Coneicom

Rialzo per Meta

Short
Coneicom Aggiornato   
NASDAQ:META   Meta Platforms, Inc.
Lo scorso 15 Ottobre abbiamo esaminato insieme alcuni dati fondamentali di Meta.

per chi non ricordasse la pubblicazione suggerisco di vedere lo storico degli articoli pubblicati da Coneicom:
(it.tradingview.com/chart/META/EdqoB98m/)


Allora comunicammo che il titolo Meta sarebbe stato appetibile se avesse raggiunto i 100$.
Con la divulgazione dei dati economici il titolo proseguì lo storno e, dopo un forte gap al ribasso, raggiunse gli 88$.

Da allora il titolo ha ripreso la corsa al rialzo ed ha avuto una performance del +63% in soli 83 giorni.

Oggi spiegheremo il motivo del rialzo, con la strategia di trading applicata, e analizzeremo i punti di controllo o di attenzione del trade.

Il 4 Novembre 2022 Meta ha raggiunto l'attuale bottom, prezzando la singola azione 88$.
Da allora il prezzo ha subito dei progressivi rialzi accompagnati da fasi di accumulo importanti.
Era probabile che il prezzo potesse recuperare a breve il gap dello storno, dovuto alla dichiarazione degli utili, ma si sarebbe trattato di una vera e propria scommessa, che tendenzialmente nel mondo degli investimenti è bene evitare per non incorrere in brutte sorprese.

Il primo vero segnale di acquisto è arrivato con la rottura al rialzo dei 100$ (1) con la dichiarazione da parte di Mark Zuckerberg del taglio di 11.000 posti di lavoro (su questo argomento ci torneremo tra poco).

Nei giorni successivi, il prezzo si è incastrato all'interno delle medie mobili esponenziali a 19 e 34 periodi, avviando la prima fase di accumulo.

Con la rottura al rialzo della media a 34 periodi è arrivato il secondo segnale di acquisto (2), consolidato con la rottura della moving average a 50 periodi.

Il successivo raggiungimento della media mobile esponenziale a 59 periodi ha permesso a molti trader di ottenere delle prese di beneficio (+ 23% in 23 giorni di contrattazione sono stati infatti un ottimo motivo) e ad altri di accumulare le posizioni dopo il conseguente storno ed il nuovo raggiungimento della media esponenziale a 19 periodi.

Dal 6 Dicembre al 30 Dicembre, il prezzo ha avviato una fase di lateralizzazione. Si può dire, a tal proposito, che gli azionisti di Meta non abbiano assistito ad alcun Rally di Natale. Rally che è avvenuto con la rottura al rialzo della media mobile esponenziale (3), che fino ad allora aveva fatto da resistenza per ben 4 volte.

Da allora il prezzo non si è guardato più indietro ed ha concesso ai più timidi di posizionarsi long dopo la rottura della media mobile esponenziale a 100 periodi (4).

Ed ora cosa fare?

Il prezzo si sta avvicinando al punto di controllo, ovvero alla zona di possibile uscita per chi ha cavalcato il rialzo in tutte le sue 4 fasi:
La soglia prossima ai 150$.

Le domande da porsi ora sono:
1) il prezzo avrà la forza di rompere la media a 200 periodi?
2) il prezzo risentirà della trendline dinamica superiore del canale rialzista?
3) il prezzo sentirà la soglia psicologica dei 150$?

Noi abbiamo la nostra idea in merito e invitiamo i trader alla riflessione e alla prudenza.

Il 1° Febbraio ci sarà la dichiarazione degli utili di Meta ed il discorso di Powell.

Come saranno gli utili dell'azienda?
Le stime prevedono utili e fatturato di 2.256 e 31.528B$
Utili in +37,8% e fatturato in +13,7% rispetto ai rilasci precedenti.
Stando alle dichiarazioni di Zuckerberg, l'azienda fornirà ai dipendenti licenziati 15 settimane di indennizzo e la maturazione di quote azionarie limitate (fonte legit.ng). Stando a queste informazioni, Meta riuscirà a superare le aspettative degli analisti?

A voi la parola.

Saluti,

Silvio Esposito



Trade chiuso: stop raggiunto:
Meta sorprende gli investitori con ricavi sopra le attese (anche se gli EPS restano più bassi) e la notizia di un acquisto di 40 miliardi di azioni proprie.

Declinazione di responsabilità

Le informazioni ed i contenuti pubblicati non costituiscono in alcun modo una sollecitazione ad investire o ad operare nei mercati finanziari. Non sono inoltre fornite o supportate da TradingView. Maggiori dettagli nelle Condizioni d'uso.