Peter_Braganti

WisdomTree - Tactical Daily Update - 04.04.2022

CURRENCYCOM:NATURALGAS   Natural Gas
Le Borse mondiali si sforzano di guardare oltre il conflitto in Ucraina.
Inflazione europea “boom” a marzo, come atteso, ma comunque spaventosa.
Autorita’ Cinesi piu’ morbide su regole contabili delle proprie quotate in Usa.
Sembra solo una pausa quella del rialzo dei rendimenti obbligazionari.


Venerdi’ scorso, 1’ aprile, con gli occhi ancora puntati sull’evoluzione del sanguinoso conflitto in Ucraina, i mercati azionari europei e americani sono riusciti a spuntare variazioni frazionalmente positive, aiutate dal calo del prezzo del petrolio e dai dati sul mercato del lavoro Usa, ancora una volta testimoni di una crescita robusta.

La rigidita’ del Governo Russo nel chiedere il pagamento delle forniture di gas e petrolio in rubli, sostanziatosi nel decreto fimato giovedi’ 31 dal Presidente Putin non ha inciso, come si temeva, sull’umore dei mercati. Gazprom ha iniziato a notificare ai clienti le nuove regole di pagamenti del gas, che prevedono la conversione dei pagamenti in rubli. Poche reazioni ufficiali da parte dei maggiori importatori.

Il portavoce del Cremlino Peskov ha precisato che le forniture non saranno interrotte se i clienti non aderiranno immediatamente alla nuove regole rubli, e tale “flessibilita’” ha favorito la discesa del prezzo del gas naturale sino a 111 Euro/MWh. Intanto Lituania ed Estonia hanno deciso di bloccare le importazioni di gas russo.

A fine seduta, venerdi’ scorso, in Europa, si misuravano piccole variazioni positive: Milano piu’ tonica, +0,6%, poi Parigi, +0,4%, Londra +0,3%, Francoforte +0,2%. A Wall Street, dopo una seduta poco movimentata, il Dow Jones ha chiuso a +0,4%, Nasdaq ed S&P500 +0,3%: nella settimana, Dow -0.1%, S&P +0,1% e Nasdaq +0,6%.

Il dato macroeconomico USA piu’ importante di venerdi’ scorso è stato quello sul mercato del lavoro americano a marzo: escludendo il comparto agricolo, sono stati creati 431 mila posti di lavoro aggiuntivi, qualcosa in meno rispetto alle attese di 490 mila. Si tratta dell'undicesimo mese consecutivo di “jobs creation”, e inoltre i dati di gennaio e febbraio sono stati rivisti di +23 e +72 mila unita’ rispettivamente.

Il tasso di disoccupazione e’ sceso a 3,6%, battendo le attese, rafforzando il quadro congiunturale dell’economia Usa e avvalorando uno scenario di politica economica piu’ restrittiva da parte della FED (Banca Centrale Usa), che avra’ buone ragioni per accelerare il ritmo di aumento dei tassi in contrasto all'inflazione galoppante. Oggi, 4 aprile, i dati di febbraio degli ordini di beni durevoli e all’industria in Usa.

John Williams, Chairman della FED regionale di New York, sabato 2 aprile, ha affermato di aspettarsi una “sequenza di passi” che portera’ un innalzamento dei tassi su livelli più “normali” rispetto al contesto inflattivo. Giovedi’ 7 saranno pubblicate le minute dell’ultima riunione, che dovrebbero fornire indicazioni su prospettiva e velocita’ dell’aumento dei tassi e sulla riduzione degli attivi di bilancio della Banca Centrale.

Eurostat (Ufficio di statistica dell’Unione Europea) ha comunicato il dato preliminare dell’inflazione dell’Area a marzo, salita a +7,5% annuale rispetto a +5,9% di febbraio, scontando il boom dei prezzi dei prodotti energetici, +45% da +32% di febbraio. Il dato di variazione mensile, +2,5%, supera le attese di +1,8%, e riflette le tensioni sulle materie prime scatenate dal conflitto in Ucraina.

In Italia, nonostante il contesto difficile, l’Indice PMI (Purchasing managers Index) sulla fiducia dei direttori degli acquisti, pur calando, resta largamente in area di espansione, 55,8 a marzo contro 58,3 di febbraio.

Il Consiglio Europeo sta valutando nuove sanzioni contro la Russia, ma il fronte non e’ compatto: mentre la Polonia invoca la “linea dura”, la Germania tende a lasciare fuori dalla discussione le forniture energetiche.

In Ungheria, alle elezioni presidenziali, ha nuovamente prevalso il conservatore Viktor Orban, sostenitore di una posizione meno rigida verso Mosca e apertamente critico verso il Governo ucraino.

Sul mercato valutario non ci sono grandi novita’, col Dollaro in lieve rafforzamento sull’Euro, +0,3% a 1,106 ed il Rublo molto volatile: dopo aver perso venerdi’ circa -4% verso Euro attorno 95, oggi recupera quasi +3% a 92,7 (ore 13.00 CET).

La decisione degli Usa di rilasciare per 6 mesi una buona parte delle proprie riserve strategiche, combinata con una prospettiva di crescita rallentata in Cina ed Europa, concorrono a tenere “tranquillo” il prezzo del petrolio: stamane il WTI (West Texas Intermediate) resta attorno 99,3 Dollari/barile (ore 13.00 CET).

La settimana per le Borse asiatiche inizia bene, grazie al recupero dei titoli tech cinesi dovuto alla decisione della China Securities Regulatory Commission (autorità di controllo cinese dei mercati finanziari) di rimuovere i divieti di condivisione delle regole contabili delle aziende cinesi quotate negli Usa: un provvdenziale cambio di passo che supera un decennio di rigidita’ e divergenze tra Usa e Cina.

L’indice Hang Seng Tech di Hong Kong ha guadagnato +3%, l’Hang Seng “generale” +1,3%, Nikkei giapponese +0,2%, Kospi +0,6%. ASX200 australiano +0,4%, Sensex +2,2%, Borse cinesi chiuse, per la festa della luminosità.

A fine mattinata, le Borse europee sono prive di direzione, con indici vicino alla parita’: i futures di Wall Street anticipano aperture stabili (ore 13.30 CET).

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti. Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti.
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati. Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.




Per ulteriori informazioni:

bit.ly/wisdomtree-daily-update
Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.