Marco_Bernasconi

Crescono LE BORSE MONDIALI, grazie a...

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index
Titoli mondiali in crescita, grazie ai colloqui sugli aiuti degli Stati Uniti .

Mercoledì i mercati azionari mondiali hanno registrato un rialzo, anche se il sentimento del mercato appare fragile a causa della mancanza di progressi nei colloqui statunitensi su più aiuti economici.

Wall Street è apparsa destinata ad aprirsi in rialzo dopo la chiusura del giorno precedente, con i futures Dow dello 0,8% in più rispetto al giorno precedente e quelli per l'S&P 500 che hanno guadagnato lo 0,7%.

In Europa, il FTSE 100 della Gran Bretagna è salito dell'1,2% a 6.228 dopo che i dati ufficiali hanno mostrato che l'economia del paese ha subito una contrazione record del 20,4% trimestre su trimestre in aprile-giugno, più di qualsiasi altro paese ricco, come risultato delle misure di blocco della pandemia.

La Gran Bretagna ha imposto restrizioni agli affari e alla vita pubblica in ritardo rispetto alla maggior parte degli altri Paesi, il risultato è coinciso più strettamente con il secondo trimestre. Ma i dati di giugno mostrano già un rimbalzo, il che potrebbe aver incoraggiato alcuni investitori.

Il CAC 40 a Parigi è salito dello 0,4% a 5.047 e il DAX tedesco è sceso dello 0,1% a 12.933.

Le preoccupazioni per le nuove ondate di nuove infezioni da coronavirus aumentano con una recrudescenza di casi in Germania e in altri Paesi europei.

La Germania ha ricevuto elogi per aver tenuto a lungo sotto controllo la pandemia, ma l'allentamento delle misure e il ritorno dei turisti hanno portato, nelle ultime settimane, a un aumento delle infezioni.

Nel trading asiatico, il Nikkei 225 di Tokyo ha guadagnato lo 0,4% a 22.843,96, mentre l'Hang Seng di Hong Kong si è ripreso dalle perdite precoci, salendo dell'1,4% a 24.228,10. In Corea del Sud, il Kospi ha guadagnato lo 0,6% in rimonta tardiva, chiudendo a 2.432,35. L'indice Shanghai Composite ha perso lo 0,6% a 3.319,27. L'indice australiano S&P / ASX 200 ha perso lo 0,1% a 6.132,00.

Gli analisti hanno detto che questa settimana, che una scoraggiante mancanza di progressi nei colloqui tra il Congresso e la Casa Bianca su un maggiore aiuto economico per l'economia statunitense ha reso difficile il trading.

"Quando si torna indietro con le aspettative del mercato di un imminente accordo fiscale, è come colpire il palloncino con una spilla dritta, perché ogni parvenza di ottimismo a breve termine viene immediatamente sgonfiata", ha detto Stephen Innes di AxiCorp. in un commento.

L'S&P 500 si trova entro il 2% del massimo storico che ha stabilito a febbraio. La sorprendente inversione di tendenza da un crollo di quasi il 34% a marzo, quando la pandemia del coronavirus ha fatto precipitare le azioni in picchiata, mostra che gli investitori stanno guadagnando fiducia grazie a dati economici migliori e a risultati aziendali migliori del previsto nel secondo trimestre.

Le azioni sono interessanti rispetto ad altre attività grazie anche alle iniziative senza precedenti della Federal Reserve e di altre banche centrali per stabilizzare i mercati attraverso la riduzione dei tassi d'interesse e l'aumento degli acquisti obbligazionari.

Aumentano le speranze che le numerose aziende farmaceutiche che lavorano su come trattare COVID-19 consegnino un vaccino funzionante nei prossimi mesi.

Il rendimento del Tesoro a 10 anni è salito allo 0,67% dallo 0,57% di lunedì scorso, una grande mossa.

Il prezzo dell'oro, che recentemente ha superato per la prima volta i 2.000 dollari per oncia, è rimbalzato dopo essere sceso di quasi 60 dollari in precedenza. Ha guadagnato dai 3,00 ai 1.943,30 dollari per oncia.

Il greggio statunitense di riferimento per la consegna di settembre ha guadagnato 60 centesimi a 42,21 dollari al barile nel trading elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il greggio Brent per la consegna di ottobre ha guadagnato 59 centesimi a 45,09 dollari al barile.

Nelle contrattazioni valutarie, il dollaro ha acquistato 106,96 yen giapponesi, in aumento rispetto ai 106,51 yen di martedì scorso. L'euro è salito a 1,1764 dollari da 1,1744.


Commenti