CFI

Ftse Mib: non ci si faccia prendere di sorpresa

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index

Di Fabio Pioli, trader professionista





Dalle resistenze partono i movimenti: o si rompono e si viaggia fortemente al rialzo o ci si infrange contro e si va fortemente al ribasso. E’ quindi il momento ideale per tenere in considerazione i vari scenari.




Tempo fa si scrisse su queste pagine che si sarebbe dovuto stare attenti a farsi allettare dalle oscillazioni di prezzi che, inevitabilmente, vi sarebbero state in un mercato in rimbalzo.

Questo è tanto più vero ora che queste oscillazioni allettanti di prezzi ci sono state: si stia attenti a non abbassare la guardia.

Sì, attenzione perché purtroppo il pesce piccolo viene pescato sempre alla stessa maniera: non ha lunga memoria e quindi lo si prende facendolo nuotare sempre nelle stesse acque.

Se dunque personalmente pensate che il peggio sia alle spalle, alzate la guardia invece di abbassarla.

Perché dico questo adesso? Perché è proprio adesso che va detto. Anche per me è sempre uguale: quando tutti abbassano la guardia perché si è sulle resistenze allora io devo gridare la verità: “attenzione che qui il mercato non è rialzista ma è proprio sugli obiettivi del rimbalzo, il punto ideale dal quale si potrebbe scendere”.

Cosa significa questo? Significa forse che si scenderà e che si debbano vendere tutti i titoli in portafoglio? No, non significa questo.

Significa forse che non si salirà? No, non significa questo.

Significa semplicemente due cose:
1) non si compra sulle resistenze nella speranza che esse vengano rotte (sarebbe come il pesce che si getta nella rete nella speranza di scapparne) e
2) si deve fare un piano contro la discesa che contempli, al momento giusto, vendere tutti i titoli in portafoglio, coprirsi o, per chi è adeguato, mettersi in posizione short (attenzione, qui la parola magica è al momento giusto ma il piano bisogna farlo ora o averlo già fatto in funzione di tale momento giusto).

Ho detto tutto ma ne voglio dare giustificazione grafica.

Il mercato ha rimbalzato dai minimi (come deve fare) ed è arrivato sulle sue resistenze (come deve fare). Non è tuttavia diventato rialzista. Questo significa che:
1) o diventa rialzista, superando in un certo modo i massimi precedenti di 20.395 punti (Figura 1) e allora si può sperare che si vadano a colmare i gap di 20.715, 22.200, 24.685 e 25.165 punti.




Fig 1. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero.




2) o rimane ribassista e allora si va sotto i 14.000 prima e i 12.000 punti poi (Figura 2)



Fig 2. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero.




Attenzione: qui non si tratta di preferenze ossia di essere rialzisti o ribassisti, ottimisti o pessimisti. Non si tratta di opinioni. Molti ad esempio, ogni volta che propongo questi scenari dicono: “sì ma se si dovesse verificare lo scenario ribassista dovrebbe esserci una notizia terribile”. Lasciate perdere le notizie (come vedete, all’ occorrenza, le notizie vengono fuori, leggi ad esempio “coronavirus”). Lasciate perdere l’ immaginazione.

Uno dei due scenari è certo perché lo dice la storia: un laterale più che decennale porta necessariamente con sé un’ oscillazione macroscopica (Figura 3) di cui abbiamo per ora visto solo i preamboli. Quindi se lo sapete fare, fate un piano per non subirlo; se non lo sapete fare affidatevi a chi lo faccia per voi.



Fig 3. Future Ftse Mib 40 – Grafico settimanale.



















Fabio Pioli comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing.
In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’ indipendenza di una ricerca in materia di investimenti e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti