdita alla fine dell'anno non si ritira nulla. Infine i mie calcoli sono molto giusti e correrti, forse sei tu che hai studiato un pò poco matematica. Poi le consiglio il libro “Vivere di trading" li viene spiegato molto bene. Buona continuazione le auguro il meglio.
+1 Rispondi
@catalin99, se facessi il tipo di trading che descrivi il mio Drawdown non sarebbe 10 volte inferiore al gain. Purtroppo il suo è solo un goffo tentativo di dimostrare l'indimostrabile.
Rispondi
catalin99 Ichimoker_Fen1x
@Ichimoker_Fen1x, Io parlo del mio percorso, pensi che i trader professionisti usano il tuo metodo, pensi che si riescano a pagare la vita a Dubai, così non riescono nemmeno a pagarsi la spesa al discount. Per il fattore drawdown li dipende dal tuo metodo di operare e sti tranquillo che quello della tua strategia è molto altro d'altronde rischi tanto guadagni poco.Vorrei chiederti se fai una serie di stop loss diciamo 10 come fai a recuperarli con quante operazioni? Comunque non ho nulla contro di te, ognuno la pensa come vuole e come meglio crede. Stammi bene, ti auguro il meglio.
Rispondi
@catalin99, mi hai già augurato il meglio tre volte, inizio a sospettare che non sia così ahahaah (scherzo ovviamente).
Ma ci mancherebbe, io non ho nulla contro nessuno e sono sicuro che siamo entrambi in buona fede nel sostenere quello che diciamo.

Il Drawdown dipende direttamente dal rischio, maggiore è il rischio maggiore è il Drawdown, quindi il mio rischio è ovviamente basso.

Partiamo dal presupposto che questa strategia, con le regole che sono state formalizzate non farà mai 10 stop consecutivi, perchè è stata backtestata ecc...

Voglio dimostrarti comunque elasticità e disponibilità al dialogo visto che comunque è posto in maniera civile ed educata.
Nel remoto caso in cui facessi 10 stop loss consecutivi la mia perdita sarebbe esattamente il 10% del mio conto, con un MoneyManagment basato su una percentuale fissa del capitale.

Una cosa che forse non è arrivata, sicuramente perchè non conosci gli altri elementi della strategia è proprio il money managment.
Io so quanto rischio in quello stop loss, so la percentuale di operazioni che (statisticamente) andranno in profitto e so che nel lungo periodo, seguendo queste azioni, ho un ottimo edge sul mercato.

Detto in soldoni, io rischio l'1% e quando vado a target visto l'RR, cosidetto sfavorevole, guadagnerò sempre meno dell'1%, è verissimo, ma la percentuale di operazioni vinte fa si che, alla lunga, la percentuale guadagnata sarà maggiore della percentuale persa.

Quindi la domanda corretta sarebbe: Con il tuo rischio rendimento, hai una percentuale di operazioni chiuse in profitto tale da consentirti un guadagno?
E la risposta in questo caso sarebbe: Si, ce l'ho.
Quindi potrai chiedermi: E come fai a saperlo?
Io ti risponderei: Perchè la strategia è stata largamente backtestata sia su H1 sia su H4 con queste regole ed ha dato risultati positivi nel lungo termine, se cosi non fosse stato, non l'avrei mai tradata.
Rispondi
Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci