Marco_Bernasconi

LA CINA STA A HONG KONG ADESSO COME L'ATTENTATO ALL'ARCIDUCA...

TVC:SHCOMP   Indice Shanghai Composite
109 visualizzazioni
9
FRANCESCO FERDINANDO D'ASBURGO, EREDE AL TRONO DELL'IMPERO AUSTRO-UNGARICO, AVVENUTO A SARAJEVO NEL 1914 FU ALLO SCOPPIO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE.
Ad originare la Prima Guerra Mondiale, fu un forte contrasto sorto per questioni legate al dominio economico mondiale da attuarsi attraverso i possedimenti coloniali, che vedeva coinvolte le maggiori potenze europee dell’epoca: da una parte la Germania e dall’altra l’Impero Britannico e la Francia.
A QUEL PUNTO SERVIVA UNA SCUSA PER SCATENARE CIO' CHE QUEI CONTRASTI ECONOMICI AVEVANO CREATO E IL PRETESTO FU' L'ATTENTATO ALL'ARCIDUCA FRANCESCO FERDINANDO D'ASBURGO, EREDE AL TRONO DELL'IMPERO AUSTRO-UNGARICO, AVVENUTO A SARAJEVO NEL 1914 CHE FU LA CAUSA DELLO SCOPPIO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE.

SARA' PROPRIO QUESTO EPISODIO QUELLO CHE SERVIRÀ' A TRUMP PER INIZIARE LA GUERRA COMMERCIALE CON LA CINA CHE E' SEMPRE STATA IL SUO OBBIETTIVO E CHE LA PANDEMIA HA SOLO RITARDATO?

La Cina si muove per imporre nuove leggi sulla sicurezza di Hong Kong, rafforzando il suo controllo
Tali regole consentirebbero a Pechino di prendere di mira le proteste che hanno attirato la città semiautonoma e hanno posto una sfida diretta al Partito comunista cinese e al suo leader, Xi Jinping.

PECHINO - La Cina si sta muovendo per imporre nuove leggi sulla sicurezza nazionale che darebbero al Partito Comunista un maggiore controllo su Hong Kong, minacciando di erodere le libertà che distinguono la città commerciale globale dal resto del paese.

La proposta, annunciata giovedì, ha riacceso la paura, la rabbia e le proteste per l'influenza strisciante del governo autoritario cinese nella regione semiautonoma. Ha anche infiammato le preoccupazioni che Pechino stesse cercando di smantellare la distinta identità politica e culturale che ha definito l'ex colonia britannica da quando è stata bonificata dalla Cina nel 1997.

Secondo il partito, tali leggi sono necessarie per proteggere la sovranità cinese da forze esterne determinate a minare il suo dominio. La legislazione darebbe a Pechino il potere di prendere di mira le grandi e spesso violente proteste antigovernative che hanno attirato Hong Kong per gran parte dell'anno scorso - disordini che hanno rappresentato una sfida diretta per il partito e il suo leader, Xi Jinping.

Regole simili proposte dal governo di Hong Kong nel 2003 avrebbero autorizzato le autorità a chiudere i giornali sediziosi e condurre ricerche senza garanzie. Quella proposta fu abbandonata dopo che innescò grandi proteste.

Questa volta, un ampio schema per le nuove regole verrebbe probabilmente approvato dalla legislatura cinese sul timbro di gomma, il Congresso Nazionale del Popolo, che terrà la sua sessione annuale a partire da venerdì. Il processo avrebbe effettivamente eluso il governo di Hong Kong, minando la relativa autonomia garantita al territorio attraverso una formula politica nota come "un paese, due sistemi".

Zhang Yesui, portavoce del Congresso nazionale del popolo, ha dichiarato in una conferenza stampa giovedì che i delegati rivedranno un piano per istituire un quadro giuridico e un meccanismo di applicazione per salvaguardare la sicurezza nazionale a Hong Kong. Non ha elaborato i dettagli del piano.

