CFI

Ftse Mib: questo non è niente

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index
Di Fabio Pioli, trader professionista





Una cosa è chiara, e voglio sempre puntualizzarla: questo non è niente!

Il movimento al ribasso cui abbiamo assistito nelle ultime settimane ha spiazzato un po tutti (in piena verità, però, abbiamo cercato di mettere in guardia sul fatto che la volatilità che ci sarebbe stata avrebbe preso con le mani nella marmellata la maggior parte delle persone).

Avevamo anche spiegato il perché. Era dovuto al prolungarsi del laterale tra l’ 1 Luglio e il 30 Luglio (Figura 1): in tale periodo il mercato ha abituato la gente che tutto fosse sotto controllo (“dove vuoi che si vada, sta sempre lì”) con l’ effetto finale che chiunque si è trovato impreparato rispetto a questo successivo movimento. Chi era al ribasso ha chiuso la posizione con un utile piccolissimo, chi era al rialzo è rimasto “con le mani nella marmellata”.
Noi avevamo raccomandato di non fare niente, senza cercare di indovinare, tanto sarebbe stato comunque controproducente.




Fig 1. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero.




Mi raccomando, adesso un errore tipico sarebbe quello di pensare che siano state le notizie a cambiare le cose. Non si faccia tale errore, altrimenti non si imparerà mai dal passato.

Se noi (e le grosse banche; non quelle italiane naturalmente) sapevamo che ciò che è successo sarebbe dovuto accadere, solo in base al grafico, cosa centrano le notizie? Nulla.

Quello che ora è importante capire (e anche qui, bisogna riconoscere che lo scrivo da mesi) è che quanto è accaduto non è proprio nulla rispetto al movimento che ci sarà.

E perché dico questo? Perché il laterale in cui siamo non è quello micro tra il 1 Luglio 2019 e il 30 Luglio 2019, che ha prodotto un misero movimento di 1.500- 2.000 punti che sembra sconvolgere così tanto i più, ma è un macro laterale che va avanti da più di 10 anni, per l’ esattezza dall’ Ottobre del 2008 (Figura 2).




Fig 2. Future Ftse Mib 40 – Grafico settimanale.





Vi immaginate dove possano andare i prezzi una volta che si uscirà da tale laterale?

Vi assicuro che nell’ immaginazione non potete andare nemmeno vicini alla realtà e, anche questa volta, i più (nessuno escluso, direi più precisamente) rimarranno spiazzati perché abbagliati dalle oscillazioni attuali e impreparati rispetto a quelle, ben più ampie, future.

Detto questo, resta da aggiungere la direzione.

Sì, perché, nonostante adesso i più siano tutti concordi sul ribasso (come fino a maggio 2018 erano ovviamente rialzisti a 24.000 punti di fib) nessun movimento è ancora partito e anche la direzione, rialzista o ribassista che sia , sarà una sorpresa, così come sarà una sorpresa il modo in cui partirà.

Possiamo dire qualcos’ altro?

Sì, possiamo dire che il movimento ribassista è ancora una volta partito “strano” (uso questo termine impreciso ma ci sono parametri matematici oggettivi che giustificano tale affermazione) e che, anche se volessimo fare una semplicissima analisi dei gap (livelli che sappiamo essere fortemente attrattivi per i prezzi, esistono sia gap al rialzo (23.910, 22.515, 21.090 e 20.660) sia al ribasso (18.165) (Figura 3).




Fig 3. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero.




Qualcuno, prossimamente, si farà veramente male.


























Fabio Pioli comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing.
In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’ indipendenza di una ricerca in materia di investimenti e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti