MatteoFarci

CORRELAZIONE TRA IL DOLLARO USA E LE MATERIE PRIME:I MOTIVI

AMEX:DBC   Invesco DB Commodity Index Tracking Fund
Ciao ragazzi, come vi avevo promesso nella scorsa idea, oggi vi porto la spiegazione del motivo per cui il prezzo delle materie prime dipende fortemente dal dollaro USA.
Come ben saprete, tutte le materie prime vengono scambiate, comprate e vendute con una sola moneta di riferimento, che è appunto il dollaro USA. La spiegazione di ciò credo sia il fatto che l'economia più forte nel mondo è appunto quella statunitense. Detto ciò, vi ho riportato nel grafico l'andamento del dollaro USA (prezzo in arancio), il DX1! , e un indice sulle materie prime, ossia l'Invesco db commodity index, che è formato da un paniere di 24 future sulle materie prime.
La prima cosa che balza all'occhio è la grande correlazione, inversa in questo caso, tra i due asset: vediamo ad esempio che il massimo formato dal dollaro il 19 marzo 2020 corrisponde ad un minimo sul prezzo dell'indice delle commodities . Ancora, vediamo che dal 20 luglio 2020 il prezzo delle commodities è esploso al rialzo, mentre quello del dollaro è sceso in maniera quasi direttamente proporzionale rispetto alle commodities stesse. La domanda è: perchè questo accade?

Come abbiamo detto in precedenza, tutte le materie prime sono scambiate in dollari; l'asset che vi ho riportato sul dollaro non è altro che un indice che ingloba all'interno di se altri piccoli asset (nel senso che se parliamo di indice di materie prime, parleremo di un indice formato da petrolio, mais, grano, zucchero, rame...mentre se parliamo di indice del dollaro, parleremo di un indice formato dal dollaro contro altre valute come EURUSD , USDCAD , USDJPY , NZSUSD ecc ..).. se quindi l'indice del dollaro scende, cosa significa? Significa semplicemente che alcuni di quei cambi all'interno dell'indice si stanno rinforzando contro il dollaro . Per il nostro esempio, immaginiamo che l'Euro si sta rinforzando rispetto al dollaro. Siccome l'Euro si è rinforzato contro il Dollaro, significa che il mio Euro varrà di più rispetto al Dollaro stesso. Adesso immaginiamo che il 1 gennaio EURUSD valga 1.19 mentre il 1 febbraio valga 1.23; immaginiamo che voglia comprare un barile di petrolio, che costa 60$: il 1 gennaio, con i miei euro , spenderò 50,42€ (facendo la divisione 60$/1,19€).; se invece andassi a comprare il barile il1 febbraio, andrò a spendere meno, ossia 48,78 euro (facendo la divisione tra 60$/1,23€)..adesso capite?

Quando il dollaro è debole, conviene a tutti gli investitori stranieri comprare qualcosa in USD, poichè, con gli stessi soldi (della loro moneta, nel nostro caso Euro ) comprerebbero di più. Se invece il dollaro si trovasse a valori molto molto alti, converrebbe chiaramente di meno comprare: infatti, se EURUSD valesse, ad esempio, 0,85, io quel barile di petrolio da 60$ lo pagherei 70,58€, quindi molto di più rispetto a quando il dollaro era debole contro l'euro.
Ecco spiegato il motivo di questo pump enorme delle materie prime. Molti trader ( io stesso, ad esempio) hanno sfruttato proprio questa correlazione per andare a speculare, e sono sicuro avranno avuto enormi soddisfazioni.
Vi è tutto chiaro? Se non lo fosse contattatemi, sono disponibile a tutti!
Buon trading!

Commenti

Ciao matteo, tutto molto chiaro. Cosa succederebbe se il piano dello stimolo fiscale di biden venisse approvato? il dollaro perderebbe valore?
Rispondi
MatteoFarci ivan_8896414
@ivan_8896414 Quando tutte le banche centrali hanno deciso di iniettare tantissima liquidità a tutte le aziende, è successo che l'azionario ha inizato a crescere, crescere e crescere ancora, con quasi tutte le borse (americane, ad esempio) che hanno toccato i massimi storici. In tutto questo contesto invece il dollaro è quasi crollato,iniziando un trend discendente che tutt'ora è tale.. considerando questi fondamentali, credo che lo stimolo fiscale di Biden (che è stato praticamente approvato) farà bene all'azionario (se anche i rendimenti delle obbligazioni si mantenessero bassi o comunque stabili), e quindi di conseguenza il dollaro non dovrebbe acquistare tantissimo valore. Questa è una mia idea, poi bisognerà vedere cosa effettivamente succederà, perchè il mercato poi fa quel che vuole!
In ogni caso potremmo comunque vedere il dollaro rafforzarsi se le notizie economiche statunitensi diventassero tutte positive; da considerare anche le vaccinazioni: hai visto cosa fa ultimamente il Pound inglese? In Inghilterra la maggior parte della popolazione è vaccinata, e di questo ne ha beneficiato il GBP...potrebbe succedere anche al dollaro? Chissà, ma potrebbe essere un si!
Rispondi