CFI

Ftse Mib: un rettangolo “storico”

TVC:FTMIB   Milano Italia Borsa Index
Di Fabio Pioli, trader professionista







Parliamo questa settimana della figura tecnica dei rettangoli.

Questi sono configurazioni piuttosto interessanti che avvengono regolarmente sui mercati finanziari a motivo del fatto che esprimono graficamente un processo laterale.

Dal momento che i processi laterali occupano circa il 90% del tempo all’ interno delle manifestazioni dei prezzi, i rettangoli si presentano quasi sempre come molto lunghi. In termini geometrici quindi la base del rettangolo è molto spesso un multiplo dell’ altezza.

E’ quello che sta accadendo sull’ indice italiano: è evidente infatti come unendo prima i massimi e poi i minimi relativi degli ultimi 11 anni, i prezzi formino un laterale con lato superiore in area 24.000- 23.500 punti circa e lato inferiore in area 15.000 punti (Figura 1).



Fig 1. Future Ftse Mib 40 – Grafico mensile.



Un’ altra caratteristica dei rettangoli è che, rappresentando sempre processi di accumulazione o distribuzione, ossia processi in cui le banche mondiali assumono posizioni nette al rialzo oppure al ribasso, la fuoriuscita dal rettangolo provoca sempre un trend, una direzione di lungo periodo.

Tale trend ha, tipicamente, un obiettivo pari all’ altezza del rettangolo rotto.

Quindi, per quanto riguarda il future sull’ indice italiano, gli obiettivi sono rispettivamente 32.000 punti per il rialzo (Figura 2)



Fig 2. Future Ftse Mib 40 – Grafico mensile




o 6.500 punti per il ribasso (Figura 3).




ig 3. Future Ftse Mib 40 – Grafico mensile




Non ci crediamo? Vediamo, per convincercene, cosa è successo in passato, perché la storia insegna e, inevitabilmente, si ripete.

Nel 2015 i prezzi erano in laterale tra 24.000 e 21.000 per quasi un anno quindi una volta rotti i 21.000 punti al rialzo si sarebbe dovuti andare a 18.000. E così è stato (Figura 4).




Fig 4. Future Ftse Mib 40 – Grafico settimanale




Un esempio contrario? Nel 2016 si era stati in laterale per quasi un anno tra 18.000 e 15.000 punti, cosicché una volta rotti i 18.000 punti si sarebbe dovuti andare a 21.000. E così è stato (Figura 5).




Fig 5. Future Ftse Mib 40 – Grafico settimanale

















Fabio Pioli comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing.
In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’ indipendenza di una ricerca in materia di investimenti e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti