Peter_Braganti

WisdomTree - Tactical Content: Italian Banks - 16.02.2022

MIL:ITBL   WISDOMTREE FTSE MIB BANKS
Gli impieghi bancari italiani vanno sempre piu’ alle famiglie: bene!
Stock di crediti ammalorati in calo e ben coperto, ai minimi da 20 anni.
Tendono alla risalita i tassi attivi: piatto e vicino a zero il costo della raccolta
Scende l’esposizione delle banche italiane ai Governativi domestici.


In questa nota ci prefiggiamo di mettere a fuoco i principali aggregati patrimoniali delle banche italiane, appena pubblicati da Banca d’Italia. Sottolineamo 3 fondamentali aspetti:
- L’attivita’ di impiego, dopo la crisi degli anni scorsi, e’ ora maggiormente indirizzata alle “Famiglie”, tradizionalmente meno rischiose e delle imprese, grazie a rischio piu’ parcellizzato e abbondanza di garanzie reali.
- La raccolta resta abbondante ed a tassi bassissimi: gli impieghi, invece, tendono a crescere su forme tecniche meno risciose (Mutui) e molto remunerative (Credito al Consumo).
- L’ammontare dei crediti ammalorati, lordi e netti, e’ sceso anche nel 2021, e non da’ per ora segnali di deterioramento.

Impieghi/prestiti: aumentano leggermente solo quelli verso il “Settore Privato”. Quelli alle famiglie superano, per la prima volta, quelli alle imprese non finanziarie.
A fine dicembre 2021 l’ammontare totale dei prestiti a residenti italiani risulta in lieve calo rispetto a novembre, principalmente per effetto della diminuzione degli impieghi interbancari (alias Monetary Financial Institutions o “MFI”), mentre lo stock di prestiti al “Settore Privato” (Famiglie e Imprese non finanziarie) e’ piatto “mese su mese” ed in lieve crescita, +1,3%, anno su anno.
I Prestiti totali del sistema bancario italiano, a fine 2021, ammontano a 2.454 miliardi di Euro , +5% anno su anno, ma -0,7% mese su mese, a causa del calo, in dicembre, degli impieghi intrebancari, -4% a 690 miliardi di Euro .
Come gia’ detto, i prestiti al “Settore Privato”, pari a 1.326 miliardi di Euro , sono stati “flat” mese su mese e +1,3% anno su anno: tuttavia, se consideriamo i soli impieghi verso le “Famiglie”, cresciuti +3,4% anno su anno a 663 miliardi, e li confrontiamo con gli impieghi verso le imprese “non finanziarie”, calati -0,7% anno su anno, desta una certa sorpresa che per la prima volta nella storia bancaria italiana, lo stock di prestiti alle Famiglie è maggiore di quello alle imprese non finanziarie. L’esperienza insegna che le esposizioni alle Famiglie sono meno rischiose di quelle alle imprese.

Tassi di interesse attivi: tendenza alla risalita dei tassi nella parte finale dell’anno.
I tassi praticati sui nuovi (alias nuova produzione) prestiti alle imprese sono scesi di -0,20%, a +1,18%, rispetto ad un anno prima, ma sono saliti di +0,09% mese su mese, e questo e’ un buon segno per i futuri margini delle banche commerciali, dopo una lunga serie di anni con margini sotto pressione.
I tassi attivi sui mutui alle famiglie sono aumentati di +0,13% “anno su anno” a +1,74%, mentre sono calati di -0,07% mese su mese: forse e’ l’effetto dello spostamento della spinta commerciale dei “nuovi mutui” da tasso fisso a variabile.
I tassi attivi ricavati sui “prestiti al consumo”, sono risultati in calo in dicembre, anche per effetto della cessioni delle porzioni piu’ ammalorate dei portafogli: -0,18% a +7,64% rispetto a novembre, ma la redditivita’ lorda resta molto alta, in media 7,6%, stabile, su base annua.

Crediti deteriorati o NPLs (Non performing loans): ancora in forte calo, e ben coperti.
I crediti deteriorati lordi e netti (dopo rettifiche ed accantonamenti), a dicembre 2021, sono scesi bruscamente, rispettivamente a 38,0 e 15,0 miliardi di Euro , -16% mese su mese, e -28% anno su anno, grazie alla chiusura, in dicembre, di importanti contratti di cessioni e cartolarizzazioni. La copertura dei crediti deteriorati è scesa -0,6% M/M a 61,0%: questo potrebbe testimoniare un tendenziale miglioramento della “qualita’” del portafoglio degli impieghi.

Costo della provvista o raccolta da clientela: i tassi “passivi” restano bassi e stabile, ancora boom dei conti correnti.
Il costo medio della raccolta e’ rimasto stabile a Dicembre, a +0,30%, -0,02% anno su anno. La liquidità del sistema bancario italiano si conferma elevata ed abbondante, con la componente “conti correnti a vista” ancora in crescita, sino a toccare il nuovo record di 1480 miliardi di Euro , +10,0% anno su anno. La raccolta complessiva delle banche italiane è salita, a dicembre 2021, a 2341 miliardi di Euro , +2% mese su mese e +4% anno su anno.

Investimenti in titoli mobiliari delle banche italiane: scende il peso dei Governativi domestici.
A fine dicembre 2021, gli investimenti delle banche italiane in “Govies” nazionali erano pari a 410 miliardi di Euro , in leggera diminuzione, pari a -2%, sia mese su mese che anno su anno. Il totale degli investimenti obbligazionari del sistema bancario italiano e’ pari a 783 miliardi di Euro , +3% rispetto ai 760 miliardi di fine 2020.
Gli investimenti in azioni restano stabili rispetto ad un anno prima: 174 miliardi di Euro , contro i 175 di fine 2020, -0,6%.
Il totale aggregato degli attivi (e passivi) del sistema bancario italiano e’ salito, nel 2021, del +4% a 2.341 miliardi, dai 2.250 del 2020.

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti . Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti .
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati. Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.




Per ulteriori informazioni:

https://bit.ly/wisdomtree-daily-update
Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.