marco_costanza

USD\CAD e Petrolio contro il dollaro.

CURRENCYCOM:OIL_CRUDE   Crude Oil
Dopo aver visto nell’analisi precedente il cambio GBP/USD , ci teniamo sempre a favore di dollaro ma questa volta sfruttiamo anche una correlazione che abbiamo visto qualche mese fa sempre un’analisi operativa.

Andremo infatti ora a vedere i grafici di USD/CAD e successivamente del petrolio per scoprire che ci danno la stessa indicazione, un’ottima notizia che aggiungerà validità alla nostra analisi.

Partiamo dal grafico del cambio USD/CAD


La situazione non è molto differente da quella vista nell’analisi del 14 Maggio che abbiamo fatto insieme, ma rivediamola per chiarezza. Sul settimanale il livello di supporto è sempre molto interessante. L’indicatore poi continua a tenere la sua forte distanza il che come già visto indica un disequilibrio che il prezzo “dovrebbe” in qualche modo recuperare.


Sul giornaliero vediamo poi il prezzo che effettivamente ha arrestato per ora la propria corsa al ribasso e l’indicatore che mostra sempre una situazione di disequilibrio. La cosa più interessante di questa operazione è sicuramente il rischio rendimento che possiamo ottenere nel lungo periodo cercando di andare a prendere la prima resistenza interessante.

Ovviamente sono consapevole che trattandosi del mercato del Forex, un movimento del genere potrebbe richiedere anche qualche mese, ma non sarebbe una notizia cattiva perché in caso il prezzo partisse veramente al rialzo avremmo il modo di poter piramidare la posizione man mano che sale.

Questa operazione come vi dicevo all’inizio, è supportata anche dalla visione che ho sul petrolio, con il quale il cambio è strettamente correlato in maniera inversa. Infatti se in questo caso abbiamo visto un rialzo, sul petrolio vedo una situazione di ribasso.


Nel grafico settimanale si nota molto bene la forte resistenza che stiamo testando in questo momento, nonché il disequilibrio del nostro indicatore. Mentre scendendo sul giornaliero


La semplicità torna a farla da padrona e vediamo come il prezzo si sia fermato dopo aver ritestato alla perfezione i massimi precedenti. Come mostrato in foto possiamo scegliere se porci un target più vicino ed eseguire un’operazione con un rischio rendimento di 1:2 o essere un po’ più ambiziosi e puntare al secondo supporto facendo così un’operazione più difficile ma con un RR di 1:3,5.

Un’operazione davvero molto banale che vuole sfruttare le indicazioni dell’analisi tecnica a quelle della teoria fondamentale.


Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.