"La sicurezza nazionale è il fondamento alla base della stabilità del paese", ha affermato Zhang. "Salvaguardare la sicurezza nazionale serve l'interesse fondamentale di tutti i connazionali cinesi, compresi quelli di Hong Kong".

Nel chiaro sforzo di evitare le preoccupazioni internazionali, il ministero degli Esteri cinese ha inviato una lettera giovedì sera agli ambasciatori inviati a Pechino, esortandoli a sostenere la legislazione e delineare la posizione del governo.

"L'opposizione di Hong Kong ha da tempo colluso con forze esterne per compiere atti di secessione, sovversione, infiltrazione e distruzione contro la terraferma cinese", afferma la lettera.

La chiamata a emanare leggi sulla sicurezza nazionale gioca al centro dei disordini di Hong Kong: il timore che la Cina stia tagliando via alle amate libertà della città, come l'indipendenza giudiziaria e la libertà di parola. Inoltre alimenta la preoccupazione che il governo di Hong Kong abbia posto sempre più gli interessi di Pechino al di sopra di quelli dei residenti della città.

Le proteste a Hong Kong sono iniziate nel giugno dello scorso anno dopo che il governo locale ha cercato di emanare una legge di estradizione che avrebbe permesso ai residenti di essere trasferiti sulla terraferma per affrontare un sistema giudiziario opaco e spesso aspro. Sebbene le autorità di Hong Kong abbiano successivamente ritirato il disegno di legge, le manifestazioni sono continuate su richieste politiche più ampie, tra cui una richiesta di elezioni libere e un'indagine indipendente sulla condotta della polizia.

Il governo di Hong Kong e i manifestanti hanno entrambi adottato posizioni in gran parte senza compromessi e le manifestazioni sono spesso scese in scontri tra manifestanti che lanciavano cocktail molotov e agenti di polizia che sparavano gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Mentre le proteste sono state silenziate durante la pandemia di coronavirus, le frustrazioni in città hanno continuato a sobbollire.

E poiché le proteste sono persistite, Pechino è diventata sempre più vocale nelle sue obiezioni.

La Cina ha denunciato le proteste come atti di terrorismo e ha accusato le nazioni occidentali di fomenti
dei disordini. Il Comitato centrale del partito, un conclave di circa 370 alti funzionari, ha messo in atto le misure legislative in ottobre quando ha annunciato, dopo una riunione di quattro giorni, che avrebbe messo in atto nuove misure per "salvaguardare la sicurezza nazionale" a Hong Kong.

Il signor Xi, uno dei leader più potenti della Cina negli ultimi decenni, ha avvertito a dicembre che il partito non avrebbe consentito sfide alla sua autorità o l'interferenza di "forze esterne", un rimprovero velato al movimento di protesta di Hong Kong.

Un mese dopo, il partito ha segnalato che stava prendendo una linea più dura quando ha sostituito il suo rappresentante di alto livello a Hong Kong con un alto funzionario con un record di lavoro a stretto contatto con i servizi di sicurezza. Mentre fino a poco tempo fa il partito aveva lasciato la gestione della crisi all'amministratore delegato della città, Carrie Lam, Pechino ora sta soppesando più direttamente gli avvertimenti per non mettere alla prova la sua pazienza.

Giovedì, il People´s Daily, il portavoce ufficiale del Partito Comunista Cinese, e Xinhua, l'agenzia di stampa statale, hanno commentato chiedendo che il "tumore" del sentimento di indipendenza a Hong Kong venisse eliminato. Nessuno dei due ha specificato come ciò potrebbe essere fatto.

I funzionari cinesi sono stati a lungo frustrati dal fatto che il governo di Hong Kong non è stato in grado di approvare la propria legislazione sulla sicurezza. L'articolo 23 della Legge fondamentale, la mini-costituzione che regola lo status di Hong Kong sotto la Cina , impone al territorio di "emanare delle leggi per vietare qualsiasi atto di tradimento, secessione, sedizione e sovversione" contro il governo cinese.

