Marco_Bernasconi

TRUMP STIA ZITTO, A HONG KONG COMANDANO I CINESI

TVC:SHCOMP   Indice Shanghai Composite
104 visualizzazioni
9
Il primo giorno del più grande evento politico cinese dell'anno, Xi Jinping ha inviato un chiaro messaggio a Donald Trump: faremo ciò che vogliamo a Hong Kong e non abbiamo paura delle conseguenze.

Venerdì la Cina ha confermato che avrebbe effettivamente eluso la legislatura della città per attuare le leggi sulla sicurezza nazionale, che sono state a lungo resistite da residenti che temono di erodere le libertà di parola, di riunione e di stampa. L'annuncio, che è arrivato lo stesso giorno in cui la Cina si è astenuta dal fissare un obiettivo di crescita economica per la prima volta dopo decenni, ha innescato richieste immediate di nuove proteste e ha riportato l'indice MSCI Hong Kong nella sua peggiore perdita dal 2008.

Per Xi, la mossa consente a Pechino di riaffermare il dominio su un pezzo di territorio cinese in cui il suo governo è stato reso impotente durante le proteste a volte violente dell'anno scorso. Di fronte alla crescente disoccupazione nella terraferma a causa dell'epidemia di Covid-19 e il potenziale di una grande perdita alle elezioni legislative di Hong Kong fissate per settembre, il Partito Comunista ha deciso di guadagnare di più agendo con decisione per arginare eventuali minacce.

"Xi si sente minacciato, la leadership si sente minacciata - questa è una crisi", ha affermato David Zweig, professore emerito presso l'Università di Scienza e Tecnologia di Hong Kong e direttore della Transnational China Consulting Ltd. "Questa è, 'Non lo siamo daremo un centimetro, rafforzeremo e la sicurezza nazionale di Hong Kong come potenziale centro sovversivo è maggiore del suo valore economico "."

La mossa rischia di innescare l'ennesimo giro di escalation tit-to-tat tra Stati Uniti e Cina , che hanno visto i legami spiraleggiare nel peggiore degli ultimi decenni da quando Covid-19 ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo. Dalle catene di approvvigionamento e i visti al cyberspazio e Taiwan, le due maggiori economie del mondo sono in procinto di confrontarsi su una serie di fronti poiché sia ​​Xi che Trump cercano di conquistare i collegi elettorali nazionali alla ricerca di qualcuno da incolpare per un deterioramento degli standard di vita.

Il disagio all'interno della leadership del partito è stato messo in mostra all'apertura del Congresso Nazionale del Popolo a Pechino, dove il Premier Li Keqiang ha annunciato che la Cina avrebbe abbandonato la sua decennale pratica di fissare un obiettivo annuale per la crescita economica a causa della "grande incertezza" nel mondo economia. Pur distribuendo solo stimoli moderati, il governo ha comunque chiarito che stabilizzare l'occupazione era diventata la priorità assoluta. La spesa per la difesa quest'anno è destinata a crescere al ritmo più lento dal 1991.

"Ci impegneremo per mantenere sicuri i posti di lavoro esistenti, lavorare attivamente per crearne di nuovi e aiutare i disoccupati a trovare lavoro", ha detto Li.

Il passaggio da un obiettivo difficile per la crescita dell'output si rompe con decenni di abitudini di pianificazione del Partito Comunista ed è un'ammissione della profonda rottura che la malattia ha causato. Gli economisti intervistati da Bloomberg vedono un'espansione di appena l'1,8% quest'anno, la peggiore performance dagli anni '70.

La Cina ha cercato di evitare di ravvivare le tensioni commerciali con Trump, che ha intensificato la sua retorica contro Pechino poiché il suo numero di sondaggi è sceso sulla scia della pandemia. Li ha osservato che la Cina lavorerà con gli Stati Uniti per attuare l'accordo di "prima fase" che hanno raggiunto a gennaio, poco prima che il virus mandasse l'economia - e potenzialmente le prospettive di rielezione di Trump - su una contropunta.

