Peter_Braganti

WisdomTree - Tactical Daily Update - 29.11.2021

TVC:USOIL   CFD Petrolio WTI
Massicce prese di profitto venerdi’ 26 sulla minaccia della “variante Omicron”.
Crolla del 13%, venerdi’ WTI sotto 69 Dollari/barile: stamane rimbalza.
Lagarde ( BCE ) conferma convinzione sulla trasitorieta’ dell’inflazione.
Oggi borse asiatiche meno pesanti delle attese e azionario europee in recupero.


Il timore di una nuova ondata Covid, specie nella nuova “variante Omicron”, ha originato uno dei piu’ violenti sell-off sui mercati azionari mondiali, venerdi’ 26 novembre. Un Black Friday (venerdì nero) innescato dalla communicazione delle autorità sanitarie del Sudafrica, che definiscono la nuova “variante” molto contagiosa e soggetta a repentine mutazioni.

In positivo vi sarebbe che , a fronte di una maggiore contagiosità, i sintomi parrebbero più leggeri.

Secondo i virologi, la prospettiva dipendera’ molto dall’efficacia degli attuali vaccini contro le varianti e dall’accelerazione delle campagne vaccinali.

In chiusura, un bilancio tragico: FtseMib italiano -4,6%, Dax tedesco -2,8%, Cac40 francese -4,2% e Ftse100 britannico -3,7%. Anche per Wall Street si e’ trattato di un Black Friday pesante: Dow Jones -2,5%, Nasdaq -2,2% e S&P500 -2,3%, cioe’ i piu’ ampi cali da febbraio. Intuitivamente, trasporti, hotels, viaggi, energia e tempo libero sono stati i settori piu’ colpiti.

La paura che una nuova recrudescenza della pandemia possa rallentare la ripresa economica ha colpito anche il petrolio, col WTI (West Texas Intermediate), crollato al New York Mercantile Exchange sotto 69 Dollari/barile, con un calo di oltre 13% punti percentuali che ricorda alcune sedute della primavera 2020.

Giornata pesante, venerdi’ 26, anche per i metalli industriali, col rame -2,7%, l'acciaio -1,6%, lo zinco, -3,6%.

Completa un quadro drammatico il prezzo del gas naturale, che stamane 29 novembre, a dispetto di temperature polari in tutta Europa, perde oltre l’8% a 5,02 Euro per 10 mila MMBtu, sul timore di un rallentamento della domanda per usi industriali: ai massimi del 5 ottobre scorso aveva superato 6,3 Euro .

Come tipicamente accade nei momenti di tensione per le attivita’ finanziarie piu’ rischiose, ha ripreso slancio l'oro, tradizionale investimento “difensivo”, che venerdi’ e’ avanzato del +1,1% a 1.809 Dollari/oncia.

Lo spread di rendimento tra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi e’ stato poco impattato dal clima generale di “risk-off”, restando stabile attorno a 131 punti base, col rendimento dei BTP tornato sotto +1%, a +0,97%.

Dopo un weekend di bombardamento mediatico sulle prospettive sanitarie ed economiche mondiali, resta il dilemma sulla capacita’ di tenuta della crescita economica sugli attuali elevati ritmi e su come potra’ evolvere l'atteggiamento delle Banche centrali Usa ed Europea.

Queste ultime, sino ad oggi, si sono spese sul confermare una politica monetaria basata sui tassi zero e su forme di intervento diretto a sostegno dei titoli di debito quotati, soprattutto governativi.

Tra i dati macro di rilevo, in Italia, si rilevano quelli dell’Istat (Istituto nazionale italiano di statistica) sulla fiducia di novembre: quella dei consumatori e’ scesa a 117,5 da 118,4, quella delle imprese e’ rimasta stabile, a 115,1 da 115,0. Non male!

Intanto, la presidente della BCE (Banca Centrale Europea), Christine Lagarde, in un’intervista alla TV pubblica italiana Rai3, ha ribadito la convinzione che l'attuale alta inflazione europea sia dovuta a fenomeni temporanei, in primis la corsa di petrolio e derivati, che da sola spiega il 70% della variazione totale dei prezzi al consumo.

Il clima preoccupato e le pesanti chiusure europee ed americane di venerdi’ 26 non
potevano che impattare sulle borse asiatiche stamattina: il Nikkei giapponese ha chiuso a -1,6%, dopo essere piombato anche oltre il -3,0%, l’Hang Seng di Hong- Kong -0,9%, il CSI 300 di Shanghai&Shenzen -0,2%, il Kospi coreano -0,9%, il Sensex indiano +0,2%.

Inverte nuovamente rotta il cambio Euro /Dollaro, che dopo aver visto l’Euro recuperare venerdi’ 26 sino a 1,132, cede oggi il -0,3% a 1,128. Bitcoin , dopo il crollo di venerdi’ scorso che l’ha portato a -20% dal massimo del 10 novembre, tenta il rimbalzo e risale a 57.400 Dollari, +2,1% (ore 14.30 CET ).

Nella mattinata di oggi, 29 novembre, il clima e’ stato piu’ sereno sui mercati azionari europei, con variazioni positive medie di +1,2%. Anche i futures su Wall Street indicano aperture al rialzo, in media +1,0%, in un contesto che si prospetta meno volatlie: venerdi’ l’indice Vix (misura la volatilita’ delle opzioni sull’indice S&P ), si era impennato del +50% a 29 punti.

Fose aiutano anche le dichiarazioni concilianti del Presidente della Fed regionale di Atlanta , Raphael Bostic, che ha minimizzato i possibili effetti negativi della nuova variante sull’economia.

Agenda macroeconomica molto ricca per questa settimana, col l’inflazione al consumo in Germania, la fiducia dei consumatori in Usa, e le indagini congiunturali condotte presso i direttori degli uffici acquisti (PMI) in Cina e Usa.

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti . Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti .
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati. Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.



Per ulteriori informazioni:

https://bit.ly/wisdomtree-daily-update