Le proteste hanno solo intensificato le richieste di tali regole. I leader pro-Pechino di Hong Kong hanno affermato che sono necessarie leggi severe per prevenire ulteriori violenze di strada e proteggere la sovranità nazionale cinese.

La legislazione in fase di elaborazione non è "necessariamente una misura di arresto ma un mezzo necessario per colmare alcune lacune evidenti nelle leggi sulla sicurezza nazionale di Hong Kong", ha dichiarato Lau Siu-kai, ex funzionario del governo di Hong Kong che ora è vicepresidente dell'Associazione cinese di Hong Kong e Macau Studies, un gruppo consultivo d'élite di Pechino.

Lau ha affermato che il legislatore aprirà la strada alla sua commissione competente per redigere leggi sulla sicurezza specifiche di Hong Kong. Pechino incolpa gran parte dei disordini nel territorio semiautonomo sull'interferenza da parte di forze straniere invisibili, e l'obiettivo della prossima legislazione sarebbe quello di fermare quell'ingerenza, ha detto.
"Lo scopo principale è dimostrare la determinazione e la capacità di Pechino di salvaguardare la sovranità e la sicurezza nazionale e di porre fine alle turbolenze a Hong Kong", ha aggiunto.
Quasi immediatamente, la mossa del legislatore cinese ha suscitato preoccupazioni in merito alle ramificazioni per Hong Kong e alla condanna da parte dei sostenitori della democrazia della città.

Sui forum di Internet e sui gruppi di chat frequentemente utilizzati per organizzare le proteste, alcune persone hanno espresso preoccupazione sul fatto che le loro conversazioni passate potrebbero implicarle se fossero approvate le nuove leggi. Altri hanno esortato gli utenti a scaricare servizi di rete privata virtuale per nascondere le loro identità, mentre alcuni hanno discusso se cancellare le loro storie di chat e sciogliere i gruppi di discussione.

"L'indipendenza di Hong Kong è l'unica via d'uscita", ha cantato un gruppo di manifestanti riuniti giovedì in un centro commerciale di lusso.

Gli utenti si sono riversati su LIHKG, un forum simile a Reddit popolare tra i manifestanti, per scambiare battute su come l'imminente legislazione avrebbe cambiato la vita in città. Alcuni utenti hanno affermato che avrebbero giurato fedeltà alla Cina con giuramenti pieni di riferimenti alle proteste, mentre altri hanno salutato la città così come la conoscevano.

Nathan Law, un sostenitore della democrazia, ha invitato i manifestanti a non arrendersi. "In questo momento dell'anno scorso, non credevamo che la legge sull'estradizione sarebbe stata approvata? Gli Hong Kong hanno sempre creato miracoli ", ha scritto su Facebook .

L'imposizione della legislazione sulla sicurezza a Hong Kong rappresenta anche un nuovo colpo alla fiducia di investitori, turisti e altri che hanno contribuito a spingere la città alla prosperità nell'ultimo mezzo secolo.
come Singapore e Taiwan, per vivere e parcheggiare i propri soldi.

Hong Kong ha servito a lungo per incanalare denaro tra la Cina e il mondo esterno. Ma una più ampia repressione della sicurezza da parte di Pechino potrebbe indurre un maggior numero di investitori a preoccuparsi che Hong Kong non sia più al di fuori della portata autoritaria della Cina .

"Questa è la fine di Hong Kong", ha dichiarato Dennis Kwok, un legislatore dell'opposizione. "Prevedo che lo status internazionale di Hong Kong come città - una città internazionale - scomparirà molto presto."
Commento: L’analisi ed i commenti che pubblico durante la giornata non costituiscono indicazioni di operatività daily. Si tratta di rumors provenienti dai miei contatti nelle trading room italiane e internazionali. E’ il pensiero degli operatori professionali, ed a volte può essere completamente diverso dall’operatività indicata nelle mie idee che sono invece frutto dell’analisi tecnica del mio metodo per quello specifico giorno. Questa analisi di preapertura e i commenti vanno invece intesi e interpretati come “sentiment” dell’operatore professionista in una ottica temporale più ampia.

Commenti

Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci