SalvatoreBilotta

MANCANO LE CONFERME DALL’INFLAZIONE

FX:USDJPY   Dollaro / Yen giapponese
Today’S Trading del 08.07.2024 –

MANCANO LE CONFERME DALL’INFLAZIONE


MACRO BACKGROUND

Netto rallentamento per l’economia USA confermata dai dati sui NFP di venerdi e dai PMI service della settimana scorsa, mancano ora le conferme tanto attese dalla FED sull’inflazione per avere via libera al ciclo di taglio del costo del denaro.
La scorsa settimana è stata un duro colpo per l’economia USA che ha messo in luce una brusca frenata del mercato mercato del lavoro, sia tramite gli ADP con soli 150K nuovi posti di lavoro, che con gli initial jobless claims che hanno evidenziato un netto aumento delle richieste di disoccupazione, concretizzate in fine con I NFP che hanno segnalato una disoccupazione in aumento al 4.1%.
Ancora lontani dai livelli di allerta per la Fed I numeri del mercato del lavoro, ma di certo sono un forte segnale di raffreddamento , che si unisce ai PMI a dir poco pessimi.
L’ISM ha pubblicato la scorsa settimana I dati sul settore service , settore che fino ad oggi aveva trainato l’economia USA dopo il rallentamento del comparto manifatturiero , ma l’ultima rilevazione ha segnalato un calo di ben 5 punti percentuali sull’intero indice PMI, generando sfiducia sul futuro dell’economia americana.
Gli alti tassi di interesse messi un campo dalla FED sin oggi, iniziano ad avere effetti concreti sull’economia , effetti che forse il mercato pensava possible già un anno fa, temendo una possible fase recessiva.
La FED resta in allerta , pronta a procedure con I tagli dei tassi di interesse là dove l’economia lo richiedesse, manca dunque solo il segnale di via libera dall’inflazione, che resta ancora vischiosa, motivo per il quale I dati in calendario questo giovedi saranno probabilmente di grande impatto per I mercati.


FOREX
Il mercato valutario adegua subito la sua idea sul dollaro USA , scontando la prospettiva di taglio tassi, due ancor aper questo 2024, ma non si esclude una maggiore aggressività per il 2025.
Salgono dunque le majors, con eurusd che torna al test delle resistenze a 1.0840-50 ma ancora in un forte trading range settimanale. Spinge anche il Cable che si porta a 1.2810 e sembra ora puntare alle resistenze di 1.2850
Spingono a rialzo anche le oceaniche, con il dollaro australiano che gode ora della prospettiva di tassi di interesse ancora molto alti fino al termine del q1 2025, il che porta al break out rialzista della quotazioni oltre 0.6725 per spingere verso 0.6775.
Il dollaro centrismo torna prepotente, dando cosi un breve respiro anche a USDJPY che lascia i massimi, piùper la fase di debolezza del dollaro che per la forza dello yen, che rimane invece cronicamente debole.


EQUITY
Parte il risk on, sulle aspettative di banche centrali accomodanti e pronte ai tagli tassi, il che porta a nuovi massimi ancora una volta le borse americane, incapaci di offrire storni ribassisti degni di nota.
Il nasdaq giunge infine ai 20650 pnt, con i primissimi supporti a 20365 pnt , l’SP500 non da meno tocca i massimi di 5627 pnt, con i supporti a 5580pnt.


COMMODITIES

La debolezza del dollaro USA da beneficio anche al mondo commodities, con i metalli che riprendono il trend primario long, ben visibile sui tf piu alti come il weekly o il daily.
Il gold torna a 2400$ sostenuto sia dalla debolezza del biglietto verde che dalle prospettive di ulteriori acquisti fisici di oro da parte delle banche centrali mondiali.
Il wti ferma la sua corsa rialzista subito sotto le resistenze poste a 85$, pur lasciando ancora intatto il trend rialzista di medio periodo ben visibile su tf daily che ora pone i supporti tecnici a 82$

Buona giornata
SALVATORE BILOTTA
-----------------------------------------

Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.