CFI

Ftse Mib: tre aspetti di direzione.

MIL:FTSEMIB   None
In questa fase il future sull’ indice italiano presenta tre aspetti grafici fondamentali e verificabili.
Da un lato, si trova alle prese con tutte le possibili linee di resistenza immaginabili:
la retta che unisce i massimi di lunghissimo periodo, che risalgono agli anni 2010 prima e 2015 poi ( linea bianca in Figura 1) e quella che congiunge i massimi crescenti di breve periodo ( linea gialla ), ad esempio.

Sotto un secondo aspetto, quello relativo alla forma, il grafico evidenzia come, oltre a trovarsi alle prese con molte resistenze, vi sia arrivato in un modo che è identificabile come un rimbalzo dai minimi, più che un movimento direzionale: la forma A – B – C, che deriva da quanto conosciuto dall’ analista americano Elliott lo affermerebbe come l’ opzione più probabile.

Il terzo elemento da considerare è la velocità di arrivo alle resistenze attuali: mancanza di alternanza di movimento, come deve invece sempre avvenire e un RSI superiore a 70 (scala bassa) rappresentano un universale indice di ipercomprato.

Sulla base di questi tre fattori i dubbi che si pongono a chi è “ scarico “ sono inferiori a quelli che attanagliano chi detiene titoli.

I primi infatti, sebbene sappiano che non si debba mai mettersi short senza segnale, pena non conoscere le probabilità di successo, riconoscono che comprare sulle resistenze, per giunta in ipercomprato e su una figura di possibile fine rimbalzo potrebbe essere una tattica suicida.
Non ne hanno la certezza, come non c’è certezza di avere sempre un incidente mortale se si viaggia ai 200 all’ ora in autostrada ma, anche se a volte semplicemente si arriva prima, sanno che non ne vale la pena.

I secondi invece hanno dubbi peggiori: non sanno se vendere e quando vendere e temono che , senza informazioni, mantenendo, potrebbero perdere una parte se non buona parte o tutto quello vedono “guadagnato” in questo momento.

E’ il solito dubbio che si riscontra se si tenta di prevedere il futuro perciò attendiamo, per tutta tranquillità, che siano segnali oggettivi e conosciuti a guidare le scelte tenendo, come prima cosa, sotto controllo il rischio.


Strumenti di analisi: analisi delle onde di Elliott , supporti e resistenze dinamici.