Marco_Bernasconi

LA CINA STA AIUTANDO TUTTI...🤔

Long
TVC:SHCOMP   Indice Shanghai Composite
Mentre i suoi casi di coronavirus stanno diminuendo, la Cina rivolge l'attenzione verso l'esterno
Pechino sta scatenando un blitz di aiuti umanitari nei paesi in lotta con i loro stessi focolai. In tal modo, sta entrando in un ruolo che una volta l'Occidente ha dominato.
Una trasmissione della visita del presidente Xi Jinping a Wuhan, in Cina , a Pechino la scorsa settimana. Il signor Xi si è impegnato a inviare esperti medici e forniture in Italia.
PECHINO - Il leader cinese, Xi Jinping, si è impegnato a inviare altri esperti medici in Italia questa settimana, nello stesso giorno in cui Pechino ha inviato 2.000 test diagnostici rapidi nelle Filippine. Il presidente della Serbia ha chiesto assistenza non dai vicini del paese in Europa, il che ha limitato le esportazioni delle attrezzature mediche necessarie, ma dalla Cina .

"La solidarietà europea non esiste", ha detto il leader serbo, Aleksandar Vucic, quando ha annunciato uno stato di emergenza nelle osservazioni televisive. “Era una fiaba sulla carta. Credo in mio fratello e amico Xi Jinping e credo nell'aiuto cinese ”.

Solo poche settimane fa, la Cina è stata sopraffatta dall'epidemia di coronavirus iniziata nella città cinese centrale di Wuhan, accettando donazioni di maschere e altre forniture mediche da quasi 80 nazioni e 10 organizzazioni internazionali.
Ora, con i nuovi casi quotidiani a casa che si riducono alle singole cifre, la Cina sta organizzando un'offensiva diplomatica per aiutare il resto del mondo a lottare per tenere il virus sotto controllo. Dal Giappone all'Iraq, dalla Spagna al Perù, ha fornito o promesso assistenza umanitaria sotto forma di donazioni o competenze mediche - un blitz di aiuti che sta dando alla Cina la possibilità di riposizionarsi non come l'incubatore autoritario di una pandemia ma come un responsabile globale leader in un momento di crisi mondiale.

In tal modo, ha assunto un ruolo che in passato l'Occidente aveva dominato in tempi di catastrofe naturale o di emergenza per la salute pubblica e che il presidente Trump ha ceduto sempre più al suo ritiro "America First" dall'impegno internazionale.

"Questa potrebbe essere la prima grande crisi globale degli ultimi decenni senza una significativa leadership americana e con una significativa leadership cinese", ha affermato Rush Doshi, direttore della China Strategy Initiative presso il Brookings Institution di Washington.

La scorsa settimana, le scorte di ImageMedical spedite dalla Cina sono state scaricate all'aeroporto principale di Roma.
La scorsa settimana le scorte mediche spedite dalla Cina sono state scaricate all'aeroporto principale di Roma. Ufficio stampa della Croce Rossa Italiana, tramite Shutterstock
L'epidemia iniziata a Wuhan, che ha contagiato quasi 200.000 persone e ucciso circa 8.000 in tutto il mondo, è stata una sconcertante battuta d'arresto per la leadership del signor Xi, alimentando il malcontento in patria e domande all'estero sull'efficacia dello stato comunista.

Ora, i fallimenti globali nell'affrontare la pandemia dall'Europa agli Stati Uniti hanno fornito alla leadership cinese una piattaforma per dimostrare il suo funzionamento del modello e potenzialmente guadagnare una valuta geopolitica duratura.

Come ha fatto in passato, lo stato cinese sta usando i suoi ampi strumenti e le sue tasche profonde per costruire partenariati in tutto il mondo, facendo affidamento su commercio, investimenti e, in questo caso, una posizione vantaggiosa come il più grande produttore mondiale di medicinali e maschere protettive . La grandezza sta facendo molto per aiutare a mitigare la rabbia popolare per la sua iniziale cattiva gestione dell'epidemia che ora sta causando il caos in ogni continente.

