Peter_Braganti

WisdomTree Tactical Update - 21.09.2021

TVC:NI225   NIKKEI 225
La crisi Evergrande continua a pesare sul mood dei mercati.
Il FOMC del 21-22 settembre decisivo per il “tapering” della Fed.
L’inflazione resta il tema piu’ caldo per tutte le Banche centrali.
Borse europee e futures americani tentano il rimbalzo.





Lunedi’ nero, ieri, 20 settembre, per le Borse di tutto il Mondo. Pesa l’attesa per la riunione della Federal Reseve (Banca Centrale Usa), che probabilmente mercoledì 22 indichera’ come procedere con la riduzione degli stimoli monetari e soprattutto col cosiddetto “tapering”, cioe’ la riduzione graduale degli acqusiti di bond sul mercato, che dall’inizio della crisi pandemica procede al ritmo di 120 miliardi di Dollari/mese.

Ad incidere sull’umore dei mercati anche la situazione del gruppo immobiliare cinese Evergrande, col suo riflesso negativo sul settore real estate dell’area asiatica. Vista la chiusura per festivita’ della borse cinesi e giapponesi, le vendite hanno colpito soprattutto a Hong Kong, dove l‘Hang Seng, che ha sfiorato anche il -6%, ha chiuso a -3,3%.

L’azione Evergreen ha perso ieri un altro 10%, portando a superare il -80% di perdita di capitalizzazione di borsa negli ultimi 12 mesi. Portatrice di un debito netto superiore ai 300 miliardi di Dollari, difficilamente sara’ oggetto di un salvataggio diretto da parte del Governo che, per ora, si e’ limitato a chiedere alle principali banche creditrici di procrastinare le date di pagamenti degli interessi e a rinnovare i prestiti in essere.

Come “pensiero parallelo” gli investitori ritengono che le autorità cinesi estenderanno al “real estate” quella stretta normativa che ha gia’ interessato altri settori, come il tecnologico, i videogiochi, la sanità e l’educazione privata. D’altro canto Pechino avra’ buone ragioni per arginare gli effetti del crack Evergrande sulla popolazione e sull’economia in generale.

Preoccupa, infine, la continua salita dei prezzi delle materie prime, con l’indice CRB ai massimi dal 2015, e l’intuitiva spinta all’aumento dell'inflazione.

A fine giornata, i principali listini europei hanno chiuso in forte calo, con lo Stoxx 600 europeo ai minimi da luglio, -1,7%. Il Dax tedesco ha perso il -2,3%, proprio il giorno in cui il paniere rappresentato saliva da 30 a 40 titoli. Il FtseMib italiano ha segnato -2,6%, il Cac40 parigino -1,7%, il Ftse100 britannico -0,8%.

Wall Street, reduce da due settimane di cali , ha anch’essa vissuto una giornata difficile: il Dow Jones ha segnato -2,5%, il Nasdaq -3,0%, lo S&P 500 -2,6%, similmente al Bitcoin ed alle altre valute digitale, che hanno perso in media oltre il -10%.

Giornata pesante anche per il prezzo del petrolio, con WTI (West Texas Intermediate) e Brent in calo superiore al -1,5%. Stamane, 21 settembre, il WTI e’ in rialzo del +1% a 71 Dollari/barile (ore 12.30 CET). Va tuttavia ricordato che la scorsa settimana i prezzi dei principali “crude” erano saliti oltre il +3%, sul calo delle scorte di greggio degli Stati Uniti, la prospettive di crescita della domanda e la paura degli uragani sul Golfo del Messico.

Stamattina, 21 settembre, l'effetto Evergrande sui listini asiatici permane, ma attenuato. Con le Borse cinesi e coreana ancora chiuse per il “mid-autumn festival”, a soffrire di piu’ e’ il Nikkei nipponico, chiuso ieri per festività, e oggi a -2,7%.
L’Hang Seng di Hong Kong è in lieve recupero, +0,5%, il Sensex indiano è in rialzo del +0,3%, dopo che un report di Goldman Sachs prevede un brillante futuro per l’economia indiana e le sue Borse, anche per effetto del forte aumento dei capitali esteri in vari settori dell’high tech.

I principali listini azionari europei, a fine mattinata, provano a recupero il crollo di ieri, con variazione medie positive del +1,2% (ore 12.45 CET): che il clima sia piu’ sereno sembra testimoniato anche da tassi in lieve recupero sui “governativi”, con quello del Treasury 10 anni a +1,33% e quello sul BTP italiano a +0,71%.

Sul fronte valutario, poche variazioni tra ieri ed oggi: il cambio Euro /Dollaro e’ stabile da venerdi 17 scorso, attorno a 1,173. Qualche segnale di risveglio di interesse riguarda l’oro, il cui prezzo si sta assestando attorno a 1.765 Dollari/oncia.

Nella settimana piu’ ricca di meeting delle banche centrali, evidenziamo come ieri, dalle banche centrali australiana e neozelandese siano arrivati messaggi accomodanti (“dovish”), che ridimensionano le attese di un prossimo massiccio rialzo dei tassi di interesse.

Oggi, 21 settembre, alcuni membri della BCE , tra i quali il vice presidente de Guindos, interverranno ad conferenza organizzata dal Financial Times, dopo che ieri il collega Villeroy si e’ detto convinto che l’inflazione dell’area Euro tornerà presto al 2% e che la politica monetaria accomodante durera’ ancora a lungo.

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti. Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti.
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati . Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.






Per ulteriori informazioni:

https://bit.ly/wisdomtree-daily-update
Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.