Colazioneawallstreet

MERCATO ORSO O SEMPLICE CORREZIONE?

Long
TVC:SPX   S&P 500
In molti si sono spinti a marzo 2020 a gridare "al ribasso" per un mercato azionario che ha perso in poco tempo più del 30% in poche settimane, per poi recuperare completamente (per quanto riguarda USA e Cina , Europa e Giappone ancora stentano) nel giro di un paio di mesi. Ecco quindi che uscire o entrare sui mercati in base alle emozioni è sempre una scelta sbagliata. In questo momento, i mercati hanno valutazioni decisamente elevati (il CAPE di Shiller a 10 anni ha un valore superiore a 30, storicamente solo la bolla delle Dotcom era superiore) ma il trend di fondo rimane rialzista. Questo perchè ciò che molti ancora non hanno capito (o fanno fatica a capire) è che l'andamento negativo di marzo 2020 NON ERA UN MERCATO ORSO (avete mai visto un Bear Market di 2 settimane?), ma una correzione (certo, molto forte senza dubbio ma pur sempre una correzione) di un trend rialzista che come possiamo vedere dal grafico dura ormai dal 2009. Perciò da bravi investitori dobbiamo stare attenti a cogliere questi dettagli, e se da un lato restiamo costruttivi nel breve grazie al trend, questo non vuol dire unirsi all'esercito di improvvisati che nell'ultimo periodo sta acquistando sui massimi a mani basse (vedi utenti di siti di trading a costo zero e così via). Infatti all'interno dei nostri portafogli, che sono presenti nella nostra Area riservata del nostro sito web in abbonamento, in questo momento seppur esposti sull'azionario, abbiamo iniziato a portare a posizionarci sulla "parte bassa" della nostra forchetta riservata alla parte rischiosa di portafoglio, con un incremento della quota di Cash, in modo da essere pronti quando un'altra correzione dovesse verificarsi (settembre è storicamente il mese peggiore per le Borse, non è detto che capiti anche quest'anno ma mai dire mai). Contemporaneamente restiamo esposti con una piccola quota strategica di oro (già da parecchi mesi con profitti in doppia cifra) e l'incremento delle logiche di Piani di accumulo, soprattutto nei mercati dalle valutazioni più elevate. Alla prossima!
Colazione a Wall Street

Commenti