Con l'aumento dei casi di stato, il governo federale è sotto pressione.
I governatori stabiliscono nuove regole di vita mentre le tensioni aumentano negli ospedali di New York City.
"Non lo so e ora non mi interessa", ha dichiarato Michele Geraci, un ex sottosegretario al ministero dello sviluppo economico italiano, in un'intervista quando gli è stato chiesto se l'assistenza riflettesse le ambizioni geopolitiche della Cina tanto quanto le preoccupazioni umanitarie.
Ha detto che il problema urgente era fornire aiuti per salvare vite umane, cosa che gli alleati italiani nell'Unione europea non sono stati in grado o non sono disposti a fare.
"Se qualcuno è preoccupato che la Cina stia facendo troppo, il divario è aperto ad altri paesi", ha detto. "Questo è ciò che gli altri paesi dovrebbero fare."
La Cina ha a lungo aspirato ad affermare un ruolo più importante nelle Nazioni Unite e in altre organizzazioni internazionali mentre proiettava la sua influenza politica, economica e militare in sempre più parti del mondo, a volte in diretta concorrenza con gli Stati Uniti .
"La Cina sta ora cercando di riparare la sua immagine internazionale gravemente danneggiata a causa della cattiva gestione dell'epidemia a Wuhan all'inizio di gennaio", ha scritto Minxin Pei , professore di governo al Claremont McKenna College in California, in un'e-mail.

"La donazione di forniture mediche dimostra che la Cina è una potenza mondiale responsabile e generosa", ha aggiunto. "Sta inoltre propagandando il suo successo nel contenere l'epidemia di coronavirus per suggerire che il suo regime monopartitico è superiore alle democrazie maldestri in Occidente, in particolare gli Stati Uniti".

Mercoledì scorso, la Cina ha dichiarato che fornirà in Europa due milioni di maschere chirurgiche, 200.000 maschere avanzate e 50.000 kit di test. "Siamo grati per il sostegno della Cina", ha dichiarato in tweet Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea. "Abbiamo bisogno dell'aiuto reciproco nei momenti di bisogno".

Uno dei principali imprenditori cinesi, Jack Ma, si è offerto di donare 500.000 test e un milione di maschere agli Stati Uniti , dove gli ospedali stanno affrontando carenze nonostante abbiano settimane di preavviso per prepararsi. A febbraio, gli Stati Uniti hanno trasportato 17 tonnellate di rifornimenti a Wuhan a bordo di quattro voli che hanno evacuato gli americani dalla città.

"Questa non è più una sfida che un paese può risolvere da solo, ma richiede a tutti noi di lavorare insieme", ha dichiarato la fondazione del signor Ma in una dichiarazione che elenca le donazioni a dozzine di paesi, tra cui tutte le 54 nazioni in Africa.

La dichiarazione ha continuato a citare l'uso del sig . Ma su Weibo , una piattaforma di social media, di una frase familiare nel lessico politico americano: "Uniti, siamo divisi, cadiamo".

Funzionari cinesi hanno insistito sul fatto che una pandemia dovrebbe essere un'arena per la cooperazione politica, non per la concorrenza. Il successo della Cina nel rallentare la diffusione della malattia, tuttavia, ha incoraggiato funzionari e media statali a respingere più duramente, a volte goffamente.

Un portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian, ha lanciato una teoria della cospirazione secondo cui l'esercito degli Stati Uniti era alla base del virus, mentre un altro ha litigato con Mario Vargas Llosa, autore peruviano e premio Nobel, su una rubrica di giornali che ha scritto sulla pandemia.

Come la Cina sta rimodellando la narrativa del Coronavirus
Abbiamo esaminato il vasto sistema di propaganda cinese rivolto agli stranieri e analizzato migliaia di tweet in lingua inglese di media e diplomatici statali. Ecco i messaggi sul coronavirus che la Cina sta proiettando sul mondo.
Il governo cinese ha una delle reti di propaganda più estese al mondo all'interno del paese, ma lavora anche in modo aggressivo per influenzare il modo in cui viene percepito al di fuori dei suoi confini. "Buongiorno, presidente Xi!" La Cina ha investito miliardi nel rafforzare la sua immagine all'estero. I suoi negozi di notizie statali diffondono messaggi in inglese tutto il giorno - "Stai guardando CGTN". "Vivi a Pechino." "Da Nairobi." "Washington DC." - e i suoi diplomatici si sono riversati su Twitter nell'ultimo anno. Ma cosa succede quando questo massiccio apparato P.R. deve fare un grave controllo dei danni? Abbiamo analizzato migliaia di tweet dai media statali cinesi e da resoconti ufficiali e abbiamo trovato tre messaggi dominanti che la Cina vuole proiettare sul mondo. Ecco cosa abbiamo imparato. Un nuovo coronavirus ha colpito la città cinese di Wuhan a gennaio. I primi informatori furono messi a tacere. La gente era arrabbiata per un insabbiamento del governo. Ma nella maggior parte dei tweet che abbiamo analizzato, le pubblicazioni di proprietà dello stato hanno spinto una visione molto più ottimista, promuovendo ciò che hanno detto essere una risposta efficace. Stanno condividendo video come questo. Il Partito comunista cinese si riferisce a questo come energia positiva, concentrandosi solo sul lato positivo di una questione. La Cina ha adottato misure drastiche per cercare di arginare l'epidemia, ma questa è l'unica storia che la Cina vuole che il mondo veda. E i media statali sono ansiosi di elogiare gli esperti stranieri per sostenere i successi della Cina . Un tweet dei media statali che ha rivelato il malcontento dei cittadini cinesi - è stato rapidamente eliminato. Una volta che il virus si diffuse in tutto il mondo, la Cina iniziò a posizionarsi come all'avanguardia nella lotta alla pandemia. Si è presentato come un partner, un destinatario riconoscente e, più recentemente, un leader disinteressato, mettendo in evidenza grandi donazioni da parte delle società cinesi e del governo. La Cina in genere non ha denigrato le risposte di altri paesi al virus, con una sola eccezione: gli Stati Uniti . "Il presidente Donald Trump è stato accusato di aver negato, minimizzato e respinto definitivamente le preoccupazioni sull'epidemia di Covid-19". Un'altra cosa che abbiamo notato sono i punti vendita cinesi che contestano l'origine del virus. Tutto è iniziato a fine febbraio con un noto epidemiologo cinese. Più o meno nello stesso periodo, il C.D.C. riportato il primo caso negli Stati Uniti con un'origine sconosciuta. Uno screenshot dell'annuncio tradotto in modo errato in cinese ha iniziato a diffondersi online e non è stato toccato dai censori del governo cinese. E un portavoce del governo di alto rango ha spinto attivamente la disinformazione sulla provenienza del virus. Un governo che dà una svolta ottimista alle cattive notizie non è unico. “Vogliamo diventare grandi, diventare solidi. Il paese è molto forte. Non siamo mai stati così forti ". Ma la scala della macchina della propaganda cinese è, ed è chiaro che è stato schierato per cercare di raccontare al mondo una nuova storia sulla pandemia di coronavirus.

Abbiamo esaminato il vasto sistema di propaganda cinese rivolto agli stranieri e analizzato migliaia di tweet in lingua inglese di media e diplomatici statali. Ecco i messaggi sul coronavirus che la Cina sta proiettando sul mondo.
I media di stato hanno anche messo in evidenza il caos in Europa e negli Stati Uniti con qualcosa di simile a schadenfreude. Questa settimana il People's Daily ha rallegrato la notizia che il ritmo delle infezioni e dei decessi all'estero supera ora quello all'interno della Cina .

All'inizio di mercoledì, il ministero degli Esteri ha annunciato che avrebbe espulso la maggior parte dei corrispondenti americani dal New York Times , dal Wall Street Journal e dal Washington Post, affermando che si stava vendicando per le mosse dell'amministrazione Trump contro i giornalisti cinesi negli Stati Uniti .

"La pandemia di coronavirus è diventata un campo di battaglia", ha dichiarato Bruno Maçães, ex segretario di stato per gli affari europei in Portogallo, che ora è membro anziano dell'Hudson Institute. "Vedo la Cina focalizzata sull'uso della crisi come un'opportunità per mettere in mostra la superiorità del suo modello".

"Penso che ciò mostri anche come potrebbero essere i cambiamenti climatici in futuro", ha aggiunto, "meno un'opportunità per la cooperazione globale e più lo sfondo per la competizione geopolitica, con tutti i principali attori che cercano di fare meglio dei suoi rivali".

