HerybertoBiondi
Short

Analisi intermarket settimana 51: panic selling!!!

SPCFD:SPX   Indice S&P 500
Come sfruttare il panico del parco buoi per fare cassa.
Il quadro intermarket è ora ben delineato. I più importanti indici sono tutti negativi con pesanti perdite da inizio anno.
In questa situazione il trading su mercati correlati è tipicamente risk off.

Nikkei

VIX

Dollar index

Il Dollar index per ora non si muove in coerenza e per questa inefficienza sarà da osservare e/o sfruttare.
In questo caso saranno da ricercare setup di direzione coerente con il quadro risk-off che preferiscono acquisti di CHF, JPY e GOLD .

GOLD ► Long
USDJPY ► Short
USDCHF ► Short

Come sempre raccomando a chi non sa come e su quali mercati opero, a come gestisco il risk/money management e la posizione, di NON APRIRE OPERAZIONI solo perché le faccio io .

Se hai bisogno e vuoi capire come opero, mandami un messaggio in privato.

Per trasparenza e correttezza ho deciso di aggiungere i miei dati di performance aggiornati ad oggi 18/12/2018.
→Conto reale:
dall'inizio dell'anno, gli statement riportano 78,18% di operazioni vinte con un rapporto profitto/perdita di 3.27:1 su 220 trade eseguiti e chiusi.

Buon Trading

PS: Qualsiasi previsione fornita non è un indicatore affidabile di risultati futuri.
I pensieri e le opinioni espresse sono esclusivamente quelle dell’autore. Le analisi sono solo a scopo informativo e non devono essere considerate come una consulenza finanziaria. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. La decisione di agire in base alle idee ed ai suggerimenti presentati è a sola discrezione del lettore.





Settimana scorsa persino in classe parlavano della fine del ciclo economico e l'inizio della crisi, mi è sembrato l'anno scorso che tutti parlavano di comprare bitcoin.
Secondo me in questi casi bisogna andarci con i piedi di piombo, il grafico diventerà ribassista solamente se questa settimana il prezzo chiuderà sotto il supporto di febbraio... e come sappiamo i professionisti muovono il capitale in chiusura candela.... chissà che non ci saranno sorprese prima di venerdì.
Personalmente se dovessi operare aspetterei un rimbalzo rialzista dopo la rottura (e chiusura) sotto i minimi di febbraio per entrare short, oppure un rimbalzo ribassista dopo la rottura al rialzo di 2780 per entrare long.

USDJPY ► Short ---> Credo che ti convenga piuttosto Long EURUSD

GOLD ► Long ---> Forse sei un po' in ritardo...
Rispondi
@Prastal, Sarà tutto da vedere, la bravura del trader sta nella capacità di "cambiare visione" velocemente e adattarsi al mercato.
SP500: il rimbalzo sui livelli che hai indicato è tecnicamente fattibile. Tuttavia, più che l'aspetto tecnico, prendo in considerazione quello psicologico. Da inizio anno la perdita è superiore al 4%. NIKKEI perde 8%. Gli indici cinesi perdono a doppia cifra! Ci sarà poca voglia tra gli investitori a tutti i livelli, almeno nel futuro prossimo, a tenere posizioni long almeno nel mercato dell'equity. Per cui sono più propenso verso la discesa che non al recupero con tutto ciò che ne consegue sui correlati.

EURUSD: long ok

Se la fase di fuga dal rischio si mentine sono sempre compratore di GOLD. Certo di strada ne ha già fatta ma quanta ne potrà ancora fare se in mercati continuano a stornare? Io un cippino lo metto. Poi si fa sempre a tempo aumentarlo con risk free.
Rispondi
Prastal HerybertoBiondi
@HerybertoBiondi, Cosa accade secondo te ora? :P
Rispondi
@Prastal, volevo scriverci due righe questo we visto che è un bel po che non aggiorno...
Rispondi
Prastal HerybertoBiondi
@HerybertoBiondi, Quello che io vedo è questo...


Ovvero un mercato da vendere (all'attivazione del doppio max)... poi magari mi sbaglio eh.
Rispondi
@Prastal, si, ma io non escludo l'insacco...
Rispondi
Analisi lucida ed a mio modesto parere anche centrata.
Il grafico mensile che ormai hanno visto tutti dello sp500 fa paura e sono tutti pronti a shortare l'indice, io ho già raccolto qualcosa qua e la; ma il grafico l'ha visto anche la Fed...
Normalmente in USA indici su e dollaro su...e viceversa; ma come si concilia l'aumento di tassi USA ed il dollaro giù? Se aumentano i tassi, aumenteranno i rendimenti delle obbligazioni di stato che se non sbaglio sono acquistabili in dollari, vendere dollari è costoso.
Come farà il dollaro a scendere con il continuo aumento del divario di rendimenti tra dollaro e le monete "rifugio"? Ci penso tutti i giorni, guardo sempre il grafico EURUSD (anche se non è una moneta rifugio) e vedo l'euro long ma sto alla finestra, quando non sono sicuro sto fermo.
E soprattutto, come si muoveranno gli USA (sempre loro!) per un mantenimento delle attuali quotazioni degli indici o per un atterraggio morbido?
Adesso dico una vaccata e tolgo la mano (quella del lancio del sasso nello stagno), ho pensato a due alternative, la prima è che dopo l'aumento dei tassi di oggi, il 2019 sarà caratterizzato da un blocco degli aumenti, se non addirittura una diminuzione. La seconda alternativa (questa è la vaccata) che oggi l'aumento dei tassi non ci sarà....
Buona giornata e grazie come al solito.
Rispondi
@Montanaro, l'aumento o il mantenimento dei tassi USA aiuterà a mettere un po di chiarezza sul quadro e magari si potrà capire meglio in che fase di rotazione settoriale si è. Ci si adatta al mercato. Il bello del mestiere del trader è che si può guadagnare in qualsiasi direzione vada il mercato.
Rispondi
Home Screener azioni Screener forex Screener cripto Calendario economico Show Come funziona Caratteristiche Grafico Costi Regolamento Moderatori Soluzioni per broker & siti web Widget Librerie grafiche Libreria grafica leggera Centro di supporto Invita un amico Suggerisci funzionalità Blog & Novità FAQ Wiki Twitter
Profilo Impostazioni profilo Account e fatturazione Invita un amico I miei ticket di supporto Centro di supporto Idee pubblicate Follower Seguiti Messaggi Privati Chat Esci