VISIONX3

L'indice USD è salito ai massimi di 3 giorni intorno a 111,80

Long
VISIONX3 Aggiornato   
TVC:DXY   Indice Dollaro americano
L'indice USD è salito ai massimi di 3 giorni intorno a 111,80, spostando l'attenzione sulla NFP

•L'indice sembra bid e raccoglie ulteriore trazione intorno a 111,80.
•L'ulteriore rialzo dei rendimenti statunitensi rafforza anche l'umore ottimista nel dollaro.
•Le richieste iniziali sono aumentate più del previsto di 219.000 WoW.

Il biglietto verde, in termini di indice USD ( DXY ) estende il recupero settimanale nella regione di 111,80 giovedì, o massimi di 3 giorni.

L'indice USD ora si concentra sulla NFP

L'indice cerca di estendere l'avanzata dopo il forte rimbalzo di mercoledì, mentre rimane supportato dalla continuazione dello slancio al rialzo dei rendimenti statunitensi lungo la curva.

Inoltre, l'ulteriore perdita di slancio nell'universo associato al rischio collabora con il secondo aumento giornaliero consecutivo del dollaro, il tutto in vista dei principali libri paga non agricoli per il mese di settembre in scadenza venerdì.

Nel calendario, le richieste iniziali sono aumentate di 219.000 nella settimana fino al 1 ottobre, mentre i tagli al lavoro Challenger sono aumentati di 29.989.000 a settembre.

Cosa cercare intorno a USD

L'indice soffre la ripresa nel complesso di rischio e torna giovedì in area sotto quota 111,00.

Mentre le prospettive a breve termine per il dollaro sembrano in qualche modo intaccate, la convinzione più ferma della Federal Reserve di mantenere i tassi di aumento fino a quando l'inflazione non apparirà ben sotto controllo, indipendentemente da un probabile rallentamento dell'attività economica e una certa perdita di slancio nel mercato del lavoro continua a sostenere il tono positivo sottostante nell'indice.

Guardando allo scenario più macro, il biglietto verde sembra anche rafforzato dalla divergenza della Fed rispetto alla maggior parte dei suoi omologhi del G10 in combinazione con attacchi di effervescenza geopolitica e occasionale riemergere di avversione al rischio.

Eventi chiave negli Stati Uniti questa settimana: Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione (giovedì) – Buste paga non agricole, tasso di disoccupazione, variazione del credito al consumo, scorte all'ingrosso (venerdì).

Eminenti problemi sulla caldaia posteriore: hard/soft/softish? sbarco dell'economia statunitense. Prospettive di ulteriori rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve rispetto alla speculazione di una recessione nei prossimi mesi. Effervescenza geopolitica contro Russia e Cina . Conflitto commerciale persistente USA-Cina.

Livelli rilevanti dell'indice USD

Ora, l'indice sta guadagnando lo 0,38% a 111,62 e affronta la prossima barriera in rialzo a 114,76 (massimo 2022 il 28 settembre) distaccato da 115,00 (livello rotondo) e poi 115,32 (massimo maggio 2002). D'altra parte, una violazione di 110,05 (minimo settimanale 4 ottobre) aprirebbe la porta a 109,35 (minimo settimanale 20 settembre) e infine 107,68 (minimo mensile 13 settembre).
Commento:
Kashkari della Fed: Spero che possiamo farlo senza causare una recessione

6 ottobre 2022, 16:28




"Se riceviamo aiuto dal lato dell'offerta, sono più ottimista sull'evitare una recessione", ha detto giovedì il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari e ha ribadito che sperava che potessero abbassare l'inflazione senza causare una recessione, come riportato da Reuters.

"Abbiamo più lavoro da fare sull'inflazione", ha aggiunto Kashkari e ha notato che non era preoccupato per la stagflazione.

Reazione del mercato

Il biglietto verde continua a raccogliere forza contro i suoi rivali durante le ore di negoziazione americane di giovedì. Al momento della scrittura, l'indice del dollaro USA è salito dello 0,55% su base giornaliera a 111,80.

Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.