I critici cinesi respingono l'assistenza come gesti vuoti, anche cinici.

Molti in Italia, ad esempio, hanno sottolineato con rabbia che la Cina stava vendendo maschere, respiratori e altre attrezzature mediche, non donandole, e hanno affermato che alcuni dei materiali erano destinati ai cittadini cinesi nel paese.

Altri hanno avvertito che la Cina stava usando il suo ruolo dominante nella produzione di respiratori e maschere per premiare le nazioni amiche. La Cina ha prodotto metà delle maschere del mondo prima che il coronavirus emergesse lì e da allora ha notevolmente ampliato la produzione di quasi 12 volte, anche se ha conservato più dell'offerta per sé.

Li Xingqian, direttore del commercio internazionale presso il ministero del Commercio di Pechino, ha dichiarato in un recente briefing che il governo non ha emesso alcuna norma per fermare le esportazioni, ma ha semplicemente bisogno di soddisfare la forte domanda interna di maschere e altri dispositivi di protezione.

Per i paesi in via di estinzione della grandezza della Cina , le domande sulle motivazioni del paese hanno ampiamente lasciato il posto. Ciò è stato particolarmente chiaro in Iraq, un paese che è stato al centro della politica estera americana per decenni.

Dieci giorni fa, una squadra di sette esperti medici cinesi è scesa da un aereo della Iraqi Airlines a Baghdad con attrezzature e forniture mediche. Tra questi c'erano due macchine che consentiranno ai tecnici di laboratorio iracheni di quadruplicare il numero di test di coronavirus che fanno ogni giorno, secondo i medici che si occupano dell'epidemia.

"Il popolo iracheno apprezza questa iniziativa del popolo cinese", ha dichiarato Jassim Al-Falahi, viceministro della sanità, incontrando la squadra in arrivo.

Nei giorni successivi, gli esperti cinesi hanno iniziato a informare medici e funzionari sanitari sui passi per combattere il coronavirus, conducendo alcune discussioni per teleconferenza con i leader dell'ospedale iracheno, secondo il dottor Hassan Al-Tamimi, direttore generale dell'Insegnamento medico della città di Baghdad Complesso ospedaliero.

Controllando le famiglie che erano tornate di recente dall'Iran e si erano auto-messe in quarantena a casa a Najaf, in Iraq, la scorsa settimana ...
Una dichiarazione del ministero degli Esteri iracheno ha chiarito che il coronavirus era solo uno dei progetti su cui i due paesi avrebbero lavorato insieme: gli altri includono l'industria petrolifera e l'aggiornamento di alcune delle vecchie infrastrutture elettriche dell'Iraq.

Non è chiaro se gli iracheni abbiano completamente assorbito le lezioni che i cinesi hanno offerto. Martedì alla cerimonia della firma per l'installazione di un nuovo laboratorio a Medical City, l'ambasciatore cinese in Iraq, Zhang Tao, è apparso visibilmente ansioso.

"Davvero, ci sono molte persone in questa stanza, persone importanti, consiglieri del governo e ministri - nessuno di loro indossa una maschera o guanti", ha detto il signor Zhang a Mohammed Waheen, un pneumologo del Medical City Teaching Hospital, che ha anche partecipato.

"Il tuo primo ministro ha più di 70 anni", ha detto il dott. Waheeb, ricordando la sua conversazione con l'ambasciatore. "Non lo stai prendendo sul serio."
Commento: L’analisi di preapertura ed i commenti che invio durante la giornata non costituiscono indicazioni di operatività . Si tratta di rumors provenienti dai miei contatti nelle trading room italiane e internazionali. E’ il pensiero degli operatori professionali, che a volte può essere completamente diverso dall’operatività indicata che è frutto dell’analisi tecnica del mio metodo per quello specifico giorno. I commenti vanno invece intesi e interpretati come “sentiment” dell’operatore professionista in una ottica temporale più ampia.

Commenti

Sono convinto che l'ITALIA "giocherà " un RUOLO FONDAMENTALE da Volano anche in aiuto dell'INTERA Europa e magari è la volta buona ....che l'Indice Italiano di Impenna come dico io :-)))
Rispondi