Marco_Bernasconi

Cosa è successo stanotte in Asia? 12/08/20

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index
I titoli azionari sono prevalentemente al ribasso in Asia dopo la chiusura di Wall Street

In Asia i titoli sono scesi mercoledì dopo che Wall Street ha frenato il suo recente rally.

L'indice Nikkei 225 di Tokyo è salito, mentre lo Shanghai Composite è sceso dell'1,6%.

Una perdita notturna nelle grandi aziende tecnologiche ha lasciato gli indici più bassi, interrompendo una striscia di sette giorni di vittorie per l'S&P 500.

Una scoraggiante mancanza di progressi nelle trattative su maggiori aiuti economici per l'economia statunitense, insieme alle preoccupazioni per la pandemia di coronavirus e le tensioni tra Stati Uniti e Cina , hanno spinto gli investitori a vendere e a bloccare i profitti dei recenti guadagni, hanno dichiarato gli analisti.

"Quando si torna indietro con le aspettative del mercato di un imminente accordo fiscale, è come colpire il palloncino con uno spillo dritto, perché ogni parvenza di ottimismo a breve termine viene immediatamente sgonfiata", ha detto Stephen Innes di AxiCorp. in un commento.

Il Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,3% a 22.821,28, mentre l'Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,2% a 24.841,00. In Corea del Sud, il Kospi è sceso dello 0,1%, a 2.417,12. L'indice Shanghai Composite ha perso 53 punti a 3.287,13. L'indice australiano S&P / ASX 200 è sceso dello 0,5% a 6.110,70.

Le azioni sono diminuite a Taiwan, in India e nella maggior parte del Sud-Est asiatico.

L'inversione di tendenza ha lasciato l'S&P 500 con una perdita dello 0,8%, a 3.333,69. Il calo delle azioni di grandi nomi della tecnologia come Apple e Microsoft , più le perdite nei settori della sanità e delle comunicazioni, ha superato i guadagni delle società finanziarie, industriali ed energetiche.

I titoli tecnologici hanno superato di gran lunga il resto del mercato quest'anno, poiché gli investitori hanno scommesso che potrebbero ancora prosperare in un'economia a casa.

Il ritiro ha posto fine alla serie di sette giorni di vittorie dell'S&P 500. Nonostante il sell-off, l'indice di riferimento si mantiene ad un livello inferiore al 2% del massimo storico raggiunto a febbraio, riflettendo una sorprendente inversione di tendenza dopo il crollo di quasi il 34% a marzo, quando la pandemia del coronavirus ha fatto precipitare le azioni in picchiata.

Gli investitori sono diventati più fiduciosi nelle ultime settimane, in mezzo ad alcuni dati economici positivi e a risultati del secondo trimestre migliori del previsto da parte delle aziende, suggerendo che i profitti aziendali potrebbero essere più alti nella seconda metà di quest'anno e nel 2021.

Le azioni senza precedenti della Federal Reserve per stabilizzare i mercati questa primavera, tra cui il taglio dei tassi d'interesse e l'aumento degli acquisti di obbligazioni, hanno reso le azioni interessanti rispetto ad altre attività e hanno dato ai trader abbastanza fiducia per continuare a far crescere le azioni.

I trader sono anche sempre più ottimisti sul fatto che le molte aziende farmaceutiche che lavorano su come trattare COVID-19 consegneranno un vaccino funzionante nei prossimi mesi.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,4% a 27.686,91. Il Nasdaq composite ha perso l'1,7% a 10.782,82. L'indice Russell 2000 delle azioni delle piccole imprese ha perso lo 0,6%, a 1.575,10.

Mentre i colloqui tra democratici e repubblicani su un nuovo pacchetto di aiuti economici sembrano essersi arenati, gli investitori sono ancora ottimisti sul fatto che entrambe le parti raggiungeranno un accordo.

Il rendimento del Treasury decennale è salito allo 0,65% dallo 0,57% di lunedì scorso, una grande mossa.

Il prezzo dell'oro è sceso ulteriormente dopo aver superato i 2.000 dollari per oncia all'inizio della scorsa settimana, lasciando 56,20 a 1.890,10 dollari.

Il prezzo di riferimento del petrolio greggio statunitense per la consegna di settembre ha guadagnato 14 centesimi a 41,75 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. È sceso dello 0,8% per stabilirsi a 41,61 dollari al barile martedì. Il petrolio greggio Brent per la consegna di ottobre ha guadagnato 20 centesimi a 44,70 dollari al barile. Nel corso della notte, ha perso l'1,1% per stabilirsi a 44,50 dollari al barile.

Nelle transazioni valutarie, il dollaro statunitense ha registrato un incremento di 106,73 yen giapponesi, rispetto ai 106,51 yen di martedì scorso. L'euro si è indebolito a 1,1723 dollari da 1,1744.

Commenti

Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Invita un amico Regolamento Centro di supporto Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Blog & Novità Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Amici invitati Coin I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci