PoltiNicho

- BASI DEL FOREX - "STRUTTURA DI MERCATO".

Formazione
FX:GBPJPY   Sterlina / Yen giapponese
- Basi del forex -

La struttura di mercato è alla base di tutto per essere un buon trader profittevole.

Come spiegato nell' idea precedente, il mercato non si muove in maniera uniforme ma bensì in fasi di impulso e fasi di rintracciamento.

Capire però la potenza del mercato in base alla divergenza prezzo-tempo è fondamentale perchè può dare un'indicazione di quando il trend sta perdendo la sua forza e cosi trovare il punto di inversione.

Abbiamo la statistica a nostro favore quando la nostra entry è a favore di trend , per questo è molto importante riconoscere la struttura e distinguere la fase espansiva ( a favore di trend ) dalla fase contrattiva ( non a favore di trend ).

La struttura di mercato agli estremi presenta delle macro zone con interesse istituzionale, allinearsi al trend di una macro zona istituzionale fa in modo di fare operazioni con rischio-rendimento più elevato.

Se sei interessato a scoprire altre cose sulle - basi del forex - lascia un commento qui sotto, sarà ben accettato.

(Tutto a scopo informativo, quello che ho spiegato è il frutto delle mie ore passate a studiare).

Commenti

Grazie. Molto interessante. Mi piacerebbe capirne tanto di più
+1 Rispondi
@MarRoss scrivimi pure in privato per qualsiasi info
Rispondi
Come fai ad affermare che le "macro zone" citate da te presentino un interesse istituzionale?
Utilizzi qualche indicatore ?
Quali dati analizzi per individuare questo interesse su grafico in tempo reale?
Su quali cross hai notato maggiormente questa ricorrenza?
La cosiddetta forza come la misuri?
"Struttura" relativa a quale arco temporale?

Faccio queste domande non con fine provocatorio ma per capire se si stia parlando di aria fritta oppure di documentazioni serie sulla frequenza di uno scenario a mercato.

Questi discorsi sulla struttura (ammesso che esista) li trovo troppo relativi. Se mi parli di statistica a mio favore vorrei vedere un bel foglio Excel con all'interno dati sulla frequenza di questi eventi, così da poterci strutturare sopra un piano operativo.

La narrazione è una cosa l'operatività è diversa, solo che chi si approccia al panorama trading pensa che fare questo lavoro significhi fare l'indovino e azzeccare le "previsioni di mercato".
Colorare i grafici non serve a nulla giovane, ci sono passato anche io, guarda il mio storico.
+1 Rispondi
PoltiNicho TullioGraneris
@TullioGraneris, Ciao Tullio, ti ringrazio per il tuo commento e mi fa piacere rispondere.

L'idea è di formazione e non di analisi, quindi le "macro zone" da me citate servono per far capire come nel mercato esistano zone istituzionali (dove loro si posizionano a miglior prezzo) e zone retail, riconoscerle e allinearsi a quella struttura aumenta la possibilità di winrate.
Non utilizzo nessun tipo di indicatore, penso che capire la logica di mercato e il perchè dei movimenti sia molto più funzionale.
I pair all'interno della mia check-list sono stati testati secondo il mio modo di operare e ho selezionato quelli che statisticamente hanno rispettato meglio le mie conferme e con un winrate vantaggioso.
La forza di un impulso si misura con la quantità di pips che ha fatto in determinate candele-tempo .
Come sai benissimo anche tu ogni TF presenta una sua struttura di mercato, allineare la struttura di un tf più basso con la struttura di un tf più alto aumenta la statistica.

Probabilmente la tua presunzione non ti ha fatto capire che si stava parlando in maniera teorica e informativa.
Dovresti sapere che non c'è nessuna strategia nel mondo del forex che possa rispecchiare al 100% la narrazione con l'operatività, si tratta di aumentare la probabilità da essere nel tempo profittevole grazie al RR.

Potrai essere più "avanti" di me nelle conoscenze ecc. ma io quello che so cerco di spiegarlo a chi non lo sa e il risultato nel trading è completamente soggettivo, ognuno ha la propria visione e la propria operatività.

Ti ringrazio per l'invito a guardare il tuo storico giovane, ma non lo farò, guardare i tuoi "risultati" non renderà migliore me.
+11 Rispondi
Montanaro PoltiNicho
@PoltiNicho, sei un signore.
+4 Rispondi
@PoltiNicho, ribadisco, sei un signore
+1 Rispondi
giuseppecolombi15 TullioGraneris
@TullioGraneris, ne ho visti di meglio... trader da tastiera
+1 Rispondi
Non ho reso l'idea, con la frase "guarda il mio storico" , intendevo che dalle cazzate di analisi smart Money e priceactionerate varie ci sono passato ed il mio storico ne è pieno. Se ricercate la statistica la troverete analizzando i dati oggettivi che sono variabili da asset ad asset. Parlando di istituzionali e studi grafici vari non si ricava una mazza , si cade nel relativismo più assoluto ! Siete alla pari degli analisti tecnici che nella nuova scuola di pensiero criticate tanto. Non voglio essere scortese in nessun modo. Le mie erano domande mirate a definire la sostanza del discorso ! Affermi con certezza che i movimenti che vedi sul grafico sono causati da istituzioni ? Bene ! Provamelo. Mostrami in modo scientifico che si tratta di questa roba.
Rispondi
@giuseppecolombi15 spiega perché mi definisci così
+1 Rispondi
@giuseppecolombi15 mi ha fatto stare male il tuo commento comunque, non penso sia corretto dare a nessuno del trader da tastiera, io ho sacrificato molto per imparare a Tradare 2 asset in croce ed avere un bagliore di profittevolezza. Il lavoro da parte mia è tanto. La tua è stata una cattiveria. La mia passione quando scrivo un commento come quello di sopra è tanta. Comprendo la complessità del mestiere e le formule fatte e finite su come si debba leggere un grafico ho capito che non portano a nulla, devono avere dati a supporto. Tu puoi essere profittevole come vuoi , puoi tradare anche il "dog pattern" e costruite storie su come le mani forti agiscano sui livellini di prezzo. Ma se mi parli di statistica allora parliamo di orari , prezzi medi , volatilità , volumi, correzioni, inefficienze e ulteriori dati oggettivi che distinguono uno strumento da un'altro.
+1 Rispondi