FX:EURCHF   Euro / Franco svizzero
Buongiorno Traders,
quante analisi sto vedendo ora su EURCHF . Ha raggiunto infatti in questi giorni un livello tecnico importante.
Più che un'analisi, questo è un racconto. Il 15/01/15 EURCHF va da 1.20 all'inferno e ora ne fa ritorno!
Cosa è successo in quei momenti? Cosa è quella candela rossa di 40 figure?
4000 pips di oscillazione in pochi minuti sono cose che si ricordano!

Chi di voi c'era?

Il momento della violazione di quel fatidico 1.20 fu fatale e da lì in poi ci fu il Panico!
Stoploss saltati, conti esplosi, broker falliti, retail con conti negativi che avrebbero dovuto restituire i soldi persi, insomma dal quel 15/01/2015 nulla fu più come prima e le famigerate regole che ESMA ha introdotto sulla leva nel recente passato, ne suono una diretta conseguenza.

Ma perché 1.20 è stato ed è ancora un livello così importante?

Il livello di 1.20 era stato individuato e voluto mantenere dalla SNB il più possibile fisso per agevolare i rapporti import/export tra Svizzera e UE .
Quello che è successo al Franco Svizzero è il risultato di quello che è stato stato un chiaro e forzoso tentativo di manipolazione del mercato tra cambi che è riuscito sì per qualche anno ma che poi ha generato in un solo minuto, forse, molti più danni dei benefici.

Se da un verso il floor a 1.20f sarebbe servito per agevolare il mercato reale, dal lato speculativo ha dato l'opportunità a traders di speculare proprio su questo livello. Era facile infatti posizionarsi long in prossimità di 1.20 ed aspettare l'esplosione di qualche decina di pips per via dell'intervento della SNB che avrebbe immesso nuova liquidità. Il giochino ha funzionato per qualche anno, il giochino si chiamava "bancomat"!
Il problema era che la volatilità in quei momenti era di pochi pips, qualche decina se andava bene, e per guadagnarci qualcosa si sarebbe dovuto entrare con leva alta .

I fenomeni del momento incoraggiavano ed entrare: tutto sembrava facile! Anche senza stoploss, tanto sotto 1.20 c'era il floor, dicevano!
Retail con conti da qualche migliaio di Euro dichiaravano spavaldamente di essere esposti per qualche centinaio di volte la loro capitalizzazione!
Infatti per un broker che offriva leva 1:400, il suo cliente poteva con 1000 euro sul conto andare long anche con 3 lotti che equivalgono a 300.000 Euro , impegnando un margine di 750. Con 3 lotti e un valore del pip di 25 Euro (30 CHF) sarebbe andato in margin call perdendo 100 pips, quindi "mai" se l'entrata fosse stata più prossima possibile a 1.20.

Mentre per qualcuno il giochino funzionava, sotto si stava caricando una molla. Ad aggravare la situazione, qualche giorno prima del 15 gennaio, il governatore confermò in conferenza stampa la volontà di mantenere invariato il floor.

Apparentemente non c'erano rischi ma come si sa i mercati non elargiscono pasti gratis.

Alle 10:30 il governatore annuncia che non sarebbe più stato sostenibile il mantenimento di tale livello e da lì ci fu il panico: esistendo solo quotazioni di scambio solo sopra 1.20, il prezzo non trovò compratori sotto di se e precipitò per 4000 pips in pochi minuti!
In quegli istanti moltissimi stoploss non vennero eseguiti al livello stabilito ma al miglior livello che nel caso specifico fu quando riapparvero le contrattazioni per cui distantissimi dai livelli impostati. Chi venne eseguito così si vide addebitare una perdita elevatissima nei migliori dei casi ma nei peggiori vedere stoppata la posizione con saldo negativo!
Un saldo negativo vuole dire che le perdite sono superiori ai depositi e quando il broker batterà cassa, bisognerà darglieli.
Leggevo nei forum di gente che avrebbe dovuto vendere la casa per saldare la perdita!