"La leadership cinese non vuole essere accusata di andarsene o di rinnegare l'accordo commerciale USA-Cina", ha dichiarato James Green, ex funzionario del Dipartimento di Stato che ora è consulente senior della società di consulenza geopolitica McLarty Associates. "Se fallisce, a loro avviso, gli Stati Uniti dovranno essere quelli che premeranno il grilletto e andranno via."

La grande domanda ora è come risponderà Trump. Ha minacciato per settimane di abbandonare l'accordo commerciale e giovedì ha detto che gli Stati Uniti avrebbero reagito "molto fortemente" se la Cina avanzava con la legislazione sulla sicurezza nazionale di Hong Kong.

Sanzioni economiche
Qualunque azione concreta negli Stati Uniti verrà probabilmente annunciata in una valutazione dell'autonomia di Hong Kong: il Segretario di Stato Michael Pompeo ha ritardato un rapporto all'inizio di questo mese, apparentemente in previsione dell'ultima mossa della Cina . Secondo i termini del Policy Act degli Stati Uniti-Hong Kong del 1992, gli Stati Uniti accettarono di trattare l'ex colonia britannica come completamente autonoma per questioni commerciali ed economiche anche dopo che la Cina prese il controllo nel 1997.

Una legge approvata lo scorso anno consente agli Stati Uniti di sanzionare qualsiasi funzionario cinese ritenuto responsabile per minare l'autonomia della città o di fare qualcosa di più radicale come revocare il suo speciale status commerciale. Il Congresso potrebbe anche fare qualcosa nel mezzo, come vietare a Hong Kong di importare la delicata tecnologia degli Stati Uniti con applicazioni di consumo e militari - come la fibra di carbonio utilizzata per fabbricare mazze da golf e componenti missilistici.

Indipendentemente da ciò, le azioni statunitensi non avranno molto impatto sul modo in cui la Cina governa Hong Kong, date le recenti decisioni a Pechino, secondo Antony Dapiran, un avvocato con sede nella città e autore di "City on Fire: The Fight for Hong Kong". ”

"Se Hong Kong non è in grado di servire efficacemente come un rifugio sicuro isolato dai rischi politici di fare affari nel resto della Cina , non vi è alcuna logica per le imprese internazionali di essere qui", ha detto. "Possono andare direttamente in Cina o basarsi altrove in Asia".

Le altre opzioni di Trump per colpire la Cina non sono grandi: la recessione economica ha reso meno probabile che Trump spingerà Xi attraverso le tariffe, il che può aumentare i costi per le imprese e i consumatori americani. Invece gli Stati Uniti si sono concentrati sulla riduzione dei legami finanziari con la Cina , intraprendendo azioni che potrebbero portare a delisting alcune società cinesi dalle borse americane e passare a ristrutturare le catene di approvvigionamento di beni essenziali.

La Cina sente calore anche da altri paesi: le controversie sulla gestione del virus hanno messo a dura prova i legami con l'Australia e l'Unione Europea, mentre i paesi più poveri che hanno preso in prestito ingenti somme per infrastrutture nell'ambito dell'Iniziativa Belt and Road di Xi stanno lottando per rimborsare i soldi.

Ma il rischio maggiore per Xi è ancora la disoccupazione in casa. Con molti giovani senza lavoro sulla terraferma, l'ultima cosa che il Partito Comunista vuole è un risveglio delle violente proteste di Hong Kong, ha detto Zweig.

"Si sentono in pericolo, a rischio, e quindi lo stanno facendo", ha detto. “Forse cinque o sei mesi fa, si sentivano bene. Ma penso che molte cose crollino. "

- Con l'assistenza di Iain Marlow, Peter Martin, Lucille Liu e Yinan Zhao
Commento: L’analisi ed i commenti che pubblico durante la giornata non costituiscono indicazioni di operatività daily. Si tratta di rumors provenienti dai miei contatti nelle trading room italiane e internazionali. E’ il pensiero degli operatori professionali, ed a volte può essere completamente diverso dall’operatività indicata nelle mie idee che sono invece frutto dell’analisi tecnica del mio metodo per quello specifico giorno. Questa analisi di preapertura e i commenti vanno invece intesi e interpretati come “sentiment” dell’operatore professionista in una ottica temporale più ampia.

Commenti

Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci