UniversiTrading

Elliott Waves SP500 prove di inversione

CME:SP1!   Futures S&P 500
Nel grafico ho ipotizzato una classificazione degli ultimi due grandi movimenti del future americano sull’indice Standard & Poors 500.
Partendo dal top assoluto, realizzato lo scorso 20 febbraio, le quotazioni hanno messo a segno una forte discesa pari a circa 1.200 punti o poco di più, per poi recuperare oltre l’80% del movimento discendente realizzato da febbraio a fine marzo.
Per pulire il grafico dal “rumore” del mercato utilizzo un grafico Renko. Nella prima discesa possiamo leggere un totale di 7 movimenti, e chi conosce la teoria delle onde di Elliott sa bene che 7 movimenti hanno carattere correttivo.
Di conseguenza ho classificato il primo movimento di grado primario come un’onda A, il secondo come un’onda B e i restanti movimenti come 5 onde di una C in estensione.
Allo stato attuale neanche il secondo movimento rialzista partito dal minimo di fine marzo, nel suo grado superiore, risulterebbe a carattere impulsivo. Possiamo classificare 5 onde di una potenziale A in estensione e, dopo una correzione in onda B, un movimento netto in onda C.
Nell’ipotesi di classificazione che ho giudicato probabile fino a questo momento, proverei a considerare chiusa tutta l’onda correttiva (al rialzo) partita dal minimo di fine marzo e ipotizzare una possibile inversione ribassista di medio termine che potrebbe riportare le quotazioni vero area 2.800 prima e 2.600 poi.
In conclusione potremmo assistere ad un rialzo al massimo in area 3.230 e poi alla partenza di un movimento impulsivo verso il basso.
Momentaneamente gli indicatori, di volume e di momentum, confermerebbero questa ipotesi.
Nel caso in cui invece i prezzi rompessero con decisione area 3.230 verso l’alto, dovremo riclassificare tutto il movimento partito dai minimi di fine marzo.
Buon Trading
Agata Gimmillaro

Commenti