In quell'occasione la fortuna fu dalla mia parte: lo stop mi venne preso al giusto livello facendomi perdere veramente poco.
Fu un'occasione per capire la sostenibilità del mio money management e per inserire in ogni operazione uno scenario "cigno nero" che è la base del mio risk management.

Commento: ► Ti è piaciuto il mio racconto? Mettimi un like

→ Scrivimi nei commenti cosa ne pensi e come è stata la tua esperienza

☼ inizia a seguirmi così non ti perderai mai un mio aggiornamento.

Buon Trading
Heryberto Biondi
Mi fa pensare la mancanza di aneddoti, storie personali o leggende da raccontare!
In un social fatto da miglia di "traders" (ora il tra-virgolette sembra d'obbligo) mi vengono in mente maliziosi pensieri...
Rispondi
Non sapevo della storia completa... grazie mille di averla raccontata.
Effettivamente il fatto che ci fosse una "vincita" sicura sul mercato avrebbe dovuto far sospettare qualcosa, chissà se questa cosa fu fatta con il chiaro intento di bruciare i polli... secondo te?

Come fai a proteggerti dai cigni neri?
Rispondi
@Prastal, sicuramente pochi ci guadagnarono tanto e tantissimi ci persero. Il mercato non ha memoria perché l'avidità insita nell'essere umano lo porta a sottovalutare i rischi. quello che fa la differenzia tra un pollo e un professionista dei mercati è la capacità di mantenere inalterati i BIAS cognitivivi in qualunque situazione.

Nel XVII secolo ci fu la bolla dei tulipani, nel XX ci fu il '29, nel XXI le dot-com, i sub-prime e ora si fa ranto parlare di Bitcoin ma tutti questi fenomeni hanno 3 caratteristiche in comune riconducibili ad un comportamento umano.
1)Sopravalutare se stessi,
2)sottovalutare i rischi e
3) la "riprova sociale"
sono i 3 elementi più distruttivi per chi fa questo mestiere.
Riuscire a venirne a capo già ti restituisce più del 50% degli strumenti/abilità per vivere nei mercati. Non ci sono grafici, non c'è analisi tecnica ma solo testa.


E' impossibile proteggersi dai cigni neri tuttavia prima di aprire una posizione analizzo vari scenari. questa analisi rientra nel mio modello di money management e risk management che guarda più in la della singola operazione. Non è importante per me se un'entrata la indovino in quell'analisi perché sposto il mio focus dal "comprare il prezzo" al "comprare il tempo".

E' un modello che mi ha permesso di diventare performante anche con analisi cannate in pieno.
Per ora resta un mio segreto ci ho lavorato per migliaia di ore e non lo darò via gratis!
Non è solo un modello matematico ma un vero e proprio modo di vedere il trading.
E' un percorso di formazione mentale vero e proprio.


Fortunatamente pochi lo colgono...
Rispondi
Prastal HerybertoBiondi
@HerybertoBiondi, Bah mi sembra strano onestamente... il profitto lo tiri fuori dalle operazioni comunque.
Senza il rischio non puoi tirare fuori rendimenti dai mercati, lo puoi calcolare e controllare, ma sempre devi correrlo.
Rispondi
@Prastal, non ho detto che è esente da rischi...
+1 Rispondi
IT Italiano
EN English
EN English (UK)
EN English (IN)
DE Deutsch
FR Français
ES Español
PL Polski
SV Svenska
TR Türkçe
RU Русский
PT Português
ID Bahasa Indonesia
MS Bahasa Melayu
TH ภาษาไทย
VI Tiếng Việt
JA 日本語
KO 한국어
ZH 简体中文
ZH 繁體中文
AR العربية
HE עברית
Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Come funziona Caratteristiche Grafico Regolamento Moderatori Soluzioni per broker & siti web Widget Libreria di Grafici azionari Suggerisci funzionalità Blog & Novità FAQ Aiuto & Wiki Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione I miei ticket di supporto Contatta il supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci