CFI

Ftse Mib: attenti alla noia

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index

Di Fabio Pioli, trader professionista




Noia sul mercato? I prezzi sembrano non andare né su né giù e allora meglio andare in vacanza?

Attenti perché tutte le volte che succede così si sta per partire per un grosso movimento.

E’ successo così nel 2015 quando i prezzi stettero per circa 9 mesi in area 22.500 punti prima di partire al ribasso; è accaduto uguale nel 2016 quando i prezzi lateralizzarono ancora per 9 mesi attorno ai 16.500 punti prima di partire al rialzo ed è successo ancora nel 2017-2018 quando nuovamente per 9 mesi ci si fermò, avanti e indietro in area 22.500 prima di andare in un trend negativo (Figura 1).


Fig 1. Future Ftse Mib 40 – Grafico settimanale.



E succederà anche adesso, stiamone certi, come allora.

Come allora quasi nessuno riuscirà a prendere il movimento (i nostri segnali, per la verità, sono entrati in direzione tutt’ e tra le volte) ma la differenza con allora è che adesso entrambe le direzioni, long e short sono probabili.
Mentre allora, in tutti e tre i casi , avevamo scritto che cercavamo rispettivamente uno short, un long e ancora uno short (era molto semplice), adesso è molto semplice dire che ci sarà un grosso movimento ma non si può dire la direzione.

E’ un problema? No. E’ la stressa identica cosa perché, come allora, sarà un semplice segnale che indicherà tutto, direzione, entrata, quantitativi giusti, stop-loss adeguati e uscita.

Non vedo altro modo per affrontare i mercati.

Quindi prepariamoci ad affrontare il movimento, perché è vero che non sono 9 ma solo 5 i mesi che il mercato lateralizza in questa fascia (Figura 2) ma, dato che le oscillazioni sono fatte per stupire, potrebbe essere già pronto.

Fig 2. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero.



E ovviamente lo siamo anche noi.

Il motto è sempre lo stesso: non fare niente se non hai almeno l’ 80% di probabilità a favore di guadagnare.







Strumenti di analisi: analisi dei laterali.








Fabio Pioli comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing.
In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’ indipendenza di una ricerca in materia di investimenti e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti