Peter_Braganti

WisdomTree - Tactical Daily Update - 03.03.2022

BLACKBULL:WTI   West Texas Intermediate Crude Oil cash
Dal fronte ucraino notizie tragiche per morti e distruzioni in molte citta’.
Qualche spiraglio di un “cessate il fuoco” dall’incontro di Brest di oggi.
Materie prime alle stelle, dal petrolio a quelle Agricole: inflazione boom!
L’inflazione galoppante rallentera’ la stretta monetaria delle Banche Centrali.


Le operazioni militari in Ucraina proseguono alimentando un tragico bilancio ed una crisi umanitaria inimmaginabile sino a poche settimane fa. Tuttavia il fronte diplomatico resiste, e le delegazioni ucraina e russa si riuniscono nuovamente oggi, 3 marzo, nella provincia di Brest in Bielorussia.

La speranza e’ che venga individuato un terreno comune di discussione sul quale definire termini e condizioni di un “cessate il fuoco”. Alcune agenzie di stampa russe, citando il capo dei negoziatori russo Vladimir Medinskij ed il Ministro degli Esteri Lavrov, lasciando aperto lo spiraglio di un possibile accordo.

Intanto accelera il processo di esclusione economica della Russia da molti ambiti economici e finanziari: i big internazionali dell’indexing MSCI e FTSE Russell hanno rimosso le azioni russe dai rispettivi indici, le societa’ di rating Moody's e Fitch hanno abbassato il rating del debito sovrano della Russia a “junk”.

Questo si somma alla decisione di estromettere in modo graduale le banche russe dalla piattaforma di regolamento internazionale Swift: per il momento il provvedimento riguarda 7 istituti ed esclude big names come Sberbank e Gazprombank.

La situazione politica, militare e diplomatica resta pericolosa, tesa e incerta e cio’ continua a far crescere i prezzi di tutte le materie prime, a cominciare da quelle energetiche, con petrolio e gas ai massimi da oltre 10 anni: l’inflazione, nel breve termine, continuera’ a crescere, su questo non ci sono dubbi.

Il Presidente americano Joe Biden , ieri, 2 marzo, nel Discorso dell'Unione, ha ripetuto che la lotta al rialzo esagerato dei prezzi al consumo, che negli Usa a febbraio ha superato abbondantemente il +7% annuo, resta una priorita’ assoluta.

Ovvio che nel Discorso il Presidente si sia riferito anche alla situazione in Ucraina, prevedendo per il Presidente russo Putin un caro prezzo per le azioni militari dell'ultima settimana.

Sul fronte “caldo” dell’inflazione europea, il capo economista della Banca Centrale Europea, Philip Lane, ha detto ieri che l'attuale picco di +5,8% medio a febbraio, e’ dovuto a "shock" dell'offerta di energia e di altre materie prime, ma si e’ ben guardato dal descriverlo come un fenomeno transitorio.

Intanto la Banca Centrale Russa ha deciso lo stop alle contrattazioni della Borsa per il terzo giorno consecutivo e la moneta nazionale, il Rublo, continua a toccare nuovi minimi verso le principali valute internazionali, superando i 125 Rubli contro Euro (ore 14.00 CET).

Tuttavia, guardando alle Borse di ieri, vediamo segni positivi sia a Wall Street che in Europa, rafforzatesi dopo le dichiarazioni di Jerome Powell, Chairman della Banca Centrale Usa, che si e’ detto convinto di conseguenze abbastanza contenute dell’azione militare russa in Ucraina, e della necessita’ di un approccio molto graduale nella prossima stretta monetaria.

L’ipotesi piu’ accreditata e’ ora di un aumento di 25bps nei prossimi giorni: sul tema della “nomalizzazione” dell’abnorme attivo di bilancio della FED, resta prevalente l’ipotesi del suo avvio a partire da maggio/giugno.

Ieri, in chiusura, lo S&P 500 ha segnato +1,9%, con sei sub-indici settoriali in rialzo su 11. Nasdaq +1,6%, Russell 2000 (mid e small caps), +2,5%: non sembra ancora incidere, come temuto, il fatto che il consenso sugli utili 2022 delle società americane indichi la prima revisione al ribasso: non accadeva da meta’ 2020.

Pur con una elevata volatilita’, figlia dell’ansia e del rammarico derivante dalle notizie dal “fronte ucraino”, le Borse europee hanno chiuso vicino ai massimi della seduta: Milano +0,7%, Madrid e Parigi +1,6%, Londra +1,5%, Francoforte +0,7%.

Dopo il calo dei rendimento dei giorni scorsi, tipico effetto “flight to safety”, il comparto obbligazionario ha vissuto ieri, 2 marzo, una giornata di relativa tranquillita’, con lo spread BTP-Bund decennale a 151 bps ed il rendimento del decennale italiano a +1,53%.

L’ottimismo di Wall Street potrebbe aver propiziato il rialzo di stamane, 3 marzo, delle Borse dell’Asia-Pacifico: Nikkei giapponese +0,8%, Hang Seng di Hong-Kong +0,5%, pur nella persistente debolezza della “technologia”, testimoniata dall’indice Hang Seng Tech che a meta’ seduta ha toccato il suo minimo storico. CSI 300 di Shanghai&Shenzen -0,6%. Kospi coreano +1,5%. ASX200 australiano +0,5%.

Il petrolio WTI (greggio di riferimento Usa), e’ ancora in rialzo: +3,1% a 114,1 Dollari/barile, al massimo da 11 anni.

La domanda di greggio e’ robusta, l’Opec+ (Cartello dei maggiori esportatori) ha aumentato di soli 400 mila barili/giorno l’offerta per il prossimo mese, ma il petrolio russo fatica ad essere collocato e consegnato, sebbene offerto a prezzi super scontati: l’Ural a quasi -20 Dollari/barile meno del Brent nord-europeo.

Le Borse europee, mediamente in calo del -0,6% (ore 14.00 CET) attendono gli sviluppi sul fronte diplomatico e militare ucraino. I future di Wall Street sono piatti.

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti . Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti .
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati. Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.


Per ulteriori informazioni:

https://bit.ly/wisdomtree-daily-